Bufale storico-artistiche: perché la stampa ci casca, e come possiamo difenderci


Perché circolano spesso e in maniera così clamorosa bufale storico-artistiche? Cosa può fare la stampa per difendersi? Una riflessione a seguito di alcuni casi recenti.

Non di rado la stampa ha dato largo spazio a clamorose bufale in materia di storia dell’arte, spesso conferendo legittimazione mediatica ad arrembanti cialtroni, a sedicenti esperti del tutto sconosciuti alla comunità scientifica, a personaggi in cerca di facile notorietà che se n’escono attribuendo improbabili disegni o indecenti croste ai nomi più altisonanti: Leonardo da Vinci, Caravaggio, Michelangelo. L’elenco dei casi di opere prive di particolare pregio ma presentate come roboanti scoperte e poi fatte a pezzi dalla comunità scientifica (senza che però s’accordi lo stesso risalto alle demolizioni) è estremamente fitto: l’opera attribuita di recente a Leonardo da Vinci da una persona ignota agli studiosi dell’artista toscano, e capace di conquistarsi grandi titoli e paginate sui quotidiani di mezzo mondo, non fa che aggiungere un caso a una lunga serie.

È un problema complesso, che richiede una riflessione su più livelli. Nella stragrande maggioranza dei casi, l’iter della bufala segue uno schema ben preciso: alle redazioni arriva un comunicato stampa che annuncia un’incredibile scoperta riguardante un artista molto popolare (i nomi più gettonati negli ultimi anni sono stati quelli di Leonardo da Vinci e di Caravaggio, specialmente in concomitanza con ricorrenze che li hanno riguardati). Del resto, quale telegiornale nazionale riporterebbe mai la notizia della scoperta, mettiamo, d’un disegno sconosciuto di Marco d’Oggiono o d’un dipinto perduto di Bartolomeo Manfredi? È chiaro che, per esser mediaticamente spendibile, la bufala deve riguardare un nome noto anche a chi non ha mai aperto un libro di storia dell’arte. La scoperta in genere porta la firma d’una persona che, di solito, si presenta come esperta della materia e, a garanzia della propria presunta autorevolezza, cita appartenenze a improbabili “centri” o “comitati” che risultano poi, spesso anche a seguito della più elementare ricerca su Google, niente più che semplici associazioni senza scopo di lucro, che fanno promozione culturale e sociale esattamente come migliaia di altri piccoli sodalizi territoriali, e che differiscono dal circolo degli amici della bocciofila o dall’oratorio parrocchiale solo perché si presentano con un nome più pomposo o apparentemente istituzionale. È naturale che un giornale presti più attenzione a un’associazione che si chiami “Comitato Nazionale per la Valorizzazione del Rinascimento di Firenze” (è un nome inventato di sana pianta ma simile a quello d’alcuni soggetti che hanno ottenuto rilevanza mediatica negli ultimi tempi), rispetto a quella che accorderebbe a un’ipotetica “Associazione Amici delle Muse di Vezzano Ligure”.

La bufala prende prima la strada della stampa generalista, che l’annuncia con fanfare e squilli di tromba. Capita spesso che a stretto giro venga seguita dalla stampa specializzata, che s’accoda talvolta per smentire immediatamente l’abbaglio, talaltra per non perdere l’onda del sensazionalismo e, in attesa che i veri esperti si pronuncino, confezionare articoli gravidi di “se”, di “forse” e di condizionali. E in questo caso riesce però più difficile scusare i colleghi, perché si suppone che chi lavora nella redazione d’una testata d’informazione artistica abbia visto qualche volta un Leonardo o un Caravaggio e quindi dovrebbe essere in grado di capire subito quand’è il momento d’ignorare un comunicato (se la notizia non ha ancora ottenuto rilevanza nazionale: è questa l’unica opzione) oppure di smentirlo se l’argomento ha raggiunto una portata travolgente: se si tratta di bufale che si possono scoprire con un paio di ricerche su Google (o alla peggio con un paio di telefonate) non c’è posto per i condizionali, e se si ha anche il minimo dubbio è dovere consultare un esperto, anche se questo significa aspettare qualche ora o qualche giorno prima di scrivere della notizia. Certo, tutti sbagliamo, è normale: ma la diffusione delle bufale si potrebbe arginare con poche verifiche in più.

Ad ogni modo, il ciclo termina sempre con la smentita dei veri esperti, anche se è molto raro che la stampa che prima ha portato in trionfo il presunto scopritore poi conceda lo stesso spazio agli studiosi autorevoli che scrivono la parola “fine” sulla storia. Nel frattempo però il danno è stato ormai fatto, dal momento che l’attribuzione strampalata ha già fatto il giro dei quotidiani, delle televisioni e del web, e sarà stata presa per buona da chissà quante persone. Ma la stampa non dovrebbe dare spazio a teorie antiscientifiche: diffondere bufale storico-artistiche equivale a pubblicare, sulla pagina della cronaca sanitaria, un’eventuale notizia (naturalmente prendendola per seria) di un tizio che dice che per guarire dal Covid-19 basta mangiare mandarini. Credo che nessun giornale darebbe legittimità a una teoria simile: lo stesso dovrebbe valere per la storia dell’arte. E a pubblicare notizie simili si ottengono solo due risultati: la perdita di credibilità e la perdita della fiducia del pubblico.

Filippo Palizzi, Mandria di bufali (1869; olio su tela, 64,5 x 29 cm; Piacenza, Galleria Ricci Oddi)
Filippo Palizzi, Mandria di bufali (1869; olio su tela, 64,5 x 29 cm; Piacenza, Galleria Ricci Oddi)

Quali sono i motivi che portano i sedicenti esperti a lanciarsi in attribuzioni impossibili? Direi che sono essenzialmente due. Il primo è un narcisistico e improvvido desiderio di catalizzare l’attenzione o d’ottenere riconoscimento: è la fattispecie che riguarda soprattutto i casi in cui qualcuno si lancia in maniera arrischiata a cambiare l’attribuzione di un’opera conservata in una collezione pubblica. Il secondo invece potrebbe essere il tentativo di far salire le quotazioni di un’opera conservata in una collezione privata: un tentativo naturalmente velleitario, dal momento che il mercato non dà spazio alle pagliacciate, ma non è detto che un proprietario ingenuo, privo di conoscenze storico-artistiche e ignaro di come si muova il mercato, e che magari ha ricevuto l’opera in eredità da un nonno o da un genitore collezionista, non si faccia irretire dagl’imbonitori e creda davvero o d’essere in possesso di un’opera importante (ammettendo dunque un’ingenuità totale) o di poter davvero turbare il mercato.

Ma come fa la stampa a cadere nella trappola? Penso che i problemi siano due: il primo è la mancanza di sufficiente cultura artistica. Ed è comprensibile: la crisi dell’editoria che ha colpito tutti i giornali permette ormai soltanto a poche testate d’avere un dipendente che segua soltanto le notizie d’arte. Tipicamente ci s’affida a collaboratori esterni oppure si assegnano gli articoli a dipendenti che però non necessariamente s’occupano soltanto d’arte, anche perché occorre ricordare che l’arte, in quasi tutti i quotidiani, ricade nel più largo ambito solitamente denominato “cultura e spettacolo”. E può capitare che i redattori siano esperti di musica o di televisione, ma non di storia dell’arte. Il secondo problema, meno scusabile, è l’eccessiva faciloneria con la quale si presta fede a tutto quello che arriva in redazione. Certo: le redazioni fanno sempre più lavoro e con meno risorse (umane ed economiche), e quindi andiamo sempre tutti di fretta. Occorrerebbe però sempre verificare i comunicati che arrivano da chi non si conosce: cercare di capire chi è il soggetto che si presenta come esperto, capire quali sono le sue affiliazioni, di quale credibilità gode. Questo perché anche la storia dell’arte ha le sue regole, e non tutto quello che arriva è buono. E le regole presuppongono che una scoperta di grande portata venga dapprima discussa in sede scientifica per verificare se può avere diritto di cittadinanza, e poi solo successivamente annunciata alla stampa.

Naturalmente la scoperta potrebbe arrivare da un outsider che non ha affiliazioni e si presenta come studioso indipendente (anche se si tratta di casi rarissimi): anzi, è proprio in casi come questi che si dovrebbe fare più attenzione. È capitato in passato che uno storico dell’arte riconosciuto abbia anticipato una scoperta, quando però era già stata esaminata da altri studiosi, e quand’era in procinto d’esser pubblicata su una rivista scientifica o d’esser presentata in sede congressuale, in un evento già organizzato. Non esiste che si comunichi una scoperta fuori dalle sedi opportune e senza che altri studiosi abbiano potuto verificare il lavoro svolto: questo vale anche per gli outsider, che non sono esentati dai passaggi appena descritti.

In sostanza, è possibile evitare le bufale? Ovviamente sì, intervenendo sui due problemi sopra descritti. L’Ordine dei Giornalisti potrebbe, per esempio, organizzare più corsi di aggiornamento su materie artistiche: ogni anno siamo obbligati a seguire un certo numero di ore di formazione, e la vasta scelta dei corsi che abbiamo a disposizione contempla, purtroppo, poche lezioni su argomenti che riguardano il giornalismo culturale. Quasi nessuna su temi inerenti la storia dell’arte: fare formazione in questo senso potrebbe diminuire in maniera drastica il rischio d’incappare nelle bufale. Negli ultimi mesi, sulla scorta degli eventi di attualità, si sono giustamente moltiplicati i corsi d’informazione sanitaria. E probabilmente nessun giornalista sarebbe disposto ad accogliere teorie sul Covid-19 non comprovate e non discusse in sede scientifica solo perché in redazione arriva un comunicato. Perché per l’arte e per le materie umanistiche in generale non dovrebbe valere lo stesso assunto? E poi, la norma dovrebbe esser sempre quella di verificare. Come anticipato, quando si riceve un comunicato-bufala occorrerebbe semplicemente cestinarlo, se si conosce la materia. Se invece si hanno dei dubbi, o se non si conosce la materia (e a maggior ragione quando arriva una nota da un soggetto che annuncia una scoperta strepitosa), c’è solo un modo per evitare le bufale: verificare.


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. antonio zambetta in data 26/11/2020, 18:56:37

Indubbiamente il movente è economico e si vogliono adescare compratori ingenui. Quando invece manca un possibile profitto, si omette di dare risalto perfino alla scoperta di nuovi lavori di Leonardo inoppugnabili perché ampiamente documentati.




2. Galiano Albertin in data 30/11/2020, 10:52:15



GALIANO ALBERTIN
Spettabile Dott. Federico Giannini, leggo sempre con vero interesse i suoi articoli nella “News-letter” di “Finestre sull’Arte”, che solitamente mi giungono tramite mail.
Come quello di oggi, sulle “Bufale storico-artistiche”, del quale ritengo di condividere le opinioni espresse.
Nel contempo però, già nel corso della lettura mi si è posta una domanda su di un aspetto da lei non considerato, ma realmente esistente, e cioè: delle “bufale” che sono entrate a far parte della consolidata opinione ufficiale tenuta dall’establishment della Critica dell’Arte, e che oramai, da anni, da decenni, vengono divulgate come sacrosanta verità, ad onta degli oggettivi riscontri che ne dimostrerebbero l’inconsistenza. Ma che, essendo oramai pubblicate in un infinito numero di pubblicazioni, soprattutto a nome dei così detti “mostri sacri” della Critica dell’Arte, appunto per questo motivo, vengono “condivise” da tutti gli altri, che vi si accodano, accettando e “condividendo” l’interpretazione che ne forniscono, perpetuandone così la diffusione e la “fossilizzazione” di quella che viene ritenuta la “VERITA’ STORICA”.
Che a questo punto viene difesa da tutto l’ambiente Accademico della Critica della Storia dell’Arte, in quanto una eventuale verifica ne comprometterebbe “l’Autorevolezza”, e che pertanto, l’unica difesa degli appartenenti a tale “ristretto ambiente”, (che segue delle ‘rigide regole - non scritte’), è quella di opporre un ostinato silenzio e incomunicabilità.
Guarda caso, “incomunicabilità” rivolta proprio verso coloro ai quali sono rivolte le loro pubblicazioni. Pubblicazioni che sono basate principalmente su riferimenti bibliografici, ovvero: su opinioni scritte da altri appartenenti all’ambiente Accademico, i quali fanno riferimento non agli Oggettivi Riscontri, verificabili dal contenuto delle Edizioni Originali, ma su edizioni moderne, rivedute e corrette, delle quali, per renderlo “meglio leggibile”, è stato alterato il testo e pur anche la punteggiatura, alterandone di fatto il senso e significato.
È a questo aspetto al quale mi voglio riferire quando affermo che: è la Critica Ufficiale della Storia dell’Arte che per prima diffonde alcune “piccole bufale”, che poi diventano colossali per il significato acquisito per i testi originali così alterati, sui cui fa riferimento.

Di tutto quanto asserito ne posso fornire oggettive argomentazioni, basate appunto sui testi originali dell’epoca, cioè su delle ‘Cinquecentine’, non su moderne edizioni, sulle quali si basa la Critica dell’Arte.
Io sarei disponibile per un onesto confronto, ma la Critica dell’Arte lo è altrettanto?
O la sua risposta non sarà altro che un ostinato silenzio; (perché, forse, sono altri i suoi “interessi”?)

GALIANO ALBERTIN




3. Teobaldo Pasquali in data 01/12/2020, 09:54:47

Bravissimo!!!!
Mi occupo di esami scientifici su opere d'arte dal 1982 e non può immaginare quanto condivida le sue parole!




4. GALIANO ALBERTIN in data 04/12/2020, 11:50:18

GALIANO ALBERTIN
Spettabile dott. Federico Giannini, facendo riferimento al suo articolo di cui sopra e al mio precedente commento del 30/11 ultimo scorso, vorrei tornare sull’argomento per puntualizzare un’ulteriore incongruenza riscontrata nell’articolo stesso.

Riporto la parte interessata del suo articolo, alla quale mi voglio riferire.
“La bufala prende prima la strada della stampa generalista, che l’annuncia con fanfare e squilli di tromba. Capita spesso che a stretto giro venga seguita dalla stampa specializzata, che s’accoda talvolta per smentire immediatamente l’abbaglio, talaltra per non perdere l’onda del sensazionalismo e, in attesa che i veri esperti si pronuncino, confezionare articoli gravidi di “se”, di “forse” e di condizionali”.

Avrei una domanda da porle. Anzi due, (in conseguenza della prima).
La prima è la seguente, e riguarda il fatto di: “confezionare articoli gravidi di “se”, di “forse” e di condizionali”.
Ciò che le chiedo è: “E nel caso siano proprio i “veri esperti” a confezionare i loro articoli gravidi di “se, “forse”, “può darsi”, “circa” e di “condizionali”? Come ci si deve comportare, e come valutare tali articoli, o argomentazioni”?
Per rendersi conto che questa mia asserzione non è per niente gratuita, le chiederei di leggere il contenuto della rivista ART DOSSIER, (da lei senz’altro conosciuta); precisamente il n. 215 dell’ottobre 2015, Edita da Giunti, dal titolo: ”Leonardo La Pittura”, scritto da Carlo Pedretti, ponendo attenzione a tutti i “se, forse, può darsi, circa, i condizionali”, come pure le discutibili ipotesi di cui fa uso nel testo, a sostegno di quanto scrive in relazione alla partecipazione di Leonardo nella realizzazione del “Battesimo di Cristo” del Verrocchio, e di quanto, subito a seguire, asserisce a proposito “dell’Annunciazione” di Leonardo conservata agli Uffizi di Firenze. (Senza tralasciare il seguito dello scritto, che è ancora più sconcertante, per la sua indeterminatezza e contraddittorietà).
Se non erro, Carlo Pedretti non mi sembra proprio uno studioso di poco conto, o un outsider, o un personaggio di cui nulla si sa. Anzi.
La seconda domanda riguarda il fatto che anche gli “outsider non debbano essere esentati dal rispettare i passaggi da lei descritti”.
Su questo mi trovo perfettamente d’accordo con lei, perché, come lei stesso scrive: “Non esiste che si comunichi una scoperta fuori dalle sedi opportune e senza che altri studiosi abbiano potuto verificare il lavoro svolto”.
Ma, ed è questa la domanda che le vorrei porre, nel caso si sia inviato a più studiosi un lavoro svolto, (veri esperti di rinomata fama, dai nomi altisonanti), per altro senza mai aver ricevuto la benché minima risposta, (altro che non sia dall’averlo ricevuto, con la sola classica frase di circostanza: “La ringrazio dell’interessante studio inviato, alla cui lettura mi dedicherò, compatibilmente alle incombenze d’ufficio”), come ci si deve comportare se, come da “prassi consolidata”, nessuno di essi risponde?
Come interpretare tale loro “non risposta”? (Forse perché oberati da tali incombenze? Ma, dico, questo “studio” inviato al loro ufficio, non diventa anch’esso una “incombenza d’ufficio”?)
(E qui oramai il “gatto si è morso la coda”, perché anche lei sa benissimo che nessuno dei suoi “colleghi esperti”, mai risponde a nessuno, né ad un’outsider, né tantomeno ad un “esperto”, (onde evitare espressioni che potrebbero diventare controproducenti).
Quanto lei scrive è tutto condivisibile, e auspicabile, ma inattuabile; in quanto nessun “esperto” può permettersi di “compromettersi”, … senza l’avallo di ogni altro … che mai risponde.
Un’ultima cosa, il fatto sta è che anche i “grandi esperti della Storia dell’Arte commettono errori, (come rilevabili dallo scritto di Carlo Pedretti); ma questi “errori” sono esili, poco appariscenti, di difficile individuazione, ma è appunto per questo che essi possono provocare “immani disastri” nella ricostruzione storica degli eventi accaduti, tramandati dai cronisti dell’epoca. E ancor più, come già accennato nel precedente intervento, quando ci si basa non più sui Testi Originali, ma su edizioni moderne di quei testi, rivedute e corrette, alle quali è stata pure mutata la punteggiatura, presentandone di fatto un testo dal diverso significato. (Mi sto riferendo principalmente alle “Vite” di Giorgio Vasari).
Termino porgendo le mie scuse per questo mio scrivere un po’ “provocatorio”.
Ma il tutto è alquanto deludente. Anche il significato del suo scriverne, perché sembra tutto teso unicamente a difendere l’egemonia della Critica d’Arte, anche ad onta delle “contraddittorietà” presenti nelle varie pubblicazioni.
Ma mai rettificate. (Probabilmente perché mai percepite, per via di quei testi alterati su cui ora si studia).
Cordialmente.
Galiano Albertin.




5. Federico Giannini in data 10/12/2020, 02:42:35

@Galiano Albertin
perdoni il ritardo e la stringatezza delle mie risposte.
1) Sulla critica "ufficiale" che diffonderebbe "bufale". I pareri degli storici dell'arte "ufficiali" vengono continuamente rivisti e aggiornati (basti leggere le riviste scientifiche, i cataloghi delle mostre, insomma pubblicazioni che abbiano una valenza scientifica), ma ovviamente per farlo ci vuole metodo.
2) Il condizionale non è automaticamente indizio di bufala e non ho mai scritto questo. Mi pare ovvio che quando manchino certezze si adoperi il condizionale, ma naturalmente questo ha senso quando l'ipotesi è plausibile.
3) Sul cosa fare se non si riceve risposta dagli esperti: insistere, oppure assistere a qualche convegno sul tema e sottoporre l'idea di persona. Se comunque una proposta è davvero interessante dubito che nessuno risponda.



6. GALIANO ALBERTIN in data 18/12/2020, 09:46:35

Spettabile Dott. Federico Giannini, ho letto la sua risposta, e confermo la sua effettiva “stringatezza”. Questo mi fa pensare che essa in effetti sia una "non-risposta".
Infatti, al punto 1, pur essendo convinto della verità delle sue affermazioni, per contro, chiedo: “chi le legge queste “riviste scientifiche” di cui parla se non i soli “esperti”, i quali, per altro, non mi risulta che abbiano mai rettificato quanto precedentemente pubblicato nelle loro divulgazioni. Per cui, esse, continuano a circolare “intonse”.
Punto 2. Nemmeno io ho mai detto che lei abbia scritto che il condizionale sia indizio di bufala. Io ho semplicemente scritto: quale attendibilità può avere una pubblicazione scritta da un “esperto” irta di “se”, di “ma”, di “forse” e di condizionali. Tutto qui.
Punto 3. Quelle da lei citate, pur essendo le uniche possibili, praticamente sono inattuabili. Impossibile, da parte di un perfetto sconosciuto “fermare” un luminare della Critica per intavolare una esposizione “filologica di un testo” in mezzo a quella confusione, in cui al termine tutti parlano, si muovono, salutano, discutono. Questo, lei lo sa benissimo.
Come pure la sua ultima frase: è solo una sua opinione, per altro non confermata dai fatti: nessuno ha mai risposto, (pur se (alcuni) hanno risposto semplicemente dichiarando “interessante” lo studio inviato).
Non sono io ad averlo dichiarato tale.
Cordiali saluti. Galiano Albertin








Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma