Banksy a Livorno: l'ennesima mostra commerciale in una città che può e deve fare meglio


La mostra su Banksy a Livorno è l’ennesima replica di un format già portato in tantissime città. Ma Livorno merita una considerazione a parte, perché in una città con la sua storia e la sua tradizione la mostra di Banksy non può e non dev’essere l’evento principale.

È ormai pleonastico discutere sull’utilità dell’ennesima mostra su Banksy. Chi vorrà andare al Museo della Città di Livorno e spendere dodici euro per vedere una mostra composta da ventisei multipli di Banksy, più o meno gli stessi che ogni anno vengono scarrozzati su e giù per il territorio nazionale, faccia come meglio crede. Ricordando che al momento in Italia sono visitabili sei mostre su Banksy, tra rassegne di multipli, gallerie di riproduzioni ed esperienze più o meno immersive: chi vuole vedere una mostra su Banksy può scegliere, a oggi, se andare a Trieste, a Torino, a Bologna, a Genova, ad Avellino o, appunto, a Livorno. E ricordando che l’associazione Metamorfosi, che ha organizzato la mostra di Livorno, in appena due anni ha portato la rassegna sull’artista inglese a Teramo, Gallipoli, Trento, Bari, San Marino, Lugano, Reggio Calabria, Chioggia, Parma, Ancona, Otranto, Sarzana, Palermo, Sansepolcro, Ferrara, Genova, Cagliari, Osimo, Firenze.

In sostanza, se non ti è ancora capitata una mostra di Banksy nel raggio di una cinquantina di chilometri, vuol dire che probabilmente vivi sulla Luna. Livorno accoglie dunque un prodotto frusto e che è già stato dappertutto: i comunicati potranno poi insistere tranquillamente, quasi a voler giustificare l’operazione, sul fatto che Banksy Realismo Capitalista (questo il titolo dell’esposizione) “non è una mostra immersiva di riproduzioni, ma una collezione di opere originali” (cosa che nessuno mette in dubbio), ma resta il fatto che la città toscana deve contentarsi di arrivare, da buona ultima, a presentare una mostra ormai stracotta, un prodotto commerciale, e neppure con la stessa quantità di opere che si sono viste altrove (a Parma, per esempio, ce n’erano un centinaio).

Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno
Mostra di Banksy a Livorno

Sulla mostra, dunque, non c’è granché da dire. Il caso di Livorno però merita una menzione a parte, per due motivi. Primo: il valore culturale della rassegna in relazione alla storia della città che la ospita. L’amministrazione potrà dire che la mostra è stata un successo perché probabilmente raggiungerà il pareggio (obiettivo tutt’altro che facile per una mostra) e perché ha spostato qualche migliaio di visitatori (sarà interessante poi sapere quanti sono venuti da fuori città), facendo forse contenti anche i commercianti locali. Sarà allora utile sottolineare ulteriormente che l’obiettivo primario d’una mostra non dovrebbe essere la movimentazione dei flussi di persone, perché altrimenti l’organizzazione di mostre rischia di diventare un gioco al ribasso, se per spostare pubblico si ricorre a prodotti stantii o s’inseguono le mode. E allora tanto vale una sagra del cacciucco. Una città come Livorno può e deve esprimere sicuramente di meglio: la principale esposizione di cartello nel museo deputato ad accogliere le collezioni civiche non può e non dev’essere una mostra di cassetta su Banksy, che ricicla pure gli stessi fraseggi delle mostre precedenti. Per esempio, “l’esposizione di Livorno tratta per la prima volta Banksy come se fosse un grande artista classico”, proposito che si poteva già leggere nei comunicati dell’omologa mostra di Palazzo delle Albere a Trento. Operazioni commerciali come Banksy Realismo Capitalista possono essere tollerate in un centro di piccole dimensioni, in una città dove ci sono poche occasioni per vedere mostre, in una località che ha scarsa tradizione espositiva, oppure se una mostra del genere è del tutto accessoria, una delle tante: in un cartellone ricco e vario può tranquillamente esser presente anche la mostra-panettone (dato che è cominciata sotto Natale). Ma in una città come Livorno la mostra di Banksy non può essere l’evento principale. E il coraggio di un’amministrazione comunale sta anche nel proporre palinsesti interessanti, che riescano a lasciare qualcosa (in termini di novità, storia, ricerca, ritorno d’immagine), anche a fronte di segni meno sul bilancio. Con alcune delle mostre precedenti (per esempio quella su Grubicy) era stata imboccata una strada interessante, interrotta con Banksy da un’operazione totalmente contraria a quanto era stato fatto in precedenza.

Il secondo motivo è invece dato dalla situazione, probabilmente unica in Italia, che si è prodotta a Livorno, dove al pubblico, ormai da mesi, non è data facoltà di vedere le opere della raccolta permanente del Museo della Città, perché il museo, che ha appena cinque anni di vita, sarà riallestito, ma i suoi spazi sono stati recentemente occupati da ben due mostre temporanee, quella su Piero Gilardi e, appunto, quella su Banksy: e allora quale senso ha impedire a livornesi e turisti la visione delle opere della raccolta cittadina di arte contemporanea, quando sarebbe stato invece possibile esporre, magari a rotazione, le opere delle collezioni pubbliche con mostre ad hoc, focalizzate sul patrimonio, invece che occupare gli spazi espositivi con la millesima mostra su Banksy? Una città che ha una tradizione artistica come quella di Livorno, caso quasi unico in Italia, non merita un trattamento del genere. È di pochi giorni fa la notizia della nomina del direttore scientifico del Museo della Città: la speranza è che la mostra su Banksy sia solo un incidente di percorso.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo



Dieci priorità urgenti per il prossimo Ministro della Cultura
Dieci priorità urgenti per il prossimo Ministro della Cultura
Per assecondare la fissa del “decoro”, a Santo Spirito si deturpa il sagrato di Brunelleschi
Per assecondare la fissa del “decoro”, a Santo Spirito si deturpa il sagrato di Brunelleschi
Stop a McDonald's alle Terme di Caracalla: facciamo chiarezza su una vicenda a norma di legge
Stop a McDonald's alle Terme di Caracalla: facciamo chiarezza su una vicenda a norma di legge
Il critico deve affiancare l'artista senza avere la presunzione di sovrastarlo
Il critico deve affiancare l'artista senza avere la presunzione di sovrastarlo
Ai nostri monumenti servono davvero le recensioni su Tripadvisor e simili?
Ai nostri monumenti servono davvero le recensioni su Tripadvisor e simili?
Cosa pensa il mondo dell'arte contemporanea sulla doppia nomina di Tosatti?
Cosa pensa il mondo dell'arte contemporanea sulla doppia nomina di Tosatti?


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020