Nasce un progetto di Google che vi fa sentire il suono dei colori di Kandinskij


Google lancia una nuova app che vi consente di... entrare in un dipinto di Vasilij Kandinskij e sentire i suoi suoni, compatibili con quelli che probabilmente l’artista ascoltava mentre lavorava al quadro.

Si chiama Play a Kandinsky, letteralmente “Suona un Kandinskij”, il nuovo progetto di Google Arts & Culture: l’obiettivo è quello di sperimentare sensazioni simili a quelle provate dal grande Vasilij Kandinskij (Mosca, 1866 - Neuilly-sur-Seine, 1944). Kandinskij era infatti convinto che i colori avessero dei suoni e che tra arte e musica ci fossero forti analogie. “Un pittore che non trova soddisfazione nella mera rappresentazione, per quanto artistica, del suo desiderio di esprimere la sua vita interiore”, ha scritto nel suo celeberrimo Lo spirituale nell’arte, “non potrà che invidiare la facilità con cui la musica, la meno materiale delle arti di oggi, raggiunga questo obiettivo. Il pittore cerca di applicare i metodi della musica alla sua stessa arte. E da ciò deriva il desiderio moderno per il ritmo nella pittura, per la costruzione astratta e matematica, per la ripetizione di note di colori, per la stesura di colori in movimento”.

Ogni colore, così come un suono, esprime un sentimento che tocca l’anima del riguardante (oltre che quella del pittore, naturalmente). Play a Kandinsky cerca dunque di far emergere le teorie del pittore russo, aiutando gli utenti a “leggere” secondo queste sensazioni un suo capolavoro, Giallo-Rosso-Blu del 1925, conservato al Centre Pompidou di Parigi. Il programma è stato realizzato con tecniche di machine learning che hanno analizzato le teorie dei colori di Kandinskij per creare una esperienza interattiva capace di interpretare le idee dell’artista restituendo suoni compatibili con quelli che lo stesso pittore probabilmente aveva potuto sentire mentre lavorava al dipinto.

Dopo un primo “esperimento” con cui la app (raggiungibile a questo indirizzo) propone alcune associazioni di suoni e colori, e poi di suoni e forme (per esempio, un rettangolo giallo è associato al suono gioioso di una tromba, mentre a un cerchio blu è abbinato il pacato e distensivo suono di un organo), si passa all’analisi del dipinto, diviso in aree corrispondenti a suoni diversi. Infine, l’utente può selezionare il proprio stato d’animo per vedere quali suoni e quali aree dell’opera di Kandinskij meglio descrivono come si senta oggi.

Play a Kandinsky fa parte di un più ampio progetto di Google dedicato al pittore russo, Sounds Like a Kandinsky, con cui si esplorano diversi aspetti della sua vita e della sua opera, con interventi di esperti, e anche con qualche gioco (c’è per esempio anche una app che consente di... appendere un Kandinskij in casa propria grazie alla realtà aumentata).

Nell’immagine: Vasilij Kandinskij, Giallo-Rosso-Blu (1925; olio su tela, 128 x 201,5 cm; Parigi, Centre Pompidou)

Nasce un progetto di Google che vi fa sentire il suono dei colori di Kandinskij
Nasce un progetto di Google che vi fa sentire il suono dei colori di Kandinskij


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma