Il V&A di Londra sostiene di aver trovato l'impronta digitale di Michelangelo su una scultura


Il Victoria and Albert Museum di Londra sostiene di aver individuato l’impronta digitale di Michelangelo sulla superficie di una scultura in cera che gli viene attribuita. 

Secondo il Victoria & Albert Museum di Londra, una piccola scultura in cera della collezione del museo londinese, generalmente ritenuta un modello per lo Schiavo giovane di Michelangelo Buonarroti destinato alla tomba di Giulio II (e attribuita dunque al grande artista toscano), potrebbe recare i segni della presenza fisica del genio: è stata infatti individuata sulla superficie del modello in cera un’impronta digitale che, stando a ciò che riferisce il museo, potrebbe essere di Michelangelo.

La rivelazione è stata fatta in una puntata del programma Secrets of the Museum della BBC. La scoperta, si apprende dalla trasmissione, risale alla primavera scorsa, quando i conservatori del museo hanno spostato l’opera per sistemarla in deposito durante il lockdown: la cera è infatti un materiale molto sensibile ai cambi di temperatura e di umidità. Finito il confinamento, la scultura è tornata in esposizione, e durante questo spostamento i curatori del V&A si sono accorti della presenza di un’impronta digitale sulle natiche della scultura, divenuta visibile probabilmente per via delle alterazioni subite dalla superficie dell’opera a causa delle variazioni di temperatura e umidità.

“È entusiasmante sapere che una delle impronte digitali di Michelangelo possa essere sopravvissuta nella cera. Tali segni suggerirebbero la presenza fisica del processo creativo di un artista. È dove la mente e la mano in qualche modo si uniscono... ha distrutto lui stesso un sacco di modelli in cera. E un’impronta digitale sarebbe una connessione diretta con l’artista”.

Naturalmente ci sono molti ostacoli prima di poter affermare che quell’impronta è davvero di Michelangelo: intanto, il modello in cera è solo attribuito all’artista e non c’è certezza che sia opera sua. E poi non è possibile avere un riscontro sull’impronta digitale, che potrebbe pertanto essere di qualcun altro. Insomma: la scoperta non toglie e non aggiunge alcunché alla scultura.

Nella foto: l’opera attribuita a Michelangelo

Il V&A di Londra sostiene di aver trovato l'impronta digitale di Michelangelo su una scultura
Il V&A di Londra sostiene di aver trovato l'impronta digitale di Michelangelo su una scultura


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Importante dipinto del Seicento fiorentino scoperto in una chiesa di un sobborgo di New York
Importante dipinto del Seicento fiorentino scoperto in una chiesa di un sobborgo di New York
Il prezioso trittico di Paolo Veneziano della Pilotta va in trasferta al Getty di Los Angeles
Il prezioso trittico di Paolo Veneziano della Pilotta va in trasferta al Getty di Los Angeles
Bevagna, presentato il restauro dell'importante Immacolata Concezione di Andrea Camassei
Bevagna, presentato il restauro dell'importante Immacolata Concezione di Andrea Camassei
Verona, il Museo di Castelvecchio ottiene un nuovo capolavoro: un polittico ligneo del '400
Verona, il Museo di Castelvecchio ottiene un nuovo capolavoro: un polittico ligneo del '400
Giovani galleristi italiani vendono importante quadro fiammingo al Groeningemuseum di Bruges
Giovani galleristi italiani vendono importante quadro fiammingo al Groeningemuseum di Bruges
Arezzo, termina il restauro del Polittico Tarlati, capolavoro di Pietro Lorenzetti
Arezzo, termina il restauro del Polittico Tarlati, capolavoro di Pietro Lorenzetti