Street art a Milano, Cristina Donati Meyer realizza due opere contro la guerra in Ucraina


La street artist milanese ha realizzato due nuove opere, contro la guerra in Ucraina: una raffigura Putin con le Z dell’invasione a mo’ di svastica, e una vede la colomba aggredita da un corvo. Si aggiungono alle già tante opere di street art che condannano la guerra.

Un poster con il presidente russo Vladimir Putin raffigurato con le “Z” dell’invasione a mo’ di svastica, e un altro con la colomba della pace aggredita da un corvo coi colori della Russia: sono le due nuove opere della street artist milanese Cristina Donati Meyer, che le ha affisse qualche giorno fa al Pont de Ferr in Ripa di Porta Ticinese. Le due opere vogliono condannare il ritorno della guerra in Europa a più di vent’anni di distanza dalle guerre nei Balcani: un conflitto che ha provocato un’enorme crisi umanitaria che non si vedeva in Europa dalla seconda guerra mondiale.

“Putin, al netto delle politiche di riarmo e delle provocazioni della Nato, ha ucciso la pace in Europa, questo il senso dell’opera pacifista”, afferma Donati Meyer. “Si avvicina la Pasqua, celebrazione di pace per antonomasia, mentre in Ucraina proseguono i bombardamenti e il massacro di civili. È ora di ridare la voce alla diplomazia e al dialogo e di liberare la colomba della Pace dalla stretta militaresca e aggressiva del corvo della guerra”.

Cristina Donati Meyer ha dunque voluto raffigurare Putin mentre traccia una “Z” sulla carta geografica dell’Ucraina. Alla “Z” nera, si sovrappone una seconda “Z” rossa che intende richiamare la forma della svastica. Dall’inizio dell’invasione, ricorda Donati Meyer, Putin ha dichiarato che l’intervento militare sarebbe partito per “denazificare” l’Ucraina. Tuttavia, afferma l’artista, “gli effetti dell’invasione sono sotto gli occhi di tutti: decine di migliaia di morti, milioni di sfollati e profughi, ospedali, scuole e teatri bombardati, intere città rase al suolo, esattamente ciò che fece Adolf Hitler agli esordi della seconda guerra mondiale”. Putin era già stato protagonista nei giorni scorsi di diverse opere di street art: da quella di Harry Greb che raffigura il presidente russo mentre riempie di missili il simbolo della pace a quella di TvBoy che lo raffigura dietro le sbarre. Le opere di Donati Meyer vanno così ad aggiungersi alle tante che condannano la guerra in Ucraina. L’idea è che la guerra non possa mai trovare alcuna giustificazione.

Street art a Milano, Cristina Donati Meyer realizza due opere contro la guerra in Ucraina
Street art a Milano, Cristina Donati Meyer realizza due opere contro la guerra in Ucraina


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il debutto dell'Oman alla Biennale di Venezia. In mostra opere di tre generazioni di artisti
Il debutto dell'Oman alla Biennale di Venezia. In mostra opere di tre generazioni di artisti
Art Rights Prize: i premi e la giuria del primo premio digitale rivolto agli artisti
Art Rights Prize: i premi e la giuria del primo premio digitale rivolto agli artisti
Roma, inaugurato murale dedicato ad Alberto Sordi e al marchese del Grillo
Roma, inaugurato murale dedicato ad Alberto Sordi e al marchese del Grillo
A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone
A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone
Un artista italiano sta dipingendo la tela più lunga di sempre per entrare nel Guinness
Un artista italiano sta dipingendo la tela più lunga di sempre per entrare nel Guinness
La street art che dialoga coi monumenti antichi. I murales di Aldo Giannotti a Massa
La street art che dialoga coi monumenti antichi. I murales di Aldo Giannotti a Massa