In tutto il mondo la street art dice stop alla guerra, da Parigi a Roma


In tutto il mondo, da Parigi a Berlino, dalla Siria a Roma, la street art dice stop alla guerra. Ecco alcune opere. 

Come ha reagito la street art al conflitto tra Russia e Ucraina che ormai da giorni sta preoccupando il mondo intero e sta provocando distruzione e morte? Street artist di tutto il mondo hanno realizzato diverse opere per dire stop alla guerra, per far sentire la sua vicinanza alle popolazioni colpite da questa situazione drammatica.

A Parigi lo street artist Seth ha raffigurato nella sua opera murale una bambina con in testa una ghirlanda di fiori che tiene in mano la bandiera dell’Ucraina mentre calpesta carri armati. Ancora nella capitale francese lo street artist Kelu Abstract ha raffigurato la bandiera ucraina con un grande volto di profilo bendato che urla “Fight 4 your rights” ("Combatti per i tuoi diritti).

A Berlino il colombiano Vilu ha dipinto una donna ucraina con abiti tradizionali. E sempre nella capitale tedesca l’artista Eme Freethinker ha rappresentato su una porzione di muro di Berlino a Mauerpark due giovani, uno russo e uno ucraino, riconoscibili dalla diversa bandiera dipinta sulle rispettive guance, che si abbracciano accompagnati dalla grande scritta “Stop war” colorata di blu e giallo, i colori della bandiera ucraina.

A Binnish, nella provincia di Idlib nella Siria nordoccidentale, i siriani Aziz Asmar e Anis Hamdoun hanno realizzato un murales con i colori delle bandiere russa e ucraina.

In Texas, a Austin, lo street artist Sef ha dipinto un bambino che sulla mano aperta in primo piano mostra la scritta Stop war.

In Italia invece, a Roma, sono comparse le opere di Harry Greb e di Laika: il primo ha raffigurato nei pressi del Colosseo Vladimir Putin mentre disegna alcuni missili sul simbolo della pace, la seconda ha rappresentato nel piazzale Ostiense due donne, una ucraina e una russa, che piangono abbracciate vestite con i colori delle rispettive bandiere.

Laika (Roma)
Laika (Roma)
Eme Freethinker (Berlino)
Eme Freethinker (Berlino)
Aziz Anis (Siria)
Aziz Anis (Siria)
Kelu Abstract (Parigi)
Kelu Abstract (Parigi)
Sef (Austin)
Sef (Austin)
Vilu (Berlino)
Vilu (Berlino)
Seth (Parigi)
Seth (Parigi)

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


8 marzo, La Nazione omaggia le ricercatrici del Sacco che hanno isolato il coronavirus con una copertina di TvBoy
8 marzo, La Nazione omaggia le ricercatrici del Sacco che hanno isolato il coronavirus con una copertina di TvBoy
Ironia, sberleffi e critiche per la chiesa ridecorata da Calatrava. E Bellenger si irrita
Ironia, sberleffi e critiche per la chiesa ridecorata da Calatrava. E Bellenger si irrita
L'Aquila, finalmente a 11 anni dal terremoto può partire la ricostruzione della Cattedrale: la Soprintendenza autorizza
L'Aquila, finalmente a 11 anni dal terremoto può partire la ricostruzione della Cattedrale: la Soprintendenza autorizza
Trieste, scoperto un tratto dell'acquedotto romano che portava l'acqua in città
Trieste, scoperto un tratto dell'acquedotto romano che portava l'acqua in città
Fa pochi ascolti, sospeso “Viaggio nella Grande Bellezza”, il programma culturale di Canale 5
Fa pochi ascolti, sospeso “Viaggio nella Grande Bellezza”, il programma culturale di Canale 5
Vacanze nello studio di un artista per un breve apprendistato: l'idea di un'agenzia di viaggi
Vacanze nello studio di un artista per un breve apprendistato: l'idea di un'agenzia di viaggi