Quanto è importante l'arte per la vita? Risponde il Lunch Box di Collezione Peggy Guggenheim


La Collezione Peggy Guggenheim dà il via al progetto Lunch Box: quattro professionisti di quattro settori (Chiara Pavan - cucina, Carolina Cucinelli - moda, Gloria Campaner - musica e Antonio Calabrà - impresa) rispondono con quattro interviste: è il progetto Lunch Box del museo di Venezia.

L’arte e la cultura sono parte integrante della vita quotidiana e professionale di ciascuno di noi? La Collezione Peggy Guggenheim di Venezia prova a rispondere a questa domanda nell’ambito del nuovo progetto Lunch Box che coinvolge quattro professionisti di quattro diversi campi: il cibo, la moda, la musica e l’impresa.

Chiara Pavan è cheffe di Venissa, il ristorante (una stella Michelin) dell’omonima tenuta sull’isola di Mazzorbo, nella laguna di Venezia. Con la sua cucina ambientale, Pavan vuole trasmettere l’essenza di un luogo attraverso i piatti, adottando allo stesso tempo pratiche sostenibili, quali l’approvvigionamento di prossimità, l’autoproduzione, la riduzione della proteina animale, e la conservazione dei cibi attraverso la fermentazione. Carolina Cucinelli è Co-Presidente, Co-Direttore Creativo e Board Member di Brunello Cucinelli SpA: intende continuare il percorso avviato dal padre attraverso i suoi ideali, che si traducono nell’auspicio di una migliore qualità della vita di tutti attraverso la cultura. Cucinelli crede infatti che l’arte, l’istruzione e la cultura siano valori fondamentali per gli individui. Tra i suoi progetti più significativi, Be Your Change, ovvero contenuti realizzati insieme a personalità che condividono i valori del marchio, toccando temi come speranza, coraggio e futuro; ha inoltre preso parte ad Artigiani Umanisti del Web, progetto che intende combinare le antiche tradizioni della ricerca di conoscenza con i nuovi canali di circolazione delle idee. Antonio Calabrò è Senior Vice President Affari Istituzionali e Cultura di Pirelli e Direttore della Fondazione Pirelli; è inoltre Presidente di Museimpresa e della Fondazione Assolombarda. È Vicepresidente dell’Unione Industriali di Torino, Presidente dell’Advisory Board Territoriale di UniCredit Lombardia e membro dei board di numerose istituzioni e società. Giornalista e scrittore, insegna all’Università Cattolica di Milano. Gloria Campaner è considerata una delle pianiste più versatili e trasversali della sua generazione; ha collaborato con grandi artisti del mondo del jazz, della musica elettronica, del teatro, della danza e delle arti visuali e ha registrato per RAI, BBC, Sky, RSI e per le etichette EMI, Warner Classics e Sony. Ha affiancato al lavoro concertistico l’impegno per la divulgazione della musica classica oltre i confini geografici, culturali e sociali. Sviluppando la sua visione olistica dell’arte, ha fondato il laboratorio creativo C# See Sharp per aiutare i giovani talenti a conoscere e gestire la propria sfera emotiva.

Chiara Pavan
Chiara Pavan
Carolina Cucinelli
Carolina Cucinelli
Antonio Calabrò
Antonio Calabrò
Gloria Campaner
Gloria Campaner
Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Foto di Matteo De Fina
Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Foto di Matteo De Fina

In occasione di Lunch Box questi quattro protagonisti racconteranno la loro personale visione della cultura e dell’arte in relazione alla propria professione. L’iniziativa si svolge in forma di intervista, ciascuna condotta separatamente dalle altre da Ilaria Gasparri, filosofa e scrittrice. Nata a Milano, ha studiato filosofia alla Scuola Normale di Pisa e si è addottorata all’università Paris I Panthéon-Sorbonne. Il suo primo romanzo Etica dell’acquario (Voland) è stato pubblicato nel 2015, seguito da Ragioni e sentimenti. L’amore preso con filosofia (Sonzogno) nel 2018, Lezioni di felicità. Esercizi filosofici per il buon uso della vita (Einaudi) nel 2019, Vita segreta delle emozioni (Einaudi) nel 2021. Oltre a collaborare varie testate giornalistiche e con Rai Radio3, tiene corsi di scrittura alla Scuola Holden e alla Scuola Omero.

Le quattro interviste, ciascuna della durata di venti minuti, si svolgono nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni e sono trasmesse in diretta sui canali LinkedIn e YouTube della Collezione Peggy Guggenheim in pausa pranzo, sempre alle ore 13, ogni martedì di ottobre: le prime due sono già state trasmesse in diretta (martedì 4 Chiara Pavan, martedì 11 Carolina Cucinelli), ma è possibile ascoltarle ugualmente sui canali LinkedIn e YouTube; mentre martedì 18 sarà la volta di Antonio Calabrò e infine martedì 25 di Gloria Campaner.

Anche se talvolta non ce ne accorgiamo, arte e cultura sono parte integrante e fondamentale della vita quotidiana. Attraverso un forte potere trasformativo stimolano entrambe il senso critico nei confronti del tempo presente. E nella vita professionale? La cultura, l’arte, la creatività hanno spesso ispirato e determinato il fare impresa dell’imprenditoria italiana. La crescita delle aziende vede una narrazione da sempre strettamente legata all’arte e alla creatività. Ne sono esempi Fortunato Depero e il Gruppo Campari, o gli artisti surrealisti e alcune grandi maison di moda, come Chanel e Schiaparelli.

Il progetto Lunch Box rientra nel calendario delle attività legate al 30° anniversario di Guggenheim Intrapresæ, progetto di corporate membership del museo, che dalla sua nascita ha favorito un dialogo stimolante e creativo tra arte e impresa. Fa parte inoltre del programma di Capitale della Cultura d’Impresa 2022.

Per ulteriori info è possibile visitare il sito ufficiale della Collezione Peggy Guggenheim.


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Doodle Dream, entra nel Guinness dei Primati il disegno a mano più grande del mondo
Doodle Dream, entra nel Guinness dei Primati il disegno a mano più grande del mondo
Populonia, Ozmo trasforma le monete del Tesoro in un'opera di street art
Populonia, Ozmo trasforma le monete del Tesoro in un'opera di street art
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari è un algoritmo segreto
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari è un algoritmo segreto
A Varese nasce un nuovo museo: la Fondazione Marcello Morandini
A Varese nasce un nuovo museo: la Fondazione Marcello Morandini
I diritti diventano opere di street art, da un'infanzia felice allo stop a povertà e fame
I diritti diventano opere di street art, da un'infanzia felice allo stop a povertà e fame
Inaugurato a Napoli l'eco-murale di Zed1 realizzato con eco-pitture mangiasmog
Inaugurato a Napoli l'eco-murale di Zed1 realizzato con eco-pitture mangiasmog