"La grande bellezza" di Paolo Sorrentino: un possibile itinerario di lettura tra arte contemporanea e arte antica


Nel film 'La grande bellezza' di Paolo Sorrentino compaiono diverse citazioni artistiche. Proponiamo un itinerario di lettura del film attraverso l'arte.

Una delle scene più interessanti del film La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, che ha ottenuto proprio pochi giorni fa il Golden Globe e la nomination agli Oscar, si presenta allo spettatore dopo circa un quarto d’ora dall’inizio. È una performance artistica: l’artista, una donna completamente nuda (della quale scopriremo il nome nella scena seguente: si chiama Talia Concept, ed è magnificamente interpretata da Anita Kravos), si fa coprire il capo con un velo trasparente. La telecamera indugia per qualche frazione di secondo sui genitali, in modo da farci notare il pelo pubico tinto di rosso e sul quale è stata ricavata l’immagine di una falce col martello. A questo punto la donna spicca una corsa fino a sbattere contro uno degli archi dell’acquedotto Claudio. Cade, si rialza, si rivolge verso il pubblico urlando “Io non mi amo”. Il pubblico applaude.

La performance di Talia Concept nel film La Grande Bellezza
La performance di Talia Concept nel film La Grande Bellezza

Nella scena immediatamente successiva, l’artista, che parla di sé in terza persona, è intervistata dal protagonista del film, Jep Gambardella, interpretato da un magistrale Toni Servillo. L’intervista è surreale: l’artista vorrebbe che si parlasse degli argomenti da lei richiesti, ma Gambardella insiste nel voler farsi spiegare cosa intenda la donna quando dice che la sua arte è ispirata da “vibrazioni, spesso di natura extrasensoriale”. Il commento di Gambardella di fronte alle parole dell’artista è lapidario: “vive di vibrazioni, ma non sa cosa sono” e “Talia Concept parla di cose di cui ignora il significato, io di lei finora ho solo fuffa impubblicabile”. L’artista scoppia in lacrime, confessa di non sapere di cosa stia parlando, e promette di rivolgersi alla sua direttrice per farsi mandare un altro giornalista per l’intervista.

Chi ha confidenza con l’arte contemporanea, troverà piuttosto facile leggere nelle parole di Jep Gambardella una critica alla stessa arte contemporanea da parte degli autori del film, e allo stesso modo nella performance dell’artista riuscirà a intravedere i modi di Marina Abramovic, la performer per antonomasia (in particolare, la performance nel film ricorda molto Expanding in space dell’artista serba). Nel film di Paolo Sorrentino, l’arte contemporane diventa quasi lo specchio della società in cui Jep Gambardella si è condannato a vivere: un contenitore vuoto, fatto di apparenza e di inganno, un contenitore inutile che non ha niente da raccontare. È del resto la stessa Talia Concept a dichiarare di non sapere cosa siano queste “vibrazioni” che pochi secondi prima aveva indicato come essenza stessa della propria vita (e quindi della propria arte). E nell’ottica del film, questa iniziale critica mossa all’arte contemporanea non rappresenta che una delle prime prese di coscienza che porteranno il protagonista sul suo percorso che lo guiderà verso la grande bellezza.

L’arte contemporanea diventa quindi vuota, autoreferenziale, uno sfoggio autocompiacente di concetti fondati sul niente, che riescono tuttavia ad abbindolare i più sprovveduti: uno sfoggio che però si discioglie di fronte alla seppur minima richiesta di dialogo e di argomentazione. È la realtà degli artisti contemporanei che parlano di fronte a platee silenziose e acclamanti: ma chissà cosa sarebbe dell’arte contemporanea se in ogni platea ci fosse un Jep Gambardella pronto a incalzare il Cattelan o il Paladino di turno (solo per fare due nomi noti ai più, italiani, ed esaltati da una critica sempre meno incisiva) con domande circa l’essenza della loro arte.

Quella del film è una critica che non si muove solo verso i protagonisti dell’arte contemporanea (l’artista, appunto, e il pubblico), ma anche verso il mondo che ci sta attorno, ed esemplare in tal senso è la scena della piccola Carmelina, una enfant prodige costretta a dipingere contro la sua volontà e strappata brutalmente dai giochi con gli amichetti per esibirsi di fronte a una di quelle platee silenziose e acclamanti di cui si diceva prima, con la viscida condiscendenza dei genitori. E la ragazzina sfogherà la sua frustrazione di fronte a una tela contro cui lancerà barattoli di vernice, piangendo e imbrattandosi, ma creando alla fine un “capolavoro” che sarà venduto a un facoltoso gallerista. È lo stesso padre di Carmelina a dire alla ragazzina “se fai vedere quello che sai fare, la nostra famiglia sarà una famiglia felice”.

Carmelina sfoga la sua frustrazione mentre crea il suo dipinto, davanti a un pubblico impassibile
Carmelina sfoga la sua frustrazione mentre crea il suo dipinto, davanti a un pubblico impassibile

È un mercato vorace e cinico, quello dell’arte contemporanea, pronto a strumentalizzare persino una bambina, aiutato da personaggi dalla dubbia moralità che rimangono impassibili di fronte al disagio della piccola: fa pensare il fatto che l’unica ad accorgersi del disagio sia Ramona, interpretata da Sabrina Ferilli, una spogliarellista schietta, semplice (e per questo, potremmo pensare, pura), che fa notare a Jep che la bambina, mentre crea la sua opera, piange. E la risposta è cinica: “quella ragazzina guadagna milioni”.

Ma è proprio su questo sfacelo che si innesta un’arte salvifica che eleva i protagonisti del film dalla volgarità nella quale hanno sguazzato fino a quel momento. Non è però l’arte contemporanea, o almeno non quell’arte contemporanea vuota, malata di protagonismo, osannata dalla critica e sostenuta dal mercato: è invece l’arte antica, che si rivela sommessamente a lume di candela, nel silenzio più totale, quando Jep porta Ramona a fare un tour dei più bei palazzi di Roma, di notte, con la sola guida di un amico che in mano ha un candelabro. Ed è durante questo “tour” che ci appare, quasi come se fosse una Madonna, l’immagine della Fornarina di Raffaello: Jep Gambardella si ferma di fronte a essa, la ammira, e quindi si siede per un attimo a riflettere.

Jep Gambardella ammira la Fornarina di Raffaello
Jep Gambardella ammira la Fornarina di Raffaello

Delle tante citazioni artistiche che si possono trovare nel film, questa è probabilmente la più importante, perché instaura un parallelo tra l’opera e il protagonista, e non è azzardato considerare proprio la Fornarina di Raffaello, in questa sua apparizione, una delle chiavi per provare a comprendere il senso del film: beninteso, si tratta solo di una interpretazione. È risaputo che, secondo la tradizione, la Fornarina era la donna amata da Raffaello, Margherita Luti, figlia di un fornaio: non abbiamo notizie certe sulla relazione, ma questa ha sempre stimolato la fantasia degli artisti esaltati dal “mito” di Raffaello (uno su tutti, Ingres). Evidentemente anche Paolo Sorrentino conosce la storia dietro il dipinto, e il particolare della Fornarina quindi potrebbe non essere casuale, per due ragioni principali.

La prima: Margherita Luti fu per Raffaello anche una musa ispiratrice, prendendo ovviamente per buona una ipotesi molto romantica e molto suggestiva, che però sembrerebbe quasi essere avvalorata dai tratti somatici di diverse protagoniste dei dipinti dell’ultima fase della carriera del pittore urbinate (pensiamo alla Madonna Sistina, alla Velata, all’Estasi di santa Cecilia, alla Madonna della seggiola). Allo stesso modo, intravediamo nel film la presenza di una musa ispiratrice di Jep Gambardella, la donna che gli ispirò il suo primo (e unico) romanzo: si tratta di Elisa, la fidanzata di Jep quando quest’ultimo aveva diciotto anni, la prima ragazza con cui ha fatto l’amore e soprattutto l’unico vero, grande amore della sua vita. In un flashback sul finale del film, vediamo il loro primo incontro, sotto il faro dell’Isola del Giglio, dove il protagonista tornerà a distanza di quasi cinquant’anni: la ragazza si spoglia di fronte a un giovane Jep, rimanendo con il seno nudo, proprio come la Fornarina nel dipinto di Palazzo Barberini.

Veniamo a sapere nel corso del film che i due poi si lasciarono, ma non conosciamo il motivo. Ma è forse per la mancanza di un amore vero (e quindi di sentimenti veri) che Jep non riuscirà più a produrre niente, tanto da confessare alla propria domestica (l’unico personaggio del film, assieme a Ramona e a una vecchia missionaria che conoscerà nell’ultima parte, che sembra ispirare sentimenti puri in Jep: anche qui bisogna rimarcare il fatto che questa capacità proviene proprio dai personaggi più “umili”), in riferimento all’ennesima festa mondana che sta dando sulla sua grande terrazza con vista Colosseo, che “questa è la mia vita: e non è niente”.

La seconda ragione: se pensiamo a questo amore tra Raffaello e Margherita, dobbiamo immaginarlo come un amore puro e semplice, come l’amore che Jep Gambardella nutriva nei confronti di Elisa. Ed è intorno a questo amore giovanile che si sviluppa, probabilmente, il senso del film: la grande bellezza non è quella del divertimento sfrenato, delle feste, della mondanità e del lusso, ma è quella dei sentimenti puri. Che sono quelli che riempiono veramente la vita, insieme, chiaramente, all’arte, quando quest’ultima si fa portatrice di significati elevati, anche se semplici.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Angelica Franco Malerba in data 20/01/2014, 23:30:47

molto molto interessante e profonda l'analisi di questo splendido Film....spesso banalmente e superficialmente commentato....- Grazie....



2. Imma Piscitelli in data 21/01/2014, 15:48:52

finalmente qualcosa di puramente artistico,davvero excited.......



3. Daniela Monacelli in data 22/01/2014, 13:55:40

questo articolo ha messo ordine alle sensazioni che avevo avuto guardando il film! bellissimo...



4. Alda De Pascalis in data 22/01/2014, 19:10:47

A me questo film non e' piaciuto per niente. Di Fellini ha solo il grottesco, pesante , critico di una società alla quale poi si rivolge per ricevere il premio. Grande Servillo, e' lui la grande meraviglia.....



5. Daniela Bianconi in data 03/03/2014, 12:11:25

Grande film con una magistrale interpretazione ,che deve essere visto più volte per poterne analizzare ,apprezzare,valutare la miriade di messaggi sfumature,assonanze,rimandi,citazioni,nonche' godere della sua globale "grande bellezza"....



6. Maria Pia Strano in data 03/03/2014, 22:15:00

condivido in toto Alda De Pascalis, felice di trovare una persona capace di senso critico. Amo in genere Sorrentino ma questo film è banale, vuoto, mal recitato, zeppo di luoghi comuni, insomma non gli fa onore. Discorso a parte invece per Servillo, meraviglioso.



7. Anna Lai in data 19/04/2014, 15:52:40

t



8. Julia Romero Ruiz in data 19/04/2014, 22:47:14

Pelicula con emocion y sutileza, autentico manifiesto sobre la trampa del arte contemporaneo y la necesidad de volver a las raices del arte.



9. Dani in data 29/06/2014, 00:13:58

Molto, molto bello signori miei: grazie!



10. eva in data 29/06/2014, 08:25:47

Concordo sulla vacuità della vita.....sul vuoto interiore....sulla mancanza dei sentimenti ....il film che mostra quanto l'uomo sia privo di se stesso. ....opera straordinariamente bella......



11. Vis in data 29/06/2014, 09:38:07

E' il film sulla -nostalgia- .Viviamo in un momento di - grande - tragicità ,si respira tutti i giorni negli avvenimenti quotidiani di violenza,di indifferenza di attaccamento al denaro che trasforma gli esseri umani in una massa schizofrenica,in un estetica che tende ad allungare una vita vuota senza contenuti rappresentata da volti inespressivi.Il film racconta tutto questo e tanto altro.Molti lo hanno paragonato a -La dolce vita- di Fellini,hanno fatto parallelismi...secondo me,e per fortuna ,e'un film tutto suo che nulla ha a che fare col capolavoro di Fellini.Il film La grande bellezza-e'il -suo- capolavoro.Le immagini che si muovono frenetiche attraverso la macchina da presa sono la metafora di oggi,corriamo senza sapere dove ...senza avere piu'sogni...il protagonista vi ha rinunciato deluso dalla sua stessa vita,solo attraverso il personaggio interpretato dalla Ferilli trovera'un barlume di umanità ormai perduta.Questo film e' poesia...e la poesia non si puo'spiegare,si ascolta ed arrivano le emozioni. Giovanna Sigismondi



12. Giulia Liside in data 29/06/2014, 11:26:20

"La grande bellezza" ha vinto l'oscar per il miglior film straniero. Un film che invece va rivisto poiché introspettivo. Rispecchia esattamente la società moderna divenuta per molti materiale superficiale poco incline ai sentimenti profondi quali l'amore e l'amicizia mentre il sesso e' sfaccettato, risolutore o diversivo (ma in realtà e' qualcosa di diverso). L'uomo si perde facilmente nella massa, restando avvinghiato nella materialità peraltro noiosa. E' la forma di distacco invece che va capita, una forma di dialogo che va rivista e corretta, la capacità di restare se stessi...e rivalutare le grandi infinite potenzialità dell'uomo in una società pari alla sua evoluzione!



13. vanessa in data 29/06/2014, 15:44:23

Secondo l'articolo è un'accozzaglia di stereotipi volgari e ignoranti. Non so se Sorrentino volesse davvero parlare così dell'arte contemporanea, è troppo colto, credo parli più della stupidità umana nell'arte contemporanea. Marina Abramovich ha fatto opere di denuncia per la guerra in ex Jugoslavia di una profondità pazzesca, Catteland ha denunciato situazioni molto delicate e difficili da affrontare. E per i Galleristi? Ci sono gli affittamuri e quelli invece che amano l'arte e la vendono. Questo articolo è proprio ciò che Sorrentino descrive in tutto il film: un paese provinciale che invidia e castra ciò che non conosce, che vive di apparenze e di idioti moralisti: ma che ha un Papa, è malato di calcio e non conosce la propria costituzione. Di che stiamo a parlare? Vorrei ricordare al giornalista che ancge al tempo di Giotto si discuteva sull'arte contemporanea e sul fatto di quanto fosse avanguardia... studiate gente studiate...



14. Vanessa Rusci in data 29/06/2014, 15:46:49

Secondo l'articolo è un'accozzaglia di stereotipi volgari e ignoranti. Non so se Sorrentino volesse davvero parlare così dell'arte contemporanea, è troppo colto, credo parli più della stupidità umana nell'arte contemporanea. Marina Abramovich ha fatto opere di denuncia per la guerra in ex Jugoslavia di una profondità pazzesca, Catteland ha denunciato situazioni molto delicate e difficili da affrontare. E per i Galleristi? Ci sono gli affittamuri e quelli invece che amano l'arte e la vendono. Questo articolo è proprio ciò che Sorrentino descrive in tutto il film: un paese provinciale che invidia e castra ciò che non conosce, che vive di apparenze e di idioti moralisti: ma che ha un Papa, è malato di calcio e non conosce la propria costituzione. Di che stiamo a parlare? Vorrei ricordare al giornalista che ancge al tempo di Giotto si discuteva sull'arte contemporanea e sul fatto di quanto fosse avanguardia... studiate gente studiate...



15. annamariabalzano43 in data 14/01/2017, 16:28:36


Un film ricco di contenuti, che vede come protagonista un artista, uno scrittore che dopo il suo romanzo d’esordio che fu un grande successo, non è più riuscito a scrivere nulla che fosse degno di attenzione. La vicenda ha luogo nello sfondo d’una Roma magnifica, ripresa dai punti più strategici perché le sue bellezze naturali e architettoniche vengano valorizzate ed esaltate. Non a caso la scena iniziale ci offre la splendida veduta dal Gianicolo: una Roma mozzafiato. Quasi subito si rivela il contrasto tra questa bellezza esteriore e l’umanità meschina che la anima. Un popolo di gente mediocre all’affannosa ricerca d’uno spazio per dar voce ognuno al proprio ego col fine d’un successo effimero. Un popolo costituito da attori mediocri, quotidianamente frustrati, schiacciati e prevaricati da altri ancora peggiori che riescono ad ottenere qualche breve visibilità grazie a piccoli o grandi compromessi, da nobili decaduti che, privi di qualsiasi competenza, non possono che vendersi o prestarsi per dar lustro con il loro nome a cene e ricevimenti, da donne che tentano fino all’esasperazione, con tutti i mezzi, di mantenere la loro giovinezza, distruggendosi psicologicamente perché non preparate al decadimento del corpo, da prelati dediti alla cura del palato piuttosto che a quella dell’anima, da eccentrici e ambiziosi individui che non esitano a negare a figli ancora bambini il tempo e lo spazio del gioco per trasformarli in fenomeni da baraccone e esibire e esaltare le loro capacità artistiche. Un mondo in cui anche la morte diviene un incidente vissuto con superficialità e occasione di spettacolo. Un mondo che crea intorno a personaggi semplici, devoti al cristianesimo e alla cura del prossimo in difficoltà, un’aura di superstizione che sfocia facilmente in una lucrosa tendenza al paganesimo. È in questa prospettiva che si può capire il personaggio di “Santa Maria”, grottescamente amplificato. Basti pensare alla figura di Padre Pio.
In questo mondo di nani, Jep Gambardella è alla disperata intima ricerca della “grande bellezza” che vorrebbe fosse il tema della sua prossima opera, una ricerca faticosa e vana. Sarà tuttavia questo percorso doloroso e difficile che lo porterà infine alla consapevolezza. In fondo anche la struggente bellezza della Roma del passato altro non è che la testimonianzia arrivata fino a noi di ciò che l’uomo può creare con la sua arte ma che racchiude in sé sempre tragedia, lutti, sofferenze, corruzione e tradimenti. Cos’è il Colosseo, in fondo, se non un monumento grandioso che vide compiersi i più terribili atti di crudeltà con la partecipazione di imperatori e notabili?
Eppure il film si chiude con un messaggio di speranza che giunge proprio dalle parole della “Santa Maria”: “Sa perché mangio radici? Perché le radici sono importanti.” Questo è dunque, a mio avviso, il messaggio di questo film stupendo anche per la fotografia e la sceneggiatura. La memoria, il passato deve essere sempre presente in ciascuno di noi. Sì, perché la storia di Jep Gambardella non è solo la storia della crisi dell’artista, è la storia della crisi dell’uomo del nostro tempo. La sola speranza di salvezza riesiede nel risveglio delle coscienze individuali, perché è solo lì che giace sopita la grande bellezza, è solo così che si potrà rinascere e potrà rinascere anche l’arte.
“Se non ricordiamo, non possiamo comprendere”, disse Edward Morgan Forster. Ed è nella memoria la speranza per il futuro.







Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma