C'è una app che vi permette di camminare dentro un famoso capolavoro di Rembrandt


Una app lanciata dal Mauritshuis dell’Aia consente, grazie alla realtà virtuale, di entrare in un capolavoro di Rembrandt, la Lezione di anatomia del dottor Tulp.

Se la celeberrima Lezione di anatomia del dottor Nicolaes Tulp, il capolavoro realizzato nel 1632 da Rembrandt van Rijn (Leida, 1606 - Amsterdam, 1669), ha sempre mosso la curiosità, adesso per avere esperienza dell’opera non la si può soltanto ammirare alla Mauritshuis dell’Aia, il museo che la conserva, ma ci si può anche... camminare dentro, e questo grazie alla realtà virtuale. Il museo olandese ha lanciato pochi giorni fa una app, chiamata Rembrandt Reality, che permette di compiere un viaggio nel tempo: collegandosi all’applicazione, ci si ritroverà nel teatro anatomico di Amsterdam per assistere alla lezione di anatomia del dottor Tulp.

Ci si può muovere liberamente tra i personaggi, osservare la dissezione del cadavere, ascoltare le vicende dei personaggi raffigurati e, ovviamente, scoprire la storia del celebre capolavoro. L’applicazione è stata realizzata in collaborazione con la start up Capitola e viene lanciata in occasione delle celebrazioni per l’anniversario numero 350 della scomparsa del grande artista.

Per chi vuole dunque “entrare” nel dipinto di Rembrandt, la strada è semplice: basta avere uno smartphone e collegarsi al Play Store di Google se si ha un dispositivo Android, oppure entrare nell’Apple Store se si dispone di un telefono della casa della mela. Per conoscere meglio Rembrandt Reality è stato realizzato anche un video promozionale su YouTube.

C'è una app che vi permette di camminare dentro un famoso capolavoro di Rembrandt
C'è una app che vi permette di camminare dentro un famoso capolavoro di Rembrandt


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER