In estinzione e in attesa di riconoscimento da diciotto anni: l'odissea dei restauratori


Il mestiere del restauratore è a rischio: in diminuzione nel numero, e da diciotto anni in attesa di una qualifica, i restauratori affrontano mille difficoltà e la loro situazione dovrà rappresentare una priorità per il prossimo ministro dei beni culturali.

“Restauratori in estinzione”: così titolava, lo scorso 30 marzo, un articolo a firma di Monica Pieraccini uscito sull’edizione fiorentina de La Nazione. La giornalista riportava come prima della crisi, nella sola Firenze, si contassero almeno quattrocento restauratori, oggi ridottisi a un centinaio, dacché molti di loro hanno cambiato professione (oppure sono finiti nella morsa della disoccupazione) a causa della mancanza di lavoro, dovuta per lo più al fatto che quello del restauro è un settore nel quale non s’investe. E i risultati di questa politica sono evidenti: al di là di alcuni restauri “spot”, della cui utilità spesso ci s’interroga, poco si fa, e a soffrirne è soprattutto il piccolo patrimonio diffuso sul territorio, che spesso necessita d’interventi di privati per far fronte anche a situazioni d’emergenza.

Per esempio, è notizia di oggi il salvataggio, da parte di dieci giovani restauratori diplomati all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, uno dei maggiori istituti italiani del restauro, di duecentosessanta opere sottratte dai siti colpiti dal sisma del Centro Italia del 2016 e ricoverate presso il deposito di Santo Chiodo di Spoleto: un intervento che è stato possibile grazie a un contributo di centotrentamila euro stanziato da un ente privato, la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. E la differenza tra gli interventi post-terremoto del 1997 in Umbria e nelle Marche e quelli attuali è stata anche ben riassunta da Vittorio Emiliani in un suo recente articolo su Emergenza Cultura. Sono del resto i numeri che certificano come il Ministero dei Beni Culturali, negl’ultimi anni, abbia dimostrato un certo disinteresse nei confronti del patrimonio minore. E tutto questo è paradossale, se si pensa che il patrimonio artistico e il restauro vengono utilizzati “come vetrina e per le campagne elettorali”, come precisava, nel summenzionato articolo, Marco Benati del sindacato Fillea Cgil di Firenze.

Restauratrice all'opera nella basilica di Sant'Eustorgio a Milano. Ph. Credit Giovanni Dall'Orto
Restauratrice all’opera nella basilica di Sant’Eustorgio a Milano. Ph. Credit Giovanni Dall’Orto

Molti restauratori devono dunque misurarsi col precariato dei contratti di collaborazione o a tempo determinato, oppure con la libera professione, barcamenandosi tra consulenze esterne e incarichi a termine, spesso sporadici, dal momento che tutto il settore è in difficoltà. Alla crisi degl’investimenti occorre poi aggiungere la spinosa questione del riconoscimento della professione, un problema che il ministero, negl’ultimi tempi, non ha mai dimostrato di voler risolvere. Eppure, non si tratta di un nodo di poco conto, dal momento che il ministero stesso, attraverso due decreti (il 294 del 2000 e il 420 del 2001) ha individuato i requisiti dei soggetti che, in Italia, possono essere riconosciuti come restauratori di beni culturali, dimostrando dunque che i restauratori, nell’economia complessiva della tutela dei beni culturali, svolgono un ruolo d’importanza critica. Si tratta poi di requisiti che sono stati confermati con l’articolo 182 del Codice dei beni culturali (il decreto legislativo 42 del 2004), ovvero la legge fondamentale del settore dei beni culturali in Italia, ed estesi successivamente.

Secondo la legge, il professionista che voglia esser qualificato come restauratore deve dimostrare al ministero (cui spetta il compito di fare le opportune verifiche) di aver ottenuto un diploma in una delle scuole di restauro o di essersi laureato in uno dei corsi universitari (o delle Accademie di Belle Arti) riconosciuti dalla legge, oppure, qualora si tratti di professionista che già svolgeva la professione di restauratore prima dell’entrata in vigore dei decreti, di aver regolarmente lavorato per almeno otto anni (se non in possesso di diploma, altrimenti per quattro), e con responsabilità diretta nella gestione tecnica dell’intervento, nell’ambito di restauri certificati dagli enti preposti alla tutela. Così, nel 2009, vengono avviate le opportune verifiche di cui sopra, finalizzate a garantire il riconoscimento della professione. Inoltre, a seguito della delineazione del profilo professionale dome da decreto ministeriale 86 del 2009, viene anche individuato il percorso formativo universitario, della durata di cinque anni, che avrebbe dovuto formare i futuri restauratori. Nel 2010, una modifica ai criterî fa slittare la procedura, che deve attendere che “si realizzi l’iter parlamentare necessario alla revisione dell’articolo 182 del Codice”: peraltro il bando per il riconoscimento della qualifica aveva scadenza un giorno prima della sospensione, e possiamo solo immaginare la frustrazione di quanti avevano già inoltrato la domanda di riconoscimento al ministero.

Passano altri tre anni, la modifica viene varata e la fine della procedura è fissata per il 30 giugno del 2015. Questa volta, almeno in apparenza, non ci sono sorprese: il bando viene pubblicato, i restauratori inviano la loro documentazione (e una circolare del segretario generale del ministero, nel maggio del 2015, fa sapere che coloro che sono in possesso dei requisiti di legge possono comunque continuare a svolgere le loro attività lavorative, in attesa che il procedimento venga espletato) e a novembre del 2015 viene nominata la commissione di verifica che, per controllare le domande inviate da tutti i candidati, ha sei mesi di tempo, prorogabili di ulteriori due mesi (commissione di verifica che, peraltro, nel corso di tutto l’iter conoscerà ben quattro modifiche). La proroga scatta puntualissima, ma l’odissea dei restauratori deve ancora finire. A luglio, ovvero nel mese in cui è prevista la conclusione del procedimento, viene fatta scattare una proroga di un anno che rimanda tutto a giugno del 2017: e la proroga scatta, oltretutto, quando era già stato pubblicato un elenco parziale di abilitati, per consentire ai diplomati delle scuole ministeriali di partecipare al grande concorso del 2016, quello per l’assunzione di cinquecento funzionarî negli organi del ministero (ottanta dei quali restauratori). E non è finita: al 30 giugno, nuova data di scadenza, subentra una nuova proroga di sei mesi e tutto è rimandato al 31 dicembre. E se i restauratori pensavano che il loro calvario sarebbe terminato con le festività natalizie, si sbagliavano di grosso, dacché il 12 dicembre scorso è entrata in vigore una nuova proroga di tre mesi (la scadenza è dunque rimandata al 31 marzo), che però, si legge nel decreto direttoriale 220 del 2017, potranno essere ulteriormente prorogabili.

Questo significa che, in buona sostanza, al momento non esiste una data certa per il termine della procedura che dovrebbe garantire ai restauratori l’ottenimento della qualifica professionale. E questo succede a diciotto anni dall’individuazione dei requisiti necessarî per svolgere il mestiere, e a nove anni dalla pubblicazione del bando che avviava la procedura di riconoscimento. Si è giunti a questo punto per diverse ragioni: perché la normativa che identifica i requisiti è stata più volte sottoposta a modifica, perché nel frattempo sono nati nuovi corsi di laurea che hanno reso necessaria una revisione dei criterî, perché la documentazione prodotta dai restauratori (decine di migliaia di documenti) richiede tempistiche lunghe affinché possa essere valutata correttamente e in modo minuzioso (anche se, a tre anni dalla scadenza dell’invio delle domande, forse si potrebbe quanto meno garantire ai restauratori una data certa per l’espletamento della procedura).

Nel frattempo, molti restauratori denunciano che nel settore operano abusivi che non sono in possesso dei requisiti indicati nella normativa di settore, ma seguitano a operare indisturbati sfruttando l’attuale momento di scarsa chiarezza. E questo non crea solo situazioni di concorrenza sleale, ma comporta anche gravi rischi per il nostro patrimonio storico-artistico. Da un lato, dunque, una questione di rispetto nei confronti di una categoria di professionisti cui è stato promesso un riconoscimento, ma si è prorogato di anno in anno il termine del procedimento, e dall’altro la cura degl’interessi della tutela, dovrebbero far riflettere il nuovo ministro sul fatto che la qualifica dei restauratori sia una priorità improcrastinabile, che dovrà essere discussa con estrema urgenza. Anche perché la qualifica potrebbe costituire la base del rilancio d’una professione a rischio, ma ch’è d’importanza fondamentale per il nostro paese.



Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, ho fondato Finestre sull'Arte nel 2009 con Ilaria Baratta. Sono nato a Massa nel 1986 e ho ottenuto la laurea specialistica a Pisa nel 2010. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


10 priorità per il prossimo ministro dei beni culturali
10 priorità per il prossimo ministro dei beni culturali
Come se la passa la cultura nelle amministrazioni di 5 Stelle e Lega Nord? Diamo un'occhiata
Come se la passa la cultura nelle amministrazioni di 5 Stelle e Lega Nord? Diamo un'occhiata
Scuola del Patrimonio, il flop delle candidature certifica un'imbarazzante mancanza di chiarezza
Scuola del Patrimonio, il flop delle candidature certifica un'imbarazzante mancanza di chiarezza


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Marcello castrichini in data 06/04/2018, 22:04:24

Suicidio assistito: grazie a prima PCI e dc cge hanno minato le fondamenta (1978 ca); segue Veltroni 2000 affidando gran parte del patrimonio alla Chiesa (sic); a ruota berlusconi e il compare renzi (de profundis) e funzionari ad hoc! Ministero da chiudere e ripensare il tutto tenendo lontani dal settore questi sindacati e caimani politici. Ridare qualità
E potere alle soprintendenze; sogno!!!! Ma non ci sono alternative



2. Raff in data 07/04/2018, 15:56:31

Sono una restauratrice che opera nel settore dal 2000. Vivo in pieno la situazione descritta dall'articolo, sia la diminuzione della richiesta nel settore che l'attesa infinita della qualificazione. Ringrazio di cuore l'autore dell'articolo per aver preso atto della nostra difficile situazione. Considerando anche che il nostro Paese viene ogni giorno "riempito" di stranieri per visitare luoghi ed opere. Si potrebbe vivere d'arte e non si fa.



3. chicca in data 08/04/2018, 18:29:55

Articolo perfetto. Aggiungo che in data 28 marzo 2018 la conclusione dei lavori della Commissione è stata per la ennesima volta prorogata al 31 maggio 2018, perchè ancora una volta un membro della Commissione si è dimesso, la segretaria della Commissione si è ammalata: "Dio non c'è, Marx è morto e anch'io non mi sento tanto bene". Complimenti .
Cristiana Govi
Bologna



4. alessandro in data 08/04/2018, 23:07:31

Non so se dipende dalla burocrazia o dalla politica, ma è veramente triste penalizzare un settore che potrebbe dare moltissimo lavoro specialmente per le opere minori sparse su tutto in territorio. Come al solito si pubblicizzano restauri da campagna elettorale.



5. Lucianofasulo39@gmail.com in data 09/04/2018, 08:45:36

Come al solito per riconoscere i diritti ed il riconoscimento di una categoria passano anni,questo e'accaduto anche alla categoria degli accompagnatori turistici.E poi si parla di proteggere la cultura ed il payrimonio artistico italiano che ci viene invidiato da tutto il mondo.Immaginate solo quanti sono i siti del patrimonio dell'unesco nel nostro paese.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili