I musei di Firenze si raccontano su Zoom. Quattro proposte diverse per conoscerli


Un calendario di appuntamenti su Zoom per conoscere i musei fiorentini: è la proposta lanciata dai musei del Comune e della Città Metropolitana.

A partire da martedì 24 novembre la Città Metropolitana, il Comune di Firenze e MUS.E promuovono un fitto calendario di appuntamenti digitali che coinvolge i musei fiorentini (Museo di Palazzo Vecchio, Museo Stefano Bardini, Museo di Santa Maria Novella, Cappella Brancacci, Museo di Palazzo Medici Riccardi, Museo Novecento, MAD – Murate Art District, centro storico Patrimonio Mondiale), permettendo a chi lo volesse di continuare a frequentarli anche durante la dolorosa fase di chiusura imposta dall’emergenza sanitaria in corso. Un vero e proprio ristoro dei musei, che in questo modo si affiancano alle misure del governo, per restituire energie a quanti lo vorranno.

Arte a domicilio, Mezz’ora d’arte, Mezz’ora con Raffaello, Talking about museums sono le quattro proposte grazie a cui far accedere ogni settimana nelle proprie case l’arte e la cultura, ristoro vitale specialmente nel momento storico attuale. Un insieme di iniziative che, realizzate in collaborazione con Opera per Santa Maria Novella, consentirà ai musei cittadini di rinnovare il proprio impegno a fianco della società non smettendo di offrire occasioni per riflettere, interrogarci e conoscere oltre che per farci compagnia e leggere in modo nuovo il quotidiano.

Apre il palinsesto, martedì 24 novembre, una proposta elaborata nell’ambito del progetto Arte a domicilio, in dialogo con l’Ufficio Patrimonio Mondiale e rapporti con UNESCO del Comune di Firenze. Si chiama Scorci fiorentini, è a cura di Carlo Francini, Giaele Monaci e Valentina Zucchi ed è dedicata alla correlazione fra i musei cittadini e il museo diffuso del centro storico, invita a passeggiare idealmente nella città del passato alla scoperta delle sue vedute nel corso dei secoli. Un viaggio nel tempo fra arti e architetture in cinque puntate, a cui poter partecipare come soci Unicoop, a martedì alterni, sempre alle 18.00, tramite piattaforma zoom. 

Mercoledì 25 novembre, la settimana prosegue dando appuntamento, sulla pagina Facebook di MUS.E Firenze, con Talking about Museums, ciclo di incontri digitali già in corso da settembre che, a mercoledì alterni, sempre alle 18.00, continueranno a vedere coinvolti in dialogo con Valentina Zucchi, responsabile della mediazione culturale per MUS.E, professionisti del mondo della cultura al fine di confrontarsi sul presente e sul prossimo futuro dei musei. 

Venerdì 27 novembre la prima settimana di appuntamenti termina con Mezz’ora con Raffaello, rassegna di incontri digitali, in programma a venerdì alterni, sempre alle 18.00, su zoom dedicati al periodo fiorentino dell’artista urbinate, collaterali alla mostra Raffaello e Firenze, apertasi lo scorso 31 ottobre nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio e temporaneamente sospesa. Raffaello Sanzio.

Al via da martedì 1 dicembre, nell’ambito di Mezz’ora d’arte, visite virtuali su zoom della durata di circa 30 minuti che guidano alla scoperta dei musei fiorentini, un nuovo ciclo dedicato al Museo Novecento con cinque appuntamenti a cura di Elisabetta Stumpo e Valentina Zucchi, in programma a martedì alterni, sempre alle 18.00. 

Arricchisce questo palinsesto anche un nutrito ventaglio di contenuti extra, che verranno regolarmente proposti sui canali social di MUS.E Firenze, Museo Novecento, Palazzo Medici Riccardi e Murate Art District, con un palinsesto settimanale composto da video racconti all’interno dei musei, fotografie immersive a 360° degli stessi, approfondimenti, rubriche giochi e curiosità per conoscere e riscoprire le bellezze dei musei fiorentini.

Tutte le iniziative sono a partecipazione gratuita. Solo le iniziative su piattaforma zoom sono su prenotazione obbligatoria.

Prenotazioni: scrivendo a info@muse.comune.fi.it indicando nome, cognome, giorno scelto. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00, si prega di attendere conferma via mail dell’avvenuta prenotazione. La partecipazione è gratuita, fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione è obbligatoria. Sarà possibile prenotare solo un incontro per volta. Si prega di prenotare solo in caso di effettiva e certa partecipazione alla visita. Qualora sorgessero impedimenti non previsti è necessario disdire entro le 14.00 del giorno stesso della visita, al fine di liberare eventuali disponibilità.

Come partecipare: i prenotati, dopo una prima mail di conferma, riceveranno una seconda mail entro le 17.00 del giorno della visita virtuale con le credenziali per poter accedere a Zoom, da computer, tablet o smartphone. Si può partecipare alle visite scaricando la APP Zoom sul proprio dispositivo e registrandosi gratuitamente. Una volta installata, basterà cliccare sul link ricevuto per partecipare alla visita. In alternativa sarà possibile accedere nella sezione “join a meeting” direttamente dal sito Zoom, inserendo il meeting ID e la password ricevuti.

Per il programma completo, potete visitare il sito ufficiale di MUS.E oppure del comune di Firenze.

I musei di Firenze si raccontano su Zoom. Quattro proposte diverse per conoscerli
I musei di Firenze si raccontano su Zoom. Quattro proposte diverse per conoscerli


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma