Istat, musei 2020: l'8% non ha riaperto dopo la chiusura forzata. Ecco i motivi


Secondo i dati dell’Istat sui musei nel 2020, otto sedi museali su cento non hanno riaperto dopo la chiusura fisica imposta e quasi la metà delle strutture ha meno di cinque addetti. 

Secondo l’ultimo report dell’Istat sui musei, otto sedi museali su cento non hanno riaperto dopo la chiusura fisica imposta a marzo 2020. In particolare, si legge “il 2% delle strutture ha continuato a svolgere soltanto le ordinarie funzioni amministrative, di ricerca e di comunicazione, ma non ha riaperto gli spazi espositivi alla visita del pubblico, mentre il 6% ha sospeso tutte le attività, comprese quelle di gestione e di organizzazione amministrativa del museo”.

L’interruzione delle visite in presenza è stata dovuta per la maggioranza di queste istituzioni (il 41,6%) “perché non ha potuto adottare le misure sanitarie per ridurre i rischi di contagio negli spazi espositivi; per un museo su 10 (11,2%) la mancata apertura al pubblico è strettamente legata alla carenza di personale e di risorse economiche adeguate per il rispetto dei provvedimenti previsti per il contenimento della pandemia”.

“Tra i musei inattivi”, prosegue il report, “la maggioranza è a titolarità pubblica (62,2%), in particolare di enti locali (49,3%), o collocata in piccoli centri urbani fino a 5mila abitanti (45,5%) o in zone rurali scarsamente popolate (45,7%). Più della metà di questi istituti si trova nel Nord (53,7%) soprattutto in Piemonte e in Lombardia. Tra le strutture che sembrano avere risentito maggiormente della chiusura per il contenimento della pandemia figurano i musei di storia e scienze naturali (19,7%), i musei che espongono materiale etno-antropologico (16,7%) e i musei di arte (13,5%)”.

Per quanto riguarda le attività online, durante il periodo di sospensione dell’accesso fisico del pubblico, “il 35,8% è riuscita a garantire attività e servizi online, attivando o incrementando la presenza sia sui principali social media, come Facebook, Instagram, Twitter (24%), sia sulle piattaforme web dedicate (18,5%). Alcune si sono organizzate promuovendo e sviluppando progetti e attività d’interazione e coinvolgimento del pubblico a distanza, attraverso l’offerta, ad esempio, di video interviste, approfondimenti delle collezioni e incontri con esperti del settore in dirette streaming (12,9%)”.

“Solo il 22%”, conclude il report, “ha riaperto al pubblico i propri spazi espositivi già nei primi mesi del 2021; del restante 78% una metà ha programmato di riattivare il servizio di visita entro la fine del 2021, mentre l’altra metà non ha saputo indicare se e quando avrebbe aperto di nuovo al pubblico”.

l’Istat ha inoltre dichiarato che “nel 2020 il settore museale italiano ha mobilitato complessivamente quasi 48mila operatori tra dipendenti, consulenti, addetti esterni e volontari; in media 11 persone per ogni struttura censita. Il 68,4% degli istituti ha non più di dieci addetti, il 26,8% da undici a venti. Gli addetti delle imprese e degli enti esterni (ad esempio personale per i servizi di bigliettazione, di pulizia o di sorveglianza) sono quasi 9mila, in media due per istituto. Importante è stato il contributo di volontari, tirocinanti e stagisti: più di 14mila, in media quattro per struttura espositiva. Il 12% dei musei ha un organico composto interamente da personale che opera in maniera volontaria e gratuita; più della metà ha titolarità comunale (52,2%)”.

Istat, musei 2020: l'8% non ha riaperto dopo la chiusura forzata. Ecco i motivi
Istat, musei 2020: l'8% non ha riaperto dopo la chiusura forzata. Ecco i motivi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


MAR Ravenna: Facebook sospende per un mese il profilo del museo per nudo artistico
MAR Ravenna: Facebook sospende per un mese il profilo del museo per nudo artistico
Dal CNR al Parco di Cerveteri e Tarquinia. Chi è il nuovo direttore Vincenzo Bellelli
Dal CNR al Parco di Cerveteri e Tarquinia. Chi è il nuovo direttore Vincenzo Bellelli
#ilmuseoincasa: la storia della Centrale Montemartini in una serie di video su Youtube
#ilmuseoincasa: la storia della Centrale Montemartini in una serie di video su Youtube
In Francia nascono le... mostre digitali e immersive di Stato: lanciata un'apposita agenzia
In Francia nascono le... mostre digitali e immersive di Stato: lanciata un'apposita agenzia
A Firenze, l'arte allevierà le pene dei bambini malati. Siglato un accordo tra Uffizi e Ospedale Meyer
A Firenze, l'arte allevierà le pene dei bambini malati. Siglato un accordo tra Uffizi e Ospedale Meyer
Venezia, ecco la nuova direttrice di Palazzo Grimani: Valeria Finocchi, under 40
Venezia, ecco la nuova direttrice di Palazzo Grimani: Valeria Finocchi, under 40