Addio a Turi Simeti: ci lascia per Covid l'artista che ha fatto dell'ovale la sua cifra stilistica


È scomparso per complicazioni da Covid-19 a Milano all’età di 91 anni l’artista siciliano Turi Simeti. Sua cifra stilistica l’ovale. 

È scomparso a Milano per Covid all’età di 91 anni l’artista siciliano Turi Simeti

Nato ad Alcamo nel 1929, si trasferì a Roma nel 1958, dove conobbe Alberto Burri e cominciò a frequentare il suo studio. Da questi primi contatti con l’arte, negli anni Sessanta realizzò una prima serie di opere polimateriche e, in linea con le esperienze in ambito internazionale (soggiornò a Londra, Parigi e Basilea), il suo stile è caratterizzato da monocromia e rilievo, ruotando principalmente intorno a un ricorrente elemento geometrico, l’ovale, che diventerà tipico della sua produzione. 

Condivise le ricerche visive e strutturali prossime all’arte programmata e alla Nuova Tendenza e partecipò a varie esposizioni internazionali incentrate su questa corrente. 

Da menzionare perché fondamentale per la sua attività artistica è l’invito a esporre alla mostra internazionale Zero Avantgarde, allestita presso lo studio di Lucio Fontana a Milano nel 1965. Nello stesso anno si trasferì nel capoluogo lombardo e tenne la sua prima personale nella Galerie Wulfengasse di Klagenfurt. Tra il 1966 e il 1969 soggiornò per lunghi periodi a New York, invitato come Artist in Residence dalla Fairleigh Dickinson University: allestì nella metropoli un suo studio dove realizzò molte opere che seguivano pienamente la sua cifra stilistica. Nel 1971 realizzò una performance a Genova: Distruzione di un aliante, di cui conservò i resti in bidoni blu firmati e numerati. Negli anni Settanta fecero la loro comparsa all’interno della sua arte dittici e polittici con un elemento aggettante spesso decentrato e cominciò a sperimentare formati e sagome differenti, che condurranno a una maggiore complessità spaziale negli anni successivi. Aprì un suo studio anche a Rio de Janeiro, dove dal 1980 iniziò a lavorare e a trascorrere i periodi invernali. Nel corso degli anni Novanta la sua produzione si concentra sulla moltiplicazione e la dispersione degli elementi volumetrici nella superficie dell’opera. 

Durante l’intera sua attività espose in Italia e all’estero in personali e collettive. Protagonista dello spazialismo, il suo nome è al fianco di artisti quali Agostino Bonalumi ed Enrico Castellani

Ph.Credit Archivio Turi Simeti 

Addio a Turi Simeti: ci lascia per Covid l'artista che ha fatto dell'ovale la sua cifra stilistica
Addio a Turi Simeti: ci lascia per Covid l'artista che ha fatto dell'ovale la sua cifra stilistica


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma