Archeologi contro l'emendamento Lega Nord: “tutela, sicurezza e ricerca sommerse da un'idea dilettantistica dell'archeologia”


Gli Archeologi del Pubblico Impiego MiBACT si schierano contro l’emendamento alla legge di bilancio proposto dalla Lega Nord e che riguarda proprio l’archeologia.

Il collettivo Archeologi del Pubblico Impiego del Ministero dei Beni Culturali ha inviato un comunicato circa l’emendamento alla legge di bilancio, avanzato dalla Lega Nord con primo firmatario il deputato Lorenzo Viviani, contenente la proposta di concedere la possibilità di promuovere scavi ai proprietari di agriturismi e di far partecipare i turisti alle attività di ricerca e di scavo. Di seguito pubblichiamo il testo completo della nota.

“Suona bizzarra la proposta di Emendamento alla legge di Stabilità battuta oggi dalle agenzie. Secondo il documento presentato in Parlamento da esponenti della Lega, sarebbe opportuno concedere agli agricoltori proprietari di un agriturismo la possibilità di ‘promuovere attività di ricerca archeologica e di scavo’ nei loro terreni, consentendo loro l’accesso allo strumento della concessione per scavi e ricerche, normato dagli artt. 88 e 89 del Codice dei Beni Culturali. Come se non bastasse, la legge dovrebbe prevedere anche che gli ospiti della struttura agrituristica possano partecipare alle attività di scavo.

Ed ecco che in poche righe di un comunicato Ansa, decenni di faticoso esercizio della tutela, di protezione dei beni culturali dagli appetiti dei privati e dei mercanti d’arte, di evoluzione teorica e affinamento metodologico della disciplina, di lotte, ancora in corso, per il riconoscimento della figura dell’archeologo, spariscono sommerse da un’idea dilettantistica dell’archeologia.

Basta una manciata di caratteri per riportarci indietro di oltre un secolo, ai tempi in cui a chiunque avesse terra e soldi per pagare qualche operaio veniva concesso di scavare per accrescere le collezioni personali o per lucrare vendendo gli oggetti estratti dal terreno.

Duole dover ribadire quanto pensavamo essere ormai patrimonio condiviso della comunità Nazionale: che l’archeologia non è un hobby per vacanzieri annoiati, ma una disciplina scientifica per la quale è necessaria una lunga e dura formazione; che lo Stato mantiene il controllo diretto o indiretto sulle attività di scavo, in quanto la tutela del patrimonio culturale è materia talmente importante da essere difesa dalla Carta Costituzionale; che i volontari sono sì una risorsa, ma solo nei limiti entro i quali possono offrire un apporto utile, senza che essi si sostituiscano al personale qualificato nell’esercizio di attività di scavo, tutela, valorizzazione; che solo soggetti qualificati, come le Università o gli Enti Pubblici Territoriali, possono avanzare richiesta di concessione, in quanto offrono garanzie certe che vengano rispettati gli standard di scientificità richiesti dal Ministero; che i privati possono sostenere le attività di ricerca attraverso sponsorizzazioni e Art Bonus, ma evitando di prendere in prima persona iniziative malaccorte.

Speriamo davvero che questa notizia, per quanto sgradevole, resti nell’ambito delle proposte senza conseguenze. Ci permettiamo tuttavia di sottolineare che essa è comunque un pessimo segno per la considerazione che ha oggi il mestiere dell’archeologo in Italia”.

Immagine: scavi archeologici ad Harzhorn in Germania (ph. Credit Axel Hindemith)

Archeologi contro l'emendamento Lega Nord: “tutela, sicurezza e ricerca sommerse da un'idea dilettantistica dell'archeologia”
Archeologi contro l'emendamento Lega Nord: “tutela, sicurezza e ricerca sommerse da un'idea dilettantistica dell'archeologia”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER