A Genova sorgerÓ un museo dedicato ai cantautori liguri, nell'abbazia di San Giuliano


Il MiBACT stanzia le risorse decisive per creare la Casa dei Cantautori Liguri, un museo, a Genova, interamente dedicato al celeberrimo cantautorato della regione.

Con uno stanziamento di 3 milioni di euro, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha dato il via libera alla sistemazione dell’Abbazia di San Giuliano a Genova e alla realizzazione, in questa sede, della Casa dei Cantautori Liguri. In un documento del MiBACT si legge che questo nuovo museo sarà un “polo culturale dedicato alla musica dei grandi autori liguri della canzone italiana” e “preserverà la conservazione del complesso religioso”. In particolare, il progetto, dedicato a cantautori come Fabrizio de Andrè, Bruno Lauzi, Ivano Fossati, Umberto Bindi, Gino Paoli, Luigi Tenco, “intende realizzare”, si legge ancora nella nota del MiBACT, “una casa della musica con una funzione duplice: una espositiva, ove ripercorrere in modo interattivo il repertorio e la biografia dei cantautori anche con la mostra degli oggetti in possesso delle famiglie o delle fondazioni; una formativa con l’istituzione di corsi di formazione legati alle nuove professioni della musica”.

La nuova Casa dei Cantautori Liguri fa parte del piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali” che è stato finanziato dal MiBACT con la somma di 103 milioni di euro in tutto, stanziati per undici progetti in tutta Italia. Si tratta in realtà di un progetto partito già nel 2018, con le prime dotazioni finanziarie (1,5 milioni di euro) per i lavori di riqualificazione dell’ex complesso monastico, che si trova nel quartiere genovese di Albaro, lungo la strada che costeggia il mare. La Casa ha anche un comitato scientifico, composto da Dori Ghezzi, Paolo Masini, Margherita Rubino, Massimo Bernardini, Cesare Torre e Serena Bertolucci. Si prevede che il museo (il cui soggetto attuatore è la Regione Liguria) sarà aperto nel giro di due anni.

“La prima tranche di finanziamenti”, ha spiegato l’assessore regionale alla cultura, Ilaria Cavo, “si è concentrata sul primo lotto relativo all’area destinata alla parte espositiva e museale, oggi in fase avanzata di progettazione e che andrà a gara per la sua realizzazione entro la fine dell’anno. Gli ulteriori 3 milioni stanziati adesso serviranno invece per realizzare il secondo lotto, derivante dall’acquisto da parte del MiBACT nel 2018 dai padri benedettini di una porzione del complesso abbaziale dove si svilupperà la parte formativa e dove sorgerà l’auditorium, con una estensione anche della parte museale. La Fondazione della Casa dei Cantautori prevede la partecipazione di Regione Liguria, MiBACT e Comune di Genova. Il finanziamento complessivo per la realizzazione di questa iniziativa culturale ammonta quindi a oltre 6 milioni di euro, destinati a Genova e alla Liguria grazie al progetto di Regione che il MiBACT ha voluto accogliere, finanziare e sostenere”.

Il nuovo museo includerà cimeli e memorabilia dei grandi cantautori liguri, dischi, strumenti musicali e molte fotografie ma, si sa dalle anticipazioni, sarà anche in grado di avvalersi di un percorso che farà largo uso della multimedialità per portare il pubblico alla scoperta del grande cantautorato ligure.

Nella foto: Genova, l’abbazia di San Giuliano

A Genova sorgerÓ un museo dedicato ai cantautori liguri, nell'abbazia di San Giuliano
A Genova sorgerÓ un museo dedicato ai cantautori liguri, nell'abbazia di San Giuliano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER