IVA al 4% sulla cultura, detrazione spese culturali, Art Bonus: Federculture fa proposte al Governo


IVA al 4% sulla cultura, detrazione delle spese culturali, ampliamento dell’Art Bonus, una quota delle spese in opere pubbliche riservata alle opere d’arte: sono alcune delle proposte che Federculture ha lanciato al Governo per la legge di Bilancio. 

Federculture ha messo nero su bianco un pacchetto di proposte per sostenere la produzione della cultura e le ha inviate a Governo e Parlamento, lanciando un appello: il pacchetto prevedep roposte in tema di agevolazioni fiscali e interventi mirati a introdurre modifiche strutturali nel settore. Si tratta di un’operazione che, per la prima volta, Federculture ha scelto di condurre come una campagna informativa dedicata e a pagamento sui principali quotidiani nazionali e in particolare su testate specializzate in cultura.

Le proposte sono state, nelle scorse settimane, anche inviate al Ministro della Cultura, al Governo e alle commissioni parlamentari competenti: gli interlocutori, fa sapere Federculture, hanno prestato ascolto e si è avviata una discussione di merito. Dare forza alle proposte, ora, è quindi una forma di sostegno a quanti, nel parlamento e nell’esecutivo, hanno mostrato attenzione a questi argomenti. “Superato il momento più duro dell’emergenza”, commenta il presidente Andrea Cancellato, “tutto il Paese lavora per la ripresa. Dopo la guerra ci fu il Piano Marshall, oggi il PNRR. Così come allora, la cultura può essere motore dello sviluppo e di inclusione sociale. Queste le proposte di Federculture in campo fiscale ed economico”.

“Che la cultura costituisca un fattore determinante nella coesione sociale, nello sviluppo, nella crescita economica è ormai una certezza condivisa e confermata in ogni occasione”, si legge nell’appello, “Gli interventi che il legislatore, il Governo e, in particolare, il Ministro della Cultura Dario Franceschini hanno predisposto nel periodo più duro dell’emergenza pandemica, che ha fermato il settore della produzione e della fruizione culturale prima e per un periodo di tempo più lungo di tutti gli altri, sono stati importanti ed efficaci per evitarne il tracollo. È per questo che Federculture, l’associazione che rappresenta le principali Istituzioni e imprese di gestione e produzione della cultura in Italia, crede che ora siano indispensabili misure strutturali che favoriscano la ripresa e la stabilità delle attività culturali e creative nel nostro Paese. Le proposte che abbiamo sottoposto al Governo nel momento in cui sta varando un importante provvedimento in materia di fisco, sono rivolte al duplice sostegno dell’offerta e della domanda, a favore quindi delle imprese ma anche delle famiglie; esse rappresentano un pacchetto organico di razionalizzazione degli strumenti fiscali e servono a produrre nel medio termine anche la crescita dell’economia, quindi del Pil e del relativo gettito fiscale, contribuendo così alla stabilità lavorativa e alla crescita occupazionale di un settore che impegna circa 840.000 addetti”.

Di seguito le proposte in sintesi. Si comincia con la detraibilità delle spese culturali: sostenere il consumo culturale ha il pregio di indirizzare le risorse là dove i fruitori culturali più sono interessati, per questo Federculture propone di estendere la detraibilità prevista per le spese mediche e farmaceutiche alle spese per l’acquisto di biglietti di ingresso o tessere d’abbonamento a musei, concerti e spettacoli teatrali, sale cinematografiche, acquisto di libri e di opere audio o video, attività formative e di divulgazione, workshop e laboratori, visite guidate.

Ancora, proposta di IVA al 4%: la cultura, considerata bene essenziale tanto che alle librerie è stato concesso di rimanere aperte anche durante il lockdown, dovrebbe essere secondo Federculture agevolata nella sua circolazione riducendo al minimo l’impatto dell’IVA per tutti i suoi comparti, al pari di quanto già avviene nell’editoria, e uniformandone in questo modo il regime a quello degli Stati a noi vicini e con un sistema culturale evoluto.

Federculture propone anche una quota del 2% sulle opere pubbliche riservata all’abbellimento degli edifici: anche in vista della grande mole di interventi in opere pubbliche previste dal PNRR, secondo l’associazione appare urgente un rilancio della legge che prevede che “Le Amministrazioni dello Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e tutti gli altri Enti pubblici, che provvedano all’esecuzione di nuove costruzioni di edifici pubblici devono destinare all’abbellimento di essi, mediante opere d’arte, una quota della spesa totale prevista nel progetto”. La legge è in vigore ma scarsamente applicata, e Federculture ne chiede la piena attuazione e l’adeguamento. In questo modo si aprirebbe una fase di grande committenza artistica su tutto il territorio nazionale. Per lo stesso motivo l’associazione chiede il ripristino della norma che destinava il 3% (Legge n. 208/205) degli stanziamenti previsti per le infrastrutture “alla spesa per la tutela e gli interventi a favore dei beni e delle attività culturali” (ex fondo Arcus, che ha consentito per anni la realizzazione di importanti interventi nel campo culturale come, fra gli altri, la costruzione del MAXXI a Roma).

Federculture chiede poi l’ampliamento dell’Art Bonus: la legge 106/2014 prevede un credito d’imposta del 65% per le contribuzioni private ad alcune categorie di soggetti (enti lirici e istituzioni musicali, gestori di beni culturali pubblici) ma esclude altre categorie, creando secondo Federculture delle differenze di trattamento non comprensibili. Un suo ampliamento renderebbe lo strumento un forte incentivo al finanziamento di tutta la filiera culturale, (mostre, festival ecc.) e di soggetti di diritto privato che gestiscono beni propri pur essendo costituiti da soggetti pubblici e da questi vigilati. Infine, Federculture chiede il rifinanziamento e il rafforzamento del Fondo per la Cultura: fra i principali provvedimenti presi dal legislatore durante l’emergenza vi è stata la costituzione del Fondo per la Cultura (diviso su due comparti per il finanziamento di opere pubbliche e per le iniziative private) per 100 milioni di euro nel biennio 2020 e 2021. Nella Legge di Bilancio 2022 è previsto un rifinanziamento per il biennio 2022/2023 di 20 milioni per ciascun anno. Occorre invece, secondo Federculture, dare continuità e maggiori risorse per questo strumento che si sta rivelando di grande interesse per tutto il sistema della cultura, pubblica e privata.

Immagine: la Pinacoteca di Brera. Foto di James O’ Mara

IVA al 4% sulla cultura, detrazione spese culturali, Art Bonus: Federculture fa proposte al Governo
IVA al 4% sulla cultura, detrazione spese culturali, Art Bonus: Federculture fa proposte al Governo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER