Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio


Il Louvre riapre al pubblico dal 6 luglio con modifiche nei percorsi di visita e sale chiuse. Si potrà ammirare la Gioconda a senso unico. 

Il Musée du Louvre riaprirà le sue porte ai visitatori il 6 luglio con nuovi percorsi di visita e tutte le misure di sicurezza necessarie per l’emergenza sanitaria. La sala dove è esposta la Gioconda sarà a senso unico, con entrata e uscita da due porte separate: niente più affollamenti di fronte al celebre dipinto protagonista di tanti selfie. Alcune sale rimarranno chiuse, come quelle che ospitano le sculture francesi del Medioevo e del Rinascimento, le arti decorative rinascimentali, del XVIII secolo e del XIX secolo, le arti di Africa, Asia, Oceania e delle Americhe, un piano del dipartimento dell’arte islamica e il secondo piano delle collezioni pittoriche francesi e nord-europee. 

Il museo sarà visitabile tutti i giorni, eccetto il martedì, dalle 9 alle 18 e tutti i visitaori devono prenotare online la fascia oraria di visita. È obbligatorio l’utilizzo della mascherina e il distanziamento interpersonale. 

Si potrà accedere alla sede museale da due ingressi: da quello della Piramide per biglietti prenotati secondo determinate fasce orarie e dal Richelieu per visitatori con tessera soci e per gruppi.
Le visite guidate private saranno consentite a gruppi di massimo 25 persone. 

Per prenotazione e informazioni, cliccate qui.

Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio
Niente più affollamenti nella sala della Gioconda a senso unico. Il Louvre riapre il 6 luglio


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma