Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio


Il Louvre riapre al pubblico dal 6 luglio con modifiche nei percorsi di visita e sale chiuse. Si potrà ammirare la Gioconda a senso unico. 

Il Musée du Louvre riaprirà le sue porte ai visitatori il 6 luglio con nuovi percorsi di visita e tutte le misure di sicurezza necessarie per l’emergenza sanitaria. La sala dove è esposta la Gioconda sarà a senso unico, con entrata e uscita da due porte separate: niente più affollamenti di fronte al celebre dipinto protagonista di tanti selfie. Alcune sale rimarranno chiuse, come quelle che ospitano le sculture francesi del Medioevo e del Rinascimento, le arti decorative rinascimentali, del XVIII secolo e del XIX secolo, le arti di Africa, Asia, Oceania e delle Americhe, un piano del dipartimento dell’arte islamica e il secondo piano delle collezioni pittoriche francesi e nord-europee. 

Il museo sarà visitabile tutti i giorni, eccetto il martedì, dalle 9 alle 18 e tutti i visitaori devono prenotare online la fascia oraria di visita. È obbligatorio l’utilizzo della mascherina e il distanziamento interpersonale. 

Si potrà accedere alla sede museale da due ingressi: da quello della Piramide per biglietti prenotati secondo determinate fasce orarie e dal Richelieu per visitatori con tessera soci e per gruppi.
Le visite guidate private saranno consentite a gruppi di massimo 25 persone. 

Per prenotazione e informazioni, cliccate qui.

Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio
Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER