Da ottobre tornano le visite nei cantieri del Parco Archeologico di Ercolano


Dal 2 ottobre torna l’appuntamento con Close Up Cantieri: i visitatori possono accedere ai cantieri del Parco Archeologico di Ercolano. 

Torna, per il terzo anno consecutivo, al Parco Archeologico di Ercolano l’appuntamento che avvicina i visitatori al dietro le quinte degli operatori, Close Up Cantieri

Nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, il venerdì, i visitatori potranno condividere gli ultimi sviluppi e i risultati dei lavori di manutenzione e di restauro con la speciale guida di restauratori, archeologi e architetti. Un evento che si è rivelato nel corso delle passate edizioni molto richiesto dal pubblico del Parco. 

Quest’anno Close up Cantieri presenta una vera full immersion nella vita del sito archeologico, facendo accedere i visitatori nei cantieri in corso e dialogare con i funzionari che si occupano della gestione dei progetti d’intervento. Saranno questi ultimi infatti ad accompagnare il pubblico e a illustrare le attività giornaliere necessarie per la cura, la manutenzione e il restauro dell’area archeologica.

Si partirà venerdì 2 ottobre con tre turni di visita: ore 11.00, 11.30 e 12.00, per gruppi di massimo 10 visitatori.  L’attività sarà supportata anche dal personale Ales. Poi si proseguirà nei giorni 9, 16, 23 e 30 ottobre, 6, 13, 20e 27 novembre, 4, 11 e 18 dicembre. 

Ogni settimana i visitatori saranno guidati nei cantieri in corso e diffusi su tutto il sito: un modo per scoprire insieme il patrimonio archeologico del Parco come un organismo vivo in costante attività e di vivere da protagonisti il dietro le quinte dei lavori in corso al Parco.

Le visite si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid 19. La prenotazione avverrà nell’area della biglietteria, dove i visitatori troveranno dalle 10.30 alle 11.45, un funzionario del Parco che accoglierà le prenotazioni fino ad esaurimento della disponibilità.

"Si rinnovano i fortunati appuntamenti del venerdì mattina Close-Up Cantieri, progetto che intende dare continuità all’iniziativa già realizzata nel 2018 e nel 2019, che ci ha donato un riscontro davvero positivo da parte del pubblico" ha commentato il direttore Francesco Sirano. "Close-Up Cantieri è un programma di inclusione del pubblico e di partecipazione nelle attività di restauro e manutenzione dell’eccezionale patrimonio archeologico dell’antica città, e il nostro principale intento è di sensibilizzare i turisti verso le problematiche conservative di un sito archeologico complesso come quello di Ercolano, stimolandoli nella direzione di una fruizione sempre più consapevole e partecipata".

 

 

Da ottobre tornano le visite nei cantieri del Parco Archeologico di Ercolano
Da ottobre tornano le visite nei cantieri del Parco Archeologico di Ercolano


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Forse termineranno le visite alla Scarzuola, la bizzarra città ideale di Buzzi
Forse termineranno le visite alla Scarzuola, la bizzarra città ideale di Buzzi
Firenze, Palazzo Pitti avrà un modello 3D virtuale grazie a scansioni laser e droni
Firenze, Palazzo Pitti avrà un modello 3D virtuale grazie a scansioni laser e droni
Come sarà il museo del futuro? In arrivo una serie di webinar
Come sarà il museo del futuro? In arrivo una serie di webinar
Venezia, rinasce un gioiello della città cinquecentesca: Palazzo Vendramin Grimani
Venezia, rinasce un gioiello della città cinquecentesca: Palazzo Vendramin Grimani
Un museo che fa viaggiare nel tempo, unico in Italia. A Mestre apre M9, il primo museo multimediale italiano
Un museo che fa viaggiare nel tempo, unico in Italia. A Mestre apre M9, il primo museo multimediale italiano
La mostra su Simonino da Trento del Museo Diocesano Tridentino vince l'European Heritage Award
La mostra su Simonino da Trento del Museo Diocesano Tridentino vince l'European Heritage Award