Addio a Margaret Keane, la pittrice che ha ispirato il film Big Eyes


È scomparsa in California la pittrice Margaret Keane, nota per i suoi dipinti con soggetti dagli occhi grandi e la cui vicenda personale ha ispirato il film ’Big Eyes’ di Tim Burton.

È scomparsa lo scorso 26 giugno a Napa, in California, la pittrice statunitense Margaret Keane (nata Peggy Doris Hawkins), celebre per i suoi dipinti dai soggetti con gli occhi grandi, e al centro di un caso di appropriazione del suo lavoro da parte del marito Walter Keane, che ha reso celebre la sua vicenda, al punto da spingere il grande regista Tim Burton a dedicarle il film Big Eyes, titolo che riecheggia la più nota caratteristica dei soggetti di Keane.

Nata a Nashville, in Tennessee, il 15 settembre 1927, cominciò a disegnare da bambina per poi frequentare, a diciotto anni, la Traphagen School of Design di New York. Ha cominciato a lavorare come decoratrice di abiti e culle negli anni Cinquanta, mentre risale a poco dopo l’inizio della sua carriera di ritrattista, concentrandosi soprattutto su donne, bambini e animali, sempre con occhi grandi (caratteristica sviluppata a partire da un incidente occorsole da bambina, quando durante un’operazione subì un danneggiamento permanente del timpano che la portò a dover leggere con più attenzione lo sguardo delle persone per comprenderle). La pittrice conobbe esposò alla metà degli anni Cinquanta il futuro marito Walter Keane, che sposò nel 1955 a Honolulu, alle Hawaii. Keane, per aiutarla, cominciò a vendere le sue opere a San Francisco, dove i due risiedevano: tuttavia, Keane spacciava le opere della moglie come fossero realizzate da lui, al punto da organizzare addirittura una sua mostra personale nel 1957. Le opere ottennero un grande successo commerciale e furono esposte in diverse mostre. Margaret sapeva che il marito presentava le opere come se fossero state dipinte da lui, ma non rivelò immediatamente l’inganno perché, avrebbe dichiarato in seguito, temeva ritorsioni.

Fu solo nel 1970 che Margaret Keane annunciò, per radio, di essere la vera autrice delle opere che erano state attribuite al marito. Un giornalista del San Francisco Examiner organizzò dunque una sessione di pittura dal vivo al quale avrebbero partecipato sia lei sia Walter: quest’ultimo tuttavia non si presentò. Il caso finì poi in tribunale dopo che Margaret denunciò Walter nel 1986 un giudice ordinò una sessione di pittura dal vivo, ma mentre Walter (dal quale nel frattempo aveva divorziato nel 1965) si rifiutò di partecipare adducendo motivi di salute, Margaret dipinse la sua opera in meno di un’ora. Alla fine, il processo diede ragione a Margaret Keane riconoscendole 4 milioni di dollari di danni.

Tra gli artisti che hanno influenzato il suo lavoro, Margaret Keane citava Amedeo Modigliani, Vincent van Gogh, Gustav Klimt e Pablo Picasso. Tuttavia, nonostante il grande successo commerciale e la fama acquisita, non ottenne lo stesso riscontro da parte della critica.

Addio a Margaret Keane, la pittrice che ha ispirato il film Big Eyes
Addio a Margaret Keane, la pittrice che ha ispirato il film Big Eyes


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Importanti aperture a Pompei. Per la prima volta il pubblico potrà vedere la Leda con il cigno scoperta di recente
Importanti aperture a Pompei. Per la prima volta il pubblico potrà vedere la Leda con il cigno scoperta di recente
Addio ad Andrea Camilleri, scrittore, padre del commissario Montalbano
Addio ad Andrea Camilleri, scrittore, padre del commissario Montalbano
Disputa tra ultrà di Roma e Lazio su Michelangelo: laziali lo portano in Curva Nord, romanisti rivendicano il primato
Disputa tra ultrà di Roma e Lazio su Michelangelo: laziali lo portano in Curva Nord, romanisti rivendicano il primato
La Reggia di Caserta di nuovo set televisivo per una produzione internazionale
La Reggia di Caserta di nuovo set televisivo per una produzione internazionale
Street art, venduti quattro murali di JDL a 3 milioni in criptovaluta. Il ricavato devoluto al sociale
Street art, venduti quattro murali di JDL a 3 milioni in criptovaluta. Il ricavato devoluto al sociale
Il regista Oliver Stone in visita agli Uffizi. Eike Schmidt gli ha fatto da guida
Il regista Oliver Stone in visita agli Uffizi. Eike Schmidt gli ha fatto da guida