Perché la Ferragni agli Uffizi vi ha fatto indignare molto più che D&G a Palazzo Vecchio?


La visita della Ferragni agli Uffizi ha scatenato un'enorme ondata d'indignazione. Dell'occupazione di Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio invece hanno parlato pochissimi, e tutti dopo l'evento. Perché?

Intanto, i dati: oggi, 23 settembre 2020, chi prova a cercare su Google “Chiara Ferragni” e “Uffizi”, otterrà più di centomila risultati. Chi invece cerca informazioni su “Dolce e Gabbana” (o “Dolce & Gabbana”) e “Palazzo Vecchio”, si troverà di fronte ad appena quindicimila risultati. Un semplice dato empirico che dimostra come la visita della nota influencer cremonese agli Uffizi abbia attirato l’attenzione in una proporzione di dieci volte maggiore rispetto alla sfilata di moda dei due stilisti siciliani a Palazzo Vecchio.

Poi, i fatti: Chiara Ferragni, lo scorso 17 luglio, si è recata alla Galleria fuori dall’orario d’apertura al pubblico (e quindi a museo chiuso) per un servizio fotografico, e il suo committente, la rivista Vogue, ha pagato agli Uffizi quanto dovuto per l’occupazione delle sale. Dolce & Gabbana hanno invece riservato per sé Palazzo Vecchio, per tredici giorni, costringendo il museo a chiudere al pubblico per otto giornate, in modo da organizzare al meglio la sfilata in programma per il 2 settembre, con tutti gli annessi e connessi del caso (cocktail, cena di gala nel Salone dei Cinquecento, visite private per gli ospiti di D&G e via dicendo). E senza che il Comune abbia preteso il canone di concessione per gli ambienti monumentali: tutto gratis in ragione del fatto che l’evento veniva “fatto proprio dalla Giunta Comunale in virtù della stretta inerenza dello stesso con le funzioni istituzionali del Comune”. Non solo, D&G hanno ricevuto anche altri benefit: lo sconto del 50% sul canone di occupazione di suolo pubblico, il permesso di accesso e sosta nella ZTL gratuito, l’esenzione dagli importi dovuti per le prestazioni della Polizia Municipale per garantire sicurezza e fluidità alla circolazione, e anche la gratuità dell’eventuale partecipazione del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina (partecipazione poi uscita dall’alea dell’“eventualità”, dacché il Corteo Storico ha effettivamente allietato gli ospiti della casa di moda prima della sfilata).

Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi


Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi


Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio
Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio


Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio
Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio

Infine, la percezione: la presenza della Ferragni agli Uffizi ha scatenato, per usare il linguaggio gergale di Ninja Marketing, una “violenta shitstorm sotto la foto degli Uffizi e si sono sprecati post sui vari social attaccando la Ferragni, quello che secondo i commentatori rappresenta e come svaluti l’opera d’arte”, il tutto “condito dalla comune minaccia di un defollow immediato all’account del museo”. La nota rivista di marketing ha riassunto alcuni dei motivi per i quali la Ferragni è stata attaccata: “viene deprecata la sua attività, la sua bellezza, viene sminuita lavorativamente, viene indicata come non rappresentativa della bellezza italiana e l’intera operazione (ammesso che si possa davvero parlare di operazione) indicata come controproducente”. Gli Uffizi non sono stati risparmiati (anzi: gli addetti ai lavori che hanno scritto per stigmatizzare l’operazione se la sono presa più col museo che con Chiara Ferragni), e sono stati accusati di svilirsi, di snaturarsi, di banalizzare le opere della propria collezione. Naturalmente c’è chi ha invece apprezzato l’operato del museo, ma il punto che mi preme sottolineare è piuttosto la vastità dell’eco raggiunta dalla notizia, dacché sulla visita della Ferragni agli Uffizi hanno scritto in tantissimi e l’accadimento ha persino travalicato i confini nazionali: se n’è parlato su Forbes, sul Telegraph, su El Mundo, sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, e su diverse altre testate mondiali. E spesso per rimarcare come la sua presenza abbia sollevato feroci polemiche. Polemiche che, occorrerà ricordarlo, non sono state confinate nel ristretto novero delle cerchie di settore, ma sono diventate trasversali: “Chiara Ferragni agli Uffizi” è stato l’argomento che, per alcuni giorni, ha tenuto banco nei dibattiti culturali sui quotidiani e sui social.

Niente di tutto ciò è invece accaduto per Dolce & Gabbana a Palazzo Vecchio. Anzi, all’inizio neppure gli addetti ai lavori hanno raccolto la segnalazione lanciata dalla nostra rivista (unica tra le testate giornalistiche a criticare in anticipo le intenzioni della maison di moda) e da alcuni esponenti dell’associazionismo locale: gli scarsissimi moti d’indignazione son tutti arrivati ex post, a sfilata ampiamente conclusa, quando Domenico Dolce e Stefano Gabbana avevano probabilmente già lasciato Firenze. Eppure appare piuttosto evidente la somma disparità tra le due situazioni: da una parte un’azienda privata che adopera una testimonial a museo chiuso, pagando l’istituto per il disturbo. Dalla parte opposta, un’altra azienda privata che ha occupato per tredici giorni un palazzo ch’è sede d’un museo pubblico e del municipio fiorentino, obbligando i visitatori a rimanere alla porta (con buona pace di chi aveva magari da tempo programmato il viaggio a Firenze), facendo chiudere per qualche ora anche piazza della Signoria, e tutto regalato. Eppure, il primo caso ha suscitato un’enorme ondata d’indignazione, durata per giorni e giorni, mentre il secondo è rimasto argomento di discussione che s’è esaurito nel giro di poche ore e ha interessato giusto i canali di comunicazione del settore dei beni culturali. Addirittura, tanti esponenti dell’ambiente che hanno scritto su Chiara Ferragni, hanno forse pensato che non fosse il caso di dedicare due righe anche all’occupazione, ben più duratura e fastidiosa, di Dolce e Gabbana.

E fughiamo pure eventuali obiezioni sul fatto che Dolce e Gabbana abbiano “dato da lavorare” e abbiano “fatto promozione alla città”, dal momento che avrebbero potuto farlo tranquillamente senza occupare Palazzo Vecchio (senza calcolare che, peraltro, anche la Ferragni ha “dato da lavorare” e “fatto promozione alla città”). O, se proprio era necessario che la sfilata si tenesse nel Salone dei Cinquecento perché si reputa che Palazzo Vecchio e Firenze abbiano bisogno di promozione (che è del tutto legittimo), il Comune avrebbe potuto quanto meno far pagar loro il canone di concessione, lo stesso che ha fatto corrispondere, la settimana dopo, alla Ferrari (che ha fatto parimenti chiudere Palazzo Vecchio, anche in questo caso nel disinteresse generale). Se i casi di Chiara Ferragni e D&G dovessero esser messi a confronto, non vedo come si debba recriminare alla prima qualcosa che invece non si possa imputare ai secondi.

La vicenda suggerisce dunque alcuni spunti di discussione. Perché in tanti non hanno perdonato un servizio fotografico di Chiara Ferragni a Uffizi serrati, mentre invece si sono chiusi abbondantemente gli occhi sulla calata di D&G a Palazzo Vecchio? Perché, nonostante gli intenti dei due stilisti fossero stati resi noti prima che il Comune deliberasse la concessione (gratuita) degli ambienti monumentali di Palazzo Vecchio, nessuno nel nostro settore ha ritenuto doveroso scrivere del caso per tempo? Possibile che sia sfuggito a tutti e che anche i commentatori pronti a stracciarsi le vesti se in un museo pubblico c’è una lampadina avvitata male non lo abbiano ritenuto meritevole d’attenzione? Possibile che occorreva parlarne solo quando gli operai avevano già finito di smontare le scenografie della sfilata? Perché il moto d’indignazione che ha travolto Chiara Ferragni ha solo sfiorato a malapena Dolce & Gabbana?


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Anna Scaramuzza in data 26/09/2020, 11:39:10

Sicuramente queste due vicende devono portare, per chi è del settore ancora di più, ad una riflessione.
Sebbene non abbia l’onere di poter lavorare direttamente nel mio settore, Beni culturali, penso che con tre titoli di poter dire qualcosa anche se in ‘punta di piedi’.
Ritengo, ormai, necessario l’intervento di influencer per rilanciare il mondo della cultura (compresi i suoi contenitori come i Musei, le Gallerie, Palazzi etc). Tali figure hanno un seguito di pubblico massiccio e questo perché il messaggio dei singoli luoghi deposti alla cultura non sono in grado di arrivare a tutte le fasce di noi consumatori.
Si, permettetemi di utilizzare questo termine “consumatori” perché anche il patrimonio culturale è portato al consumo da parte del visitatore. Acquistando un biglietto noi automaticamente andiamo a ‘consumare’ un servizio che può essere quello di un Museo o di una Galleria d’Arte. Detto questo, oggi come oggi servono queste persone che chiamerò ‘calamite’: queste attraggono l’attenzione e pongono i riflettori su un qualcosa che primo era relativamente in ombra.
Ritengo che anche Gli Uffizi (che hanno un eco internazionale) abbia necessità di far parlare di se e questo perché si tende a spegnere i riflettori sulle bellezze che possediamo. Purtroppo, la massa non ha la consapevolezza di quanto sia cool avere tutto questa magnificenza. Mi duole sostenere che fa più tendenza ad avere l’ultimo modello di IPhone che sostenere ed essere consapevoli dell’importanza di ciò che abbiamo. Un patrimonio unico.
Se uno scatto/selfie può aiutare a tener viva l’attenzione, allora, ben venga.
Il mondo della cultura ha bisogno di queste figure come Chiara Ferragni o Dolce&Gabbana. E se per un lasso di tempo fanno chiudere strade o musei, poco importa perché l’obbiettivo è stato portato a casa. I riflettori sono stati accessi e ora la sfilata può iniziare con tutti i suoi colori. La sfilata sarà un susseguirsi di discussioni, di ammonimenti, di apprezzamenti, di insulti, di indignazione...ed ecco siamo pronti .. che la sfilata dei beni culturali e del patrimonio culturale abbia inizio.
Anna Anisoara Scaramuzza






2. Maria Teresa Filieri in data 27/09/2020, 19:49:17

Premesso che personalmente ne ho abbastanza di sentir parlare della Ferragni agli Uffizi -impresa che ha ampliato il raggio della sua popolarità, invece che essere realmente utile al Museo- non mi pare che le cose siano immediatamente confrontabili, soprattutto per come sono state poste. Purtroppo la prassi della concessione degli spazi pubblici di interesse storico artistico per scopi 'commerciali', anche se consentita dalla normativa, è dilagata a dismisura, con eccessi vergognosi, lasciata alle decisioni personali dei responsabili dei siti, mentre è mancata una seria normativa a carattere generale. Il caso Ferragni è diverso, ciò che ha fatto scalpore non è che sia stato girato a museo chiuso un servizio di moda, coma succede, è successo e succederà anche in futuro, ma è l'uso eccessivo, 'becero' e personalistico che ne ha fatto la direzione degli Uffizi.



3. Eleonora in data 28/09/2020, 18:33:32

La maison di moda è da anni attiva per promuovere l'immagine dell'Italia e della cultura italiana all'estero con ottimi risultati, specialmente nelle fasce più ricche della società, e per questo bisogna ringraziare. Detto questo non mi capacito dell'assurdo "sconto" fattogli dal comune di Firenze. Va bene promuovere e valorizzare ma il disturbo arrecato a chiunque avesse voluto accedere al museo o alla città non è stato adeguatamente pagato. Museo e città che vengono mantenuti grazie ai soldi pubblici...



4. Daniele in data 29/09/2020, 12:56:30

In un paese sull'orlo della guerra civile Chiara Ferragni indegna come esce dal portone di casa. Perche' e' una che stando all'opinione pubblica non torna a casa sporca di grasso, con la terra sotto alle unghie e non appare stressata e lamentosa per il proprio lavoro come fanno coloro che la attaccano. Non mi stupisce quindi che sia stata ancora una volta bersagliata dal popolo dei social. Complimenti per l'articolo e per aver condiviso informazioni di cui non ero a conoscenza.



5. Paolo da Parma in data 29/09/2020, 14:36:35

Farsi fotografare davanti a un quadro in un museo è solo un atto cretino. Che sia Chiara Ferragni o Pinco Pallino.







Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER