Palazzo Barberini lancia la nuova rubrica #fictionBarberini


Da martedì 21 aprile le Gallerie Nazionali di Arte Antica Barberini-Corsini lanciano la rubrica #fictionBarberini.

Da martedì 21 aprile, per il martedì di ogni settimana, le Gallerie Nazionali di Arte Antica Barberini-Corsini di Roma propongono una nuova rubrica sui loro canali social Facebook, Twitter e Instagram. 

Si tratta di #fictionBarberini: Palazzo Barberini sarà raccontato dal punto di vista di scrittori, sceneggiatori e registi che hanno avuto un rapporto cinematografico con la sede museale romana. 

Il Palazzo è presente in molti film, come Vacanze Romane (1953),William Wyler e Habemus Papam (2011) di Nanni Moretti, e i suoi ambienti monumentali, i Barberini stessi e alcune opere della collezione non sono stati solo sfondo, ma sono diventati protagonisti in molte opere letterarie.

A partire dall’Ottocento, Palazzo Barberini è divenuto fonte di fascinazione soprattutto per gli scrittori e i poeti stranieri che intrapresero lunghi soggiorni in Italia, come gli inglesi Anna Jameson e Henry Neele.

La sontuosità e magnificenza dell’edificio hanno più volte attirato l’attenzione di letterati, quali D’Annunzio nel Piacere (1889), e la famiglia Barberini è stata tra i personaggi di Dostoevskij nel Giocatore (1866), o di Dumas padre nella Sfinge Rossa (1866).
Percy Shelley, Stendhal, Nathaniel Hawthorne e Herman Melville, solo per citarne alcuni, ripercorrono infine la vicenda di Beatrice Cenci, immortalata nel dipinto conservato a Palazzo Barberini.

Ph.Credit

 

Palazzo Barberini lancia la nuova rubrica #fictionBarberini
Palazzo Barberini lancia la nuova rubrica #fictionBarberini


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma