Bonisoli ripete: “aumenteremo le gratuità”. Ma ancora non ci sono progetti


Il ministro Alberto Bonisoli annuncia che le gratuità nei musei aumenteranno. Ma non ci sono ancora progetti stabiliti.

Con un intervento sulla sua pagina Facebook, il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, è tornato sul tema delle gratuità nei musei, dopo che, a fine luglio, aveva annunciato l’abolizione delle domeniche gratuite istituite dall’ex ministro Dario Franceschini. Non ci sono però novità: Bonisoli si è limitato a ribadire quello che aveva già affermato a inizio agosto. “Occorre maggiore libertà per stabilire le #GiornateGratisNeiMusei”, ha scritto il ministro.

“Giornate gratuite che noi non solo intendiamo mantenere, ma aumentare, modulandole però, con intelligenza, a seconda del sito, del flusso turistico e del periodo dell’anno, con particolare attenzione alle persone che non possono permettersi di andare al museo. Il sistema dell’obbligatorietà delle prime domeniche del mese non funziona e va superato, anche perché non tutti i siti sono uguali. A dirlo, sia a me personalmente, che tramite gli organi di stampa, sono gli stessi direttori dei musei. Per questo motivo oggi ho voluto incontrarli e ascoltarli, alla presenza del segretario generale, dei direttori generali e del capo di gabinetto, per costruire con loro una strategia più efficiente. In tutte le prime domeniche gratuite, oltre il 40% di cittadini e turisti sono entrati nei primi dieci musei e siti archeologici italiani, con problemi di ordine pubblico, sicurezza e fruibilità dei monumenti. Tra questi il Colosseo, Pompei e gli Uffizi. In oltre 160 altri musei e siti archeologici aperti, invece, sono entrate meno di 100 persone. È anche questo il patrimonio straordinario che va promosso e fatto conoscere a italiani e turisti, non solo i grandi musei che, invece, vanno resi accessibili ai cittadini in momenti in cui possono realmente goderne. Ripeto: va superato il sistema attuale che non funziona. Lo faremo non solo mantenendo le giornate gratuite, ma AUMENTANDOLE e adattandole alle caratteristiche tipiche dei vari territori nei quali si trovano i musei, i siti e le aree archeologiche”.

Insomma: niente che il ministro non avesse già dichiarato. Adesso, al di là degli annunci, addetti ai lavori e visitatori dei musei aspettano dei progetti.

Bonisoli ripete: “aumenteremo le gratuità”. Ma ancora non ci sono progetti
Bonisoli ripete: “aumenteremo le gratuità”. Ma ancora non ci sono progetti


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Il ministro Bonisoli: “La riforma del Ministero dei Beni Culturali ideata per razionalizzare spesa ed evitare sprechi”
Il ministro Bonisoli: “La riforma del Ministero dei Beni Culturali ideata per razionalizzare spesa ed evitare sprechi”
Esportazione beni culturali: riforma approvata in Senato. Cosa succede ora?
Esportazione beni culturali: riforma approvata in Senato. Cosa succede ora?
Bonisoli è già in mood da campagna elettorale: con un video elenca il suo bilancio dei 14 mesi al MiBAC
Bonisoli è già in mood da campagna elettorale: con un video elenca il suo bilancio dei 14 mesi al MiBAC
Opere trafugate dall'Italia e finite all'estero, ecco cosa è stato detto alla riunione del MiBAC
Opere trafugate dall'Italia e finite all'estero, ecco cosa è stato detto alla riunione del MiBAC
Il MiBACT diffonde i criteri per la dichiarazione di rilevante interesse culturale o scientifico delle mostre
Il MiBACT diffonde i criteri per la dichiarazione di rilevante interesse culturale o scientifico delle mostre
È ufficiale: Alberto Bonisoli è il nuovo ministro dei beni culturali. Partito finalmente il governo Conte
È ufficiale: Alberto Bonisoli è il nuovo ministro dei beni culturali. Partito finalmente il governo Conte