Le opere di Gabriele Gabrielli riunite in una sala al Museo Fattori


Nella sala rossa del Museo Fattori di Livorno sono riunite temporaneamente cinque opere del pittore livornese Gabriele Gabrielli presenti nelle collezioni civiche. Occasione per vedere la sua pittura macabra e dai temi esoterici. 

Il Museo Fattori espone temporaneamente nella sala rossa le cinque opere del pittore livornese Gabriele Gabrielli (Livorno, 1895 - 1919) presenti nelle collezioni civiche. Fu artista di grande interesse ma dalla vita tormentata e inquieta, che non mancò di tradurre nelle sue pitture macabre, ossessionate ed eccentriche. L’artista belga Charles Doudelet definì la sua pittura “medianica”, poiché capace di evocare incubi e presagi nefasti.

I visitatori avranno dunque occasione di ammirare Sul letto di morte (1915 – 1917), La cavalcata della Morte (1915 – 1917), Ospedale Notturno – Agonia (1914 – 1919), I fiori del Male (1918 – 1919), Paesaggio Notturno (1918 – 1919).

“Gabriele Gabrielli dipingeva da quattro anni soltanto. E fu la sua una rivelazione improvvisa. Non proveniva da nessuna scuola ed entrava nell’arte senza nessuna preparazione tecnica. Lo confessava egli stesso. N’era anzi orgoglioso”. Annotava così, il 18 dicembre del 1919, un anonimo giornalista del Telegrafo annunciando la scomparsa, a soli venticinque anni, di Gabriele Gabrielli: la sua carriera durò pochi anni. Gabrielli, pittore dall’anima inquieta, aveva infatti deciso di porre fine alla sua vita con un colpo di pistola. Accanito lettore di Edgar Allan Poe e di Charles Baudelaire (da cui desume l’ispirazione per la sua opera qui esposta Fiori del Male), la sua pittura macabra e dai temi esoterici fu fortemente influenzata da Vittore Grubicy De Dragon e da Charles Doudelet, pittori sensibili alle influenze nordiche e simboliste che transitavano spesso in città.

L’esperienza artistica del pittore livornese non mancò di attirare l’attenzione dei contemporanei, ma la precoce scomparsa e una produzione piuttosto contenuta limitarono la sua fortuna critica, e solo in tempi recenti pochi sparuti contributi hanno cercato di valorizzare la sua ricerca anticonvenzionale ma di sicuro interesse.

Potete leggere a questo link il nostro articolo dedicato a Gabriele Gabrielli.

L’allestimento è visitabile nell’orario di apertura del Museo Fattori.

Orari: Da martedì a domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

 Le opere di Gabriele Gabrielli riunite in una sala al Museo Fattori
Le opere di Gabriele Gabrielli riunite in una sala al Museo Fattori


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Il MAXXI lancia il biglietto valido fino al 2121. Una promessa lunga un secolo
Il MAXXI lancia il biglietto valido fino al 2121. Una promessa lunga un secolo
Il Museo Marino Marini diventa palcoscenico di teatro per raccontare il grande scultore
Il Museo Marino Marini diventa palcoscenico di teatro per raccontare il grande scultore
Firenze, partirà a breve un ampio monitoraggio del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio
Firenze, partirà a breve un ampio monitoraggio del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio
Apre un nuovo museo, il Museo Diocesano di Cremona, vicino al Duomo e al Torrazzo
Apre un nuovo museo, il Museo Diocesano di Cremona, vicino al Duomo e al Torrazzo
Ercolano, visite guidate serali al Parco Archeologico nel segno di Ercole
Ercolano, visite guidate serali al Parco Archeologico nel segno di Ercole
20 febbraio 1909: Le Figaro pubblica Manifesto del Futurismo. Esposta a Verona la copia originale
20 febbraio 1909: Le Figaro pubblica Manifesto del Futurismo. Esposta a Verona la copia originale