Le 10 notizie d'arte e cultura più divertenti e curiose del 2019


Il 2019 è stato anche un anno molto spassoso per gli appassionati d’arte e sono diverse le notizie divertenti, curiose o bizzarre che ci hanno allietato l’anno. Ne abbiamo raccolte dieci tra quelle che ci hanno divertito di più.

10. Una gelateria dentro agli Uffizi
La Galleria degli Uffizi quest’estate ha aperto una gelateria sulla terrazza. I visitatori potevano dunque sostare davanti al carretto per ristorarsi con un buon gelato. Con otto gusti disponibili, “i grandi classici della tradizione”, facevano sapere dal museo. Non sono mancate le discussioni sull’opportunità dell’iniziativa, ma dobbiamo dire che ci ha fatto divertire. Qui la storia completa.

La gelateria agli Uffizi
La gelateria agli Uffizi

9. Un campo di minigolf allestito nella cattedrale di Rochester
Come riavvicinare i fedeli alla Chiesa in un’epoca di crisi? A Rochester, in Inghilterra, non hanno dubbi: facendo giocare le persone dentro la cattedrale. Così, il grande monumento gotico inglese, ad agosto, si è trasformato in un campo da minigolf, con percorso ispirato ai ponti storici inglesi, per lanciare anche un messaggio d’accoglienza. “Un’opportunità ideale per raggiungere la comunità e fare in modo che le famiglie e i giovani pensino ai ponti mentre si divertono”, facevano sapere dalla cattedrale. Qui la storia completa.

Il minigolf alla cattedrale di Rochester
Il minigolf alla cattedrale di Rochester

8. La fantastica campagna pubblicitaria dell’ente del turismo di Vienna
Ma che ci andate a fare a Vienna? Il Prater è “noioso”, i dipinti del Leopoldmuseum sono “disgustosi”, il cibo è “spazzatura”. L’ente del turismo della capitale austriaca, per promuovere l’immagine della città, ha lanciato, la scorsa estate, una campagna super: pubblicità a Vienna attraverso le recensioni negative degli utenti delle varie piattaforme online. Un modo per far capire al turista (e alle persone in generale) che a volte è meglio ragionare con la propria testa che fidarsi di quello che dicono gli altri. Qui la storia completa.

La campagna pubblicitaria dell'ente del turismo di Vienna
La campagna pubblicitaria dell’ente del turismo di Vienna

7. Sgarbi lancia il Diario della capra
Capra, capra, capra, capra, capra! Quante volte abbiamo sentito Vittorio Sgarbi pronunciare il suo famoso epiteto per attaccare l’interlocutore? Diventata un marchio di fabbrica dello storico dell’arte ferrarese, la “capra” è diventata anche un segno distintivo della sua personalità, al punto da diventare protagonista di un... diario scolastico, il Diario della capra. Per studenti capre e non. Qui la storia completa.

Vittorio Sgarbi con il diario della capra
Vittorio Sgarbi con il diario della capra

6. Un artista si mangia la banana di Cattelan
Comedian, la banana di Cattelan, piaccia o no, è stata l’opera d’arte più discussa del 2019. Un po’ anche per tutto ciò che si è creato attorno alla banana appesa alla parete dello stand di Perrotin ad Art Basel: dibattiti tra critici e non, meme su internet, discussioni a non finire. E... una performance: quella dell’artista americano-georgiano David Datuna che, particolarmente affamato, è andato allo stand di Perrotin e si è letteralmente mangiato la banana di Cattelan. Definendola “un’opera deliziosa”. Qui la storia completa.

David Datuna stacca la banana di Cattelan prima di mangiarsela
David Datuna stacca la banana di Cattelan prima di mangiarsela

6. Un artista si mangia la banana di Cattelan
Comedian, la banana di Cattelan, piaccia o no, è stata l’opera d’arte più discussa del 2019. Un po’ anche per tutto ciò che si è creato attorno alla banana appesa alla parete dello stand di Perrotin ad Art Basel: dibattiti tra critici e non, meme su internet, discussioni a non finire. E... una performance: quella dell’artista americano-georgiano David Datuna che, particolarmente affamato, è andato allo stand di Perrotin e si è letteralmente mangiato la banana di Cattelan. Definendola “un’opera deliziosa”. Qui la storia completa.

David Datuna stacca la banana di Cattelan prima di mangiarsela
David Datuna stacca la banana di Cattelan prima di mangiarsela

5. Valeria Marini fa il bagno nella Barcaccia di piazza di Spagna
Per alcuni sarà sicuramente stata una scena pietosa, ma non si può negare che il grottesco bagno di Valeria Marini nella Barcaccia di piazza di Spagna abbia avuto dei risvolti particolarmente divertenti. Soprattutto il finale: predicozzo dei vigili di Roma (“è singolare che un noto personaggio dello spettacolo, che dovrebbe per primo fornire un esempio positivo di condotte irreprensibili, si renda invece protagonista di un’azione volgare oltreché illecita”) e multa da 550 euro. Altro che Anita Ekberg! Qui la storia completa.

La Marini fa il bagno nella Barcaccia
La Marini fa il bagno nella Barcaccia

4. Tutti nudi al museo!
Il PAC di Milano lancia un’idea già sperimentata all’estero, ma mai portata in Italia (ci avevano provato a Domodossola, ma forse complice la gelida aria alpina, non c’erano riusciti): una visita nudista alla mostra. La guida sarà l’artista Stuart Ringholt, non nuovo a eventi del genere, e tutti i visitatori dovranno presentarsi rigorosamente nudi per un giro alla mostra Australia, storie dagli antipodi, rassegna d’arte contemporanea australiana. L’appuntamento è per il 18 gennaio 2020: occhio a non prender freddo. Chi di voi ci andrà? Qui la storia completa.

Stuart Ringholt (a sinistra) mentre conduce una delle sue visite guidate nudiste.
Stuart Ringholt (a sinistra) mentre conduce una delle sue visite guidate nudiste

3. Un’innamorata imbratta la cattedrale di Trani, la reazione del sindaco fa il giro del web
Di imbrattatori di monumenti, purtroppo, ce ne sono tantissimi. E Trani non fa eccezione: lì, per San Valentino, un’innamorata ha avuto la bella idea di dichiararsi al suo Luigi facendogli una dedica sulle mura esterna dello splendido edificio, uno dei monumenti più belli d’Italia. E fin qui, di divertente c’è davvero poco. Ma questa volta la notizia ha un risvolto curioso, ovvero la reazione del sindaco Amedeo Bottaro, che ha fatto il giro del web. Il primo cittadino ha infatti deciso di rivolgersi direttamente a Luigi, dicendogli: “Luigi, hai una fidanzata idiota, che non sa minimamente in che guaio si è cacciata con questa porcata. Avvisala, per cortesia. E convincila a ripulire tutto e subito prima che sia troppo tardi. E magari convincila a leggere qualche libro sulla storia della nostra Cattedrale: ne ha bisogno”. Luigi glielo avrà detto? Qui la storia completa.

La Cattedrale di Trani imbrattata
La Cattedrale di Trani imbrattata

2. Una pagina Facebook posta quadro di Bouguereau, diversi uomini allupati pensano sia una donna vera e le fanno avances
La notizia più ridicola dal web è sicuramente questa. Che in realtà risale ad aprile del 2017, ma per qualche motivo ha avuto risonanza mondiale solo quest’anno: una pagina Facebook ha postato l’immagine di un quadro di William-Adolphe Bouguereau, e un vasto numero di uomini, allupati e probabilmente in lunga crisi d’astinenza, hanno pensato si trattasse di una donna vera. E hanno cominciato a fare avances... al quadro. È una delle cose più assurde che ci sia capitato di leggere. Qui la storia completa.

Il post col quadro di Bouguereau e i commenti degli utenti
Il post col quadro di Bouguereau e i commenti degli utenti

1. Lino Banfi nella commissione italiana per l’Unesco
Sì, ancora una volta i nostri politici si sono fatti riconoscere. E per la palma d’oro di notizia più divertente (o più ridicola, a seconda dei punti di vista) del 2019, secondo noi non c’è competizione: Luigi Di Maio che nomina Lino Banfi alla commissione italiana per l’Unesco è forse una cosa che neanche i giornali satirici come Lercio o il Vernacoliere potevano immaginare. È la realtà che supera la fantasia: un “tributo” che l’allora ministro del lavoro voleva rendere al popolare attore pugliese per aver fatto “ridere tre generazioni”. Questa volta invece forse siamo stati noi a far ridere l’Unesco. Qui la storia completa.

Luigi Di Maio comunica a Lino Banfi la nomina alla commissione italiana per l'Unesco
Luigi Di Maio comunica a Lino Banfi la nomina alla commissione italiana per l’Unesco

Le 10 notizie d'arte e cultura più divertenti e curiose del 2019
Le 10 notizie d'arte e cultura più divertenti e curiose del 2019


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER