Madonna della loggia

Autore: Sandro Botticelli
1467 circa
Firenze, Uffizi

Nello spazio compreso entro un loggiato rinascimentale, da cui la Madonna della loggia di Sandro Botticelli prende nome, trovano spazio le figure della Madonna e del Bambino che si scambiano un abbraccio affettuoso. Si tratta di un'opera giovanile del grande artista fiorentino, anche se in passato la critica non fu concorde nell'assegnarla a Botticelli (uno dei primi a ritenerla invece di sua mano fu Bernard Berenson).

È un'opera che, come hanno notato pressoché tutti i critici, denota profonde suggestioni derivanti da Filippo Lippi, primo maestro di Botticelli: non soltanto per il forte lirismo che connota la scena e che era sostanzialmente una novità per l'arte fiorentina, ma anche per la dolcezza dei lineamenti dei personaggi, per le loro forme, per il modo di dipingere i panneggi (che sembrano quasi aderenti e al contempo mossi dal vento), per le marcate linee di contorno (queste ultime diventeranno poi uno dei tratti più riconoscibili dell'arte di Botticelli). Le forme quasi scultoree del Bambino sono state invece messe in relazione con l'arte del Verrocchio. Da notare, infine, lo splendido paesaggio che si apre al di là della loggia.

3 luglio 2017
Per conoscere l'arte di Sandro Botticelli: https://www.finestresullarte.info/Puntate/2010/08-sandro-botticelli.php
Per conoscere la Galleria degli Uffizi: https://www.finestresullarte.info/musei-d-italia/2012/14-firenze-galleria-degli-uffizi.php

Madonna della loggia di Sandro Botticelli

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Riforme     Genova     Novecento     Settecento    

Strumenti utili