Bologna, restaurato affresco del Guercino, primo lavoro pubblico dell'artista nella città


Restaurato il San Rocco gettato in carcere del Guercino, affresco che si trova nell’Oratorio di San Rocco a Bologna. È il primo lavoro pubblico del Guercino a Bologna e riveste un’importanza fondamentale nel suo corpus di opere.

Restaurato il San Rocco gettato in carcere, l’affresco del Guercino realizzato nel 1618 che si trova nell’Oratorio di San Rocco a Bologna. Gli esiti del lavoro di studio e di restauro dell’opera, compiuto da un gruppo di studiosi e restauratori del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, con la supervisione della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Bologna, saranno presentati martedì 7 novembre, alle ore 17, nell’Oratorio di San Rocco, in via Monaldo Calari 4.

Fortemente voluto da don Davide Baraldi, parroco della parrocchia di Santa Maria della Carità, a cui afferisce anche l’Oratorio, il restauro è stato possibile grazie a un accordo quadro tra il Dipartimento di Beni Culturali dell’Alma Mater e l’Arcidiocesi di Bologna, e grazie a un importante cofinanziamento della Fondazione Carisbo, oltre alla generosa partecipazione di alcuni sostenitori privati.

All’evento di presentazione dell’intervento sarà presente la squadra dell’Alma Mater responsabile di tutte le fasi del lavoro scientifico e tecnico: Barbara Ghelfi, professoressa ordinaria di Storia dell’Arte Moderna, Giulia Iseppi, docente di Storia delle Arti Applicate, Fabio Bevilacqua, docente di Restauro, e Chiara Matteucci, specialista in Diagnostica Artistica e Technical art History.

"Il San Rocco gettato in carcere è il primo lavoro pubblico del Guercino a Bologna e riveste un’importanza fondamentale nel suo corpus di opere“, spiega la professoressa Ghelfi. ”Risalente al 1618, fa parte di un importante ciclo dedicato alla vita del santo che riveste le pareti dell’Oratorio di San Rocco, la cui realizzazione venne affidata a una squadra di allievi di Ludovico Carracci".

Per la sua ubicazione in un edificio di antica costruzione e poco utilizzato, l’affresco si trovava in uno stato di conservazione precario, e si è reso necessario un importante intervento di pulitura. Sono state avviate quindi le indagini diagnostiche sull’opera, realizzate dal Laboratorio Diagnostico del Dipartimento di Beni Culturali, che hanno fornito ai restauratori le informazioni necessarie per portare a termine la protezione, il consolidamento e la pulitura della superficie pittorica.

I dati ottenuti dai rilievi diagnostici e l’intervento di pulitura permetteranno inoltre di realizzare uno studio storico-artistico approfondito, che permetterà di mettere in relazione l’opera con le altre decorazioni murali del Guercino. Un lavoro che si inserisce nel progetto Guercino oltre il colore, avviato dal Laboratorio Diagnostico del Dipartimento di Beni Culturali dell’Alma Mater, in collaborazione con Lumiere Technology.

"Avviata nel 2017, l’indagine Guercino oltre il colore ha già permesso lo studio di numerose opere dell’artista: l’obiettivo è definire la sua tecnica esecutiva e tracciarne l’evoluzione“, afferma Barbara Ghelfi. ”In questo contesto, l’indagine sul San Rocco gettato in carcere ha permesso di raccogliere nuovi dati sulla tecnica giovanile del Guercino, restituendo così alla città un tassello fondamentale della sua storia artistica".

Bologna, restaurato affresco del Guercino, primo lavoro pubblico dell'artista nella città
Bologna, restaurato affresco del Guercino, primo lavoro pubblico dell'artista nella città


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020