Finestre sull'Arte - Sesta puntata

Masaccio

Masaccio


Genio agli albori del Rinascimento



Puntata 6 - 27 aprile 2010
Durata: 28'54"



Clicca qui per il download diretto


La sesta puntata del nostro podcast è dedicata al grandissimo genio che ha dato il via al Rinascimento in pittura: si tratta di Tommaso di Giovanni di Mone Cassai, meglio noto con il suo soprannome di Masaccio. Talento precoce, scomparso prematuro: l'amico Filippo Brunelleschi era addolorato per la sua scomparsa all'età di ventisette anni non ancora compiuti, nel 1428. Con Masaccio si chiude il Medioevo e inizia una nuova epoca: il giovane pittore di San Giovanni Valdarno introduce in pittura le regole della prospettiva formulate da Brunelleschi, dipinge figure più realistiche, più solide (Giorgio Vasari scrisse che le sue erano figure "vive e vere"), organizza lo spazio in modo razionale. Scopriamo la sua arte con Ilaria e Federico!

Immagine: Trittico di San Giovenale (particolare della Madonna dipinta da Masaccio), 1422; tempera su tavola, 110 x 65 cm (pannello centrale), 88 x 44 cm (scomparti); Reggello, San Pietro.



Approfondimenti

Tommaso di Giovanni di Mone Cassai, detto "Masaccio" (San Giovanni Valdarno, 1401 - Roma, 1428)

Biografia


1401 Tommaso di Giovanni di Mone Cassai nasce a Castel San Giovanni (l'attuale San Giovanni Valdarno) il 21 dicembre da Giovanni di Mone e Iacopa di Martinozzo. Viene soprannominato “Masaccio” per la sua trasandatezza.
Anni '10 Compie la prima formazione nella bottega del nonno Simone, che di mestiere faceva il decoratore di cassoni (professione da cui deriverebbe il cognome Cassai).
1417 ca. Si trasferisce a Firenze.
1421 È forse a bottega da Mariotto di Cristofano ma non lo sappiamo con certezza.
1422 Esegue il Trittico di san Giovenale, la prima opera che gli si può attribuire con certezza. Nello stesso anno Felice Brancacci termina la realizzazione della cappella di famiglia nella chiesa del Carmine, la cui decorazione ad affresco sarà iniziata di lì a breve da Masaccio insieme a Masolino da Panicale, in un fortunato sodalizio artistico. La cappella Brancacci è uno dei più grandi capolavori dell'arte italiana.
1424 ca. Realizza la Sant'Anna Metterza insieme a Masolino.
1425 Masolino parte per l'Ungheria e Masaccio continua da solo i lavori alla cappella Brancacci, che tuttavia rimarranno interrotti nel 1428 alla sua scomparsa. Le scene saranno poi condotte a termine negli ultimi anni del secolo da Filippino Lippi.
1426 Esegue per la chiesa del Carmine di Pisa il cosiddetto Polittico di Pisa, che oggi purtroppo sopravvive smembrato.
1427 Dipinge la Trinità di Santa Maria Novella a Firenze.
1428 Si trasferisce a Roma per eseguire alcuni lavori ma muore prematuramente all'età di ventisette anni. Non si conoscono le cause della scomparsa.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica gratis in cambio di un tweet o di un post su Facebook!
Relazioni


Allievo di: Simone Cassai
Guardò a: Nicola Pisano - Giotto - Filippo Brunelleschi - Nanni di Banco - Donatello - Mariotto di Cristofano
Guardarono a lui: Masolino da Panicale - Beato Angelico - Paolo Uccello - Filippo Lippi - Piero della Francesca - Andrea del Castagno - Domenico Ghirlandaio - Andrea di Giusto - Michelangelo
Principali mecenati e committenti: Felice Brancacci

"La nota" - rubrica a cura di Ambra Grieco


Il genio di uno dei più eccelsi pittori italiani: Masaccio - fai clic sul titolo per leggere l'articolo!


Immagini


Opere citate nella trasmissione (facendo clic si apriranno in una pagina nuova):
Trittico di San Giovenale (1422; Reggello, San Pietro)
Sant'Anna Metterza (1424 ca.; Firenze, Uffizi)
Polittico di Pisa (1426 circa): pannello centrale (Londra, National Gallery); Crocifissione (Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte)
Cappella Brancacci: Cacciata, Peccato originale (di Masolino), Tributo, Resurrezione del figlio di Teofilo, San Pietro risana con l'ombra, Battesimo dei neofiti, Distribuzione dei beni e morte di Anania, Guarigione dello storpio e resurrezione di Tabita (con Masolino), Probabili ritratti di (da sx a dx) Masolino, Masaccio, Leon Battista Alberti, Filippo Brunelleschi (1422-28; Firenze, Chiesa del Carmine)
Trinità (1426-28; Firenze, Santa Maria Novella)

Altre immagini:
Commons: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Masaccio (con sottocategorie dedicate ai singoli dipinti);
Web Gallery of Arts.

Libri da leggere


- John Spike, Masaccio, 2002, Rizzoli.
- Cecilia Frosinini, Masaccio, 2003, Giunti.
- Angelo Tartuferi, Masaccio, 2003, Sillabe.


Mostre e musei da visitare


- Firenze, Uffizi
- Firenze, Santa Maria del Carmine
- Firenze, Santa Maria Novella
- Firenze, Museo Horne
- Reggello (FI), Museo Masaccio
- Reggello (FI), San Pietro
- Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte
- Pisa, Museo Nazionale di San Matteo
- Londra, National Gallery
- Berlino, Staatliche Museen





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.




Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili