icona cancella
icona full screen
icona audio

Il Duomo di Amalfi, la splendida cattedrale sulla scalinata


Costruito a partire dal IX secolo, il Duomo di Amalfi è uno dei simboli della Costiera Amalfitana. La sua storia, i suoi tesori.

Passeggiando tra le vie del centro di Amalfi ci si troverà dinanzi a un’imponente scalinata che apre la vista alla magniloquente cattedrale, il Duomo di Amalfi, uno dei tesori della Costiera Amalfitana, un complesso che comprende due basiliche comunicanti, una cripta inferiore, il campanile e il Chiostro del Paradiso. Costruito a partire dal IX secolo per volontà del duca Mansone I, il Duomo di Amalfi andò, dapprima, ad affiancare la preesistente Basilica del Crocifisso che, a sua volta, era stata costruita su un tempio paleocristiano e fu unificata alla precedente in un’unica costruzione romanica subito dopo l’anno Mille. La posizione che venne scelta per erigere il duomo era estremamente strategica, non solo perché centrale rispetto alla città, ma soprattutto perché ha sempre svolto una funzione protettiva dagli attacchi dei nemici. La città di Amalfi nel corso dei secoli ha cambiato continuamente aspetto passando da differenti stili architettonici quali il barocco e il rococò, mantenendo sempre decise impronte arabo-bizantine. Così come la città, anche il suo duomo fu sottoposto a pesanti rimaneggiamenti che hanno permesso di dare vita a un luogo unico.

Il nucleo originario del Duomo di Amalfi si ritroverà, invece, nell’antica basilica del Crocifisso, il cui nome deriva proprio dal crocifisso posto nell’abside risalente al Trecento, mentre in tempi antichi era intitolata all’Assunta. Questo primo nucleo della cattedrale venne citato sia in un documento del VI secolo, che nel Chronicon Salernitanum, un manoscritto del X secolo dove è raccontato l’episodio del principe longobardo di Salerno, Sicardo, che durante la feroce ricerca delle reliquie di santa Trofimena attaccò Amalfi nell’839 devastandone la chiesa. È infatti dal 987, durante il governo del duca Mansone III e a seguito del terribile evento citato poc’anzi, che l’edificio venne ampliato e la cui ripresa venne in parte finanziata da papa Leone VI.

Il Duomo di Amalfi
Il Duomo di Amalfi
Il Duomo di Amalfi
Il Duomo di Amalfi. Foto: Miguel Hermoso Cuesta
Il Duomo di Amalfi
Il Duomo di Amalfi. Foto: Giuseppe Milo
Il portale del Duomo di Amalfi. Foto: Berthold Werner
Il portale del Duomo di Amalfi. Foto: Berthold Werner
Il presbiterio. Foto: Wikimedia/RaBoe
Il presbiterio. Foto: Wikimedia/RaBoe
Una delle finestre del portico. Foto: julesvernex2.com
Una delle finestre del portico. Foto: julesvernex2.com
Il campanile del Duomo di Amalfi. Foto: Miguel Hermoso Cuesta
Il campanile del Duomo di Amalfi. Foto: Miguel Hermoso Cuesta
I mosaici della facciata. Foto: Berthold Werner
I mosaici della facciata. Foto: Berthold Werner

Anche l’interno della basilica del Crocifisso, a tre navate senza transetto, si può far risalire a questi stessi anni, mentre l’attuale configurazione a navata unica è il prodotto di tre interventi significativi. Il primo di questi risale al 1266, anno in cui una delle navate della basilica paleocristiana venne abbattuta per ospitare il Chiostro del Paradiso: un piccolo cimitero, commissionato dall’arcivescovo Filippo Augustariccio, che doveva ospitare le cappelle di illustri famiglie amalfitane. Ben più radicale fu quello successivo alla riforma tridentina che comportò la completa demolizione della navata destra per far sì che l’antico colonnato, che rendeva possibile l’accesso dala basilica del Crocifisso alla  cattedrale di Sant’Andrea, venisse inglobato nella nuova parete divisoria lungo la quale vennero erette delle cappelle gentilizie. L’ultimo intervento ebbe inizio quando durante il 1861 un fortissimo vento distrusse parte della facciata e rese necessaria una pesante ristrutturazione. La facciata che il viaggiatore si trova a osservare oggi venne realizzata dall’architetto Errico Alvino, il cui intento primario fu quello di rimanere il più fedele possibile allo stile prima del crollo, aiutato dallo storico amalfitano Matteo Camera anche se alla fine del lavoro i critici del tempo lo valutarono come un restauro fin troppo libero.

Anche le decorazioni poste sulla facciata furono ricostruite dopo il violento crollo e attualmente si possono osservare gli ottocenteschi mosaici raffiguranti Cristo tra gli evangelisti a opera di Domenico Morelli. Dal 1931, inoltre, un complessissimo ed estremamente discusso restauro liberò l’edificio dalle ridondanti sovrastrutture barocche, scoprendo timidamente il primitivo sistema murario medievale. Importantissima è la porta in bronzo donata ad Amalfi da un ricco mercante, Pantaleone de Comite Maurone, che venne fatta fondere a Costantinopoli e sulla quale si stagliano quattro figure in argento rappresentanti Cristo, la Vergine, san Pietro e infine sant’Andrea che, secondo la tradizione, era proprio il patrono di Costantinopoli, e le cui reliquie furono portate e conservate ad Amalfi fin dal XII secolo. Il Duomo di Amalfi presenta una pianta costituita da transetto e abside e nel suo soffitto a cassettoni è narrata la storia di sant’ Andrea, così come nella tela dell’altare barocco che ne raffigura la sua crocifissione. Nella sagrestia è custodita invece una statua processionale settecentesca del santo che viene gergalmente chiamato lo “stipo”. Nell’atrio, poco prima dell’ingresso all’insolito duomo, il viaggiatore si troverà forse distratto  da un collegamento che porta al Chiostro del Paradiso e collega l’antica basilica e il campanile in stile romanico.

Interno del Duomo di Amalfi. Foto: Luca Aless
Interno del Duomo di Amalfi. Foto: Luca Aless
La cripta. Foto: Luciano Tronati
La cripta. Foto: Luciano Tronati
La cappella dei Santi Cosma e Damiano. Foto: Luciano Tronati
La cappella dei Santi Cosma e Damiano. Foto: Luciano Tronati
Cappella della Crocifissione. Foto: Wikimedia/Falk2
Cappella della Crocifissione. Foto: Wikimedia/Falk2
Cappella della Crocifissione. Foto: Wikimedia/Falk2
Cappella della Crocifissione. Foto: Wikimedia/Falk2
Cappella di Sant'Andrea. Foto: Luciano Tronati
Cappella di Sant’Andrea. Foto: Luciano Tronati

Il chiostro, edificato tra il 1266 e 1268, è formato da un quadriportico con volte a crociera, archi acuti, colonnine binate ed archi intrecciati d’influsso moresco, mentre al centro si apre uno splendido giardino. Le sei cappelle affrescate al suo interno, appartenenti alle nobili famiglie amalfitane, ospitavano i loro sarcofagi, ma oggi ne restano solamente cinque che narrano differenti vicende quali il ratto di Proserpina, Romolo e Remo allattati dalla lupa, le nozze di Peleo e Teti, uno semplicemente con lo stemma della famiglia dei Favaro intarsiato da scanalature “a S” e con immagini cristologiche e infine un sarcofago romano del IV secolo che riporta il nome del decurione Publio Ottavio Rufo.

Entrando nella cattedrale si scopre come dell’impianto originale sia rimasto ben poco, se non qualche colonna e capitello recuperato da edifici romani. Camminando verso l’abside si potranno scoprire tre piccoli archi a sesto ribassato tipici dell’architettura bizantina del VI secolo, che si ritrovano anche nella cappella dei santi Santi Cosma e Damiano, trasformata successivamente in cripta superiore. La cripta della basilica di Amalfi, che oggi si presenta con forme barocche e ricchissime decorazioni a stucco, venne fatta costruire dal cardinale Pietro Capuano nel 1203, che portò qui le spoglie di sant’Andrea nel 1208. 

Ancora oggi, nonostante le infinite metamorfosi nel tempo, la cattedrale di Amalfi domina, dalla sua suggestiva scalinata, la città sulla quale si erge.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La Tazza Farnese, lo splendido cammeo antico del Museo Archeologico Nazionale di Napoli
La Tazza Farnese, lo splendido cammeo antico del Museo Archeologico Nazionale di Napoli
L'anticonformismo scomposto dell'Annunciazione di Girolamo Mazzola Bedoli
L'anticonformismo scomposto dell'Annunciazione di Girolamo Mazzola Bedoli
L'arte di Giuseppe Zola, moderno pittore di paesaggio nella Ferrara del Settecento
L'arte di Giuseppe Zola, moderno pittore di paesaggio nella Ferrara del Settecento
Arslantepe, il sito archeologico in Anatolia dove nascevano le prime societ statali
Arslantepe, il sito archeologico in Anatolia dove nascevano le prime societ statali
Un manoscritto doppio del XIII secolo per raccontare la vita di san Guglielmo da Vercelli
Un manoscritto doppio del XIII secolo per raccontare la vita di san Guglielmo da Vercelli
Il Museo Gulbenkian di Lisbona, la gigantesca collezione di un perseguitato politico
Il Museo Gulbenkian di Lisbona, la gigantesca collezione di un perseguitato politico


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020