Biennale 2022: leoni d'oro alla carriera alle artiste Fritsch e Vicuņa


Assegnati i Leoni d’Oro alla carriera della Biennale di Venezia 2022: premiate l’artista tedesca Katharina Fritsch e l’artista cilena Cecilia Vicuña.

I Leoni d’Oro alla carriera della 59° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di VeneziaIl latte dei sogni sono stati assegnati all’artista tedesca Katharina Fritsch e all’artista cilena Cecilia Vicuña, su proposta della curatrice Cecilia Alemani approvata dal Cda della Biennale presieduto da Roberto Cicutto. La cerimonia di premiazione e inaugurazione della Biennale Arte 2022 si terrà sabato 23 aprile 2022 a Ca’ Giustinian.

Katharina Fritsch (Essen, 1956) vive e lavora a Wuppertal e Düsseldorf, in Germania, mentre Cecilia Vicuña (Santiago del Cile, 1948) è poetessa, artista, cineasta, attivista e vive tra New York e Santiago del Cile. Il suo lavoro affronta le preoccupazioni urgenti del mondo contemporaneo, tra cui la distruzione dell’ambiente, i diritti umani e l’omogeneizzazione culturale.

“La prima volta in cui ho visto un’opera di Katharina Fritsch di persona è stato proprio alla Biennale di Venezia, nell’edizione del 1999, curata da Harald Szeemann, la prima Biennale che ho visitato”, ha dichiarato Alemani nella sua motivazione al riconoscimento. "L’imponente opera che occupava il salone principale del Padiglione Centrale si intitolava Rattenkönig, il re dei topi, una scultura inquietante in cui un gruppo di topi giganteschi è disposto in cerchio, le code annodate, come in uno strano rituale magico. Da quel momento in poi, a ogni incontro con una scultura di Fritsch, ho provato lo stesso senso di stupore e di attrazione vertiginosa. Il contributo di Fritsch nel campo dell’arte contemporanea e, in particolare, in quello della scultura non ha paragoni. Il suo lavoro si distingue per opere figurative al contempo iperrealistiche e fantastiche: copie di oggetti, animali e persone rese nei più minuscoli dettagli ma trasformate in apparizioni perturbanti. Spesso Fritsch modifica le dimensioni e la scala dei suoi soggetti, miniaturizzandoli o ingigantendoli e avvolgendoli in campiture di colori stranianti: è come trovarsi al cospetto di monumenti di civiltà aliene, o di fronte a reperti esposti in uno strano museo postumano".

Motivando il premio a Cecilia Vicuña, la curatrice ha affermato: "Vicuña è un’artista e poetessa, e ha dedicato anni a preservare le opere letterarie di molti scrittori e scrittrici dell’America Latina, svolgendo un encomiabile lavoro di traduzione e redazione di antologie di poesie sudamericane che, senza il suo intervento, sarebbero andate perdute. Vicuña è anche un’attivista che da anni lotta per i diritti delle popolazioni indigene in America Latina e in Cile. Nel campo delle arti visive si è distinta per un’opera che spazia dalla pittura alla performance, fino alla realizzazione di assemblage complessi. Al centro del suo linguaggio artistico c’è una forte fascinazione per le tradizioni indigene e per le epistemologie non occidentali. Per decenni ha lavorato in disparte, con precisione, umiltà e ostinazione, anticipando molti dibattiti recenti sull’ecologia e il femminismo e immaginando nuove mitologie personali e collettive. La maestria di Vicuña consiste nel trasformare gli oggetti più modesti in snodi di tensioni e forze. Molte delle sue installazioni sono realizzate con materiali trovati e detriti abbandonati che l’artista intesse in delicate composizioni, nelle quali il microscopico e il monumentale sembrano trovare un fragile equilibrio: un’arte precaria, al contempo intima e potente".

“È un grande onore e una gioia per me ricevere il Leone d’Oro”, ha affermato Cecilia Vicuña, "in un momento in cui l’umanità sta cercando di mantenere la pace e la giustizia contro ogni previsione. Credo che la nostra arte e la nostra coscienza possano svolgere un ruolo importante nell’urgente bisogno di allontanarsi dalla violenza e dalla distruzione, per salvare il nostro ambiente dall’imminente collasso".

Biennale 2022: leoni d'oro alla carriera alle artiste Fritsch e Vicuņa
Biennale 2022: leoni d'oro alla carriera alle artiste Fritsch e Vicuņa


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Trieste, installata la criticatissima statua di Gabriele d'Annunzio, nel centenario dell'impresa
Trieste, installata la criticatissima statua di Gabriele d'Annunzio, nel centenario dell'impresa
L'Unione dei Buddhisti Italiani istituisce fondo di 1 mln di euro per la cultura. Ecco come chiedere un aiuto
L'Unione dei Buddhisti Italiani istituisce fondo di 1 mln di euro per la cultura. Ecco come chiedere un aiuto
I musei inventano modi creativi per comunicare l'obbligo di green pass dal 6 agosto
I musei inventano modi creativi per comunicare l'obbligo di green pass dal 6 agosto
Assegnati i premi della Biennale dell'Antiquariato di Firenze. Ecco i vincitori
Assegnati i premi della Biennale dell'Antiquariato di Firenze. Ecco i vincitori
Addio a Frank Horvat, uno dei grandi nomi della fotografia del XX secolo
Addio a Frank Horvat, uno dei grandi nomi della fotografia del XX secolo
A Livorno c'č l'allerta meteo e il museo chiude. Ma si dimentica di comunicarlo
A Livorno c'č l'allerta meteo e il museo chiude. Ma si dimentica di comunicarlo