New York, distrutto il più grande progetto pubblico di Nivola. La Sardegna rivuole indietro i cavallini


Distrutto a New York per rinnovamento dell’area il playground di Nivola alle Wise Towers. La Sardegna vuole la restituzione dei cavallini dell’artista. 

In Sardegna è scoppiato un caso, che è giunto nell’Aula del Consiglio regionale, attorno ai cavallini di Costantino Nivola  (Orani, 1911 - Long Island, 1988) che dal 1964 si trovavano a New York, nei giardini del complesso delle Wise Towers, e che erano utilizzati come parco giochi dai bambini. 

Sulla pagina Facebook del Museo Nivola di Orani (Nuoro), il museo dedicato all’artista locale che ospita oltre cento opere di Costantino Nivola, è apparso un post in cui si legge: "Una terribile notizia ci ha raggiunto da New York. Il playground delle Wise Towers, realizzato da Costantino Nivola e Richard Stein nel 1964, il più grande progetto pubblico di Nivola a New York, è stato distrutto. Non si tratta di vandali, ma di un progetto di “rinnovamento” dell’area. I cavallini di Nivola, ispirati ai cavalli a dondolo dell’infanzia e alla statuaria orientale, sono stati rimossi, le gambe spezzate da colpi di mazza. Dopo la mostra Nivola. Figure in Field alla The Cooper Union nel 2020 e in attesa della mostra Nivola. Sandscapes a Magazzino Italian Art , questo atto di vandalismo istituzionale appare inspiegabile e scellerato. La riqualificazione delle torri, attesa e benvenuta, può e deve essere realizzata nel rispetto della storia e dell’arte. Oggi è una giornata triste per il Museo Nivola, per la Sardegna, e per tutti gli amanti dell’arte. Il Museo Nivola, insieme alla famiglia dell’artista e alle istituzioni che ne promuovono il messaggio e la memoria, sta contattando i responsabili, per provare a fermare la distruzione e a recuperare quanto già devastato. Se volete aiutarci, condividete questo messaggio. La conoscenza è la migliore difesa contro l’oblio". 

All’ANSA la direttrice della sede museale Giuliana Altea ha dichiarato: "La Fondazione Nivola si sta già muovendo nei confronti della Pacts Renaissance Collective, l’organizzazione che ha intrapreso i lavori di ristrutturazione della Stephen Wise, coordinando un fronte di opinione. Un fronte che comprende la famiglia Nivola, la Chanin School of Architecture della Cooper Union, l’Istituto Italiano di cultura di New York, associazioni per la tutela del patrimonio architettonico modernista come la Landmark West!, oltre agli stessi inquilini delle Stephen Wise Towers". Il playground delle Wise Towers è stato distrutto “per dare vita a un progetto di rinnovamento dell’area” aggiunge la Fondazione. 

Il consigliere ed ex sindaco di Cagliari Massimo Zedda ha dichiarato in Consiglio regionale che “è necessario contattare subito il consolato di New York per capire che fine faranno le statue rimosse”, aggiungendo: “Se alla città di New York non servono, allora ce le restituiscano”.

Michele Pais, presidente del Consiglio regionale della Sardegna, ha sottolineato che si “metteranno in atto immediatamente tutte le azioni necessarie per tentare di arginare questo scempio culturale che non rispetta l’arte: ci attiveremo immediatamente presso il ministero per capire se la rimozione possa essere fermata e se sia possibile recuperare le opere, alcune delle quali sono state devastate. È un massacro che colpisce al cuore la nostra cultura. Lavoreremo per riportare in Sardegna quel che resta dei cavallini di Nivola”.

Ph.Credit Museo Nivola 

New York, distrutto il più grande progetto pubblico di Nivola. La Sardegna rivuole indietro i cavallini
New York, distrutto il più grande progetto pubblico di Nivola. La Sardegna rivuole indietro i cavallini


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma