Da oggi gli Uffizi sono attivi su TikTok con video scherzosi e ironici


Le Gallerie degli Uffizi hanno aperto oggi il profilo sul canale social TikTok: brevi video scherzosi dove protagoniste sono le opere d’arte delle collezioni

Dopo aver recentemente aperto il profilo Facebook, gli Uffizi sono attivi da oggi anche su TikTok, il più giovane tra i grandi canali social, molto popolare tra i ragazzi, caratterizzato da brevissimi video dal taglio scherzoso e ironico della durata massima di quindici secondi.

Il profilo social @uffizigalleries è stato inaugurato con quattro clip che mettono in scena le opere d’arte delle Gallerie: protagonisti sono ad esempio il Tondo Doni di Michelangelo, il doppio Ritratto dei duchi di Montefeltro di Piero della Francesca, la Maddalena di Tiziano e molti altri. Il tutto seguendo l’approccio scherzoso tipico di TikTok: nel primo video, il Cavaliere Pietro Secco Suardo, dipinto del Cinquecento di Giovanni Battista Moroni, si aggira nei corridoi degli Uffizi in cerca di una festa.

Con il lancio su TikTok, le Gallerie degli Uffizi sono ora presenti, con un proprio profilo, su Twitter, YouTube, Instagram e Facebook.

“Così come un giornale non è completo senza la vignetta e la caricatura della prima pagina” ha commentato il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt “così anche un museo può fare umorismo: serve ad avvicinare le opere a un pubblico diverso da quello cui si rivolge la critica ufficiale, ma anche a guardare le opere in modo diverso e scanzonato. In particolare, in un momento difficile come questo, è importante, ogni tanto, concedersi un sorriso e un po’ di autoironia. E se è possibile farlo grazie alla grande arte, ancora meglio”.

 

Da oggi gli Uffizi sono attivi su TikTok con video scherzosi e ironici
Da oggi gli Uffizi sono attivi su TikTok con video scherzosi e ironici


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER