Un segnale incoraggiante per il nostro appello contro il "noleggio" dei beni culturali


Giunge un segnale incoraggiante per il nostro appello al ministro Bray contro la misura del ddl Semplificazioni riguardante l'affitto dei beni culturali non esposti

Malgrado il ministro Bray non abbia ancora risposto all’appello contro la misura sui beni culturali non esposti contenuta nel ddl Semplificazioni, appello che abbiamo lanciato su queste pagine il 1° di agosto, e che è ancora possibile firmare cliccando qua, giungono segnali incoraggianti.

In un articolo apparso sul blog di Tomaso Montanari pochi giorni fa (il 18 di agosto), intitolato “Perché ho accettato di provare a cambiare il Ministero per i Beni Culturali”, lo stesso Montanari spiega le ragioni per le quali ha accettato di far parte della commissione per il rilancio dei beni culturali istituita dal ministro, ed elencando le iniziative positive di Massimo Bray, Montanari scrive che il ministro “ha fatto anche ritirare lo stupidissimo e dannoso provvedimento sul noleggio delle opere nei depositi dei musei”.

Non siamo riusciti a trovare una fonte che non sia Montanari riguardo questa affermazione: che sia quindi un’anticipazione dello storico dell’arte fiorentino? O che l’azione del ministro Bray sia passata talmente in sordina che nessuno ne ha dato notizia? Abbiamo un buon margine di sicurezza nel pensare che Montanari abbia letto il nostro appello, e ci piacerebbe pensare che ne abbia discusso col ministro e quest’ultimo sia arrivato alla conclusione di ritirare la misura che il nostro appello intende combattere.

Massimo Bray non ci ha dato una risposta diretta come ha fatto con tanti altri, è vero, ed è anche vero che l’appello ha ricevuto a oggi quasi quattrocento firme di quattrocento persone diverse (storici dell’arte, studiosi, docenti, studenti, appassionati, o semplicemente cittadini che tengono al loro patrimonio): una risposta sarebbe un gesto molto gradito ma, ad ogni modo, se la notizia riportata da Montanari è vera, non possiamo che dirci contenti del nostro ministro Bray e possiamo finalmente dire di avere un buon ministro per i Beni Culturali.


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.

Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma