Firenze: terminato il restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata


A Firenze termina il restauro del Chiostrino dei Voti della Santissima Annunziata, che accoglie affreschi del Pontormo, del Rosso Fiorentino, di Andrea del Sarto.

È finalmente terminato, a Firenze, il meticoloso restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata.
Durati ben quattro anni, i lavori di restauro hanno contribuito a un miglioramento delle condizioni di conservazione del sito: l’intervento sugli affreschi e le decorazioni è stato reso possibile grazie a una donazione di 467.000 euro da parte dell’organizzazione no profit Friends of Florence.

Simonetta Brandolini d’Adda, Presidente della Fondazione Friends of Florence, ha sottolineato: “Il restauro del Chiostrino dei Voti ha rappresentato un momento molto significativo per la nostra Fondazione poiché ha consentito di salvaguardare un intero luogo del complesso della Santissima Annunziata riconosciuto come fondamentale per la città e per la storia dell’arte mondiale. Nei suoi affreschi si conserva l’origine di quella maniera moderna che ha ispirato per secoli artisti e devoti. Ha insegnato a storici dell’arte e studiosi, non soltanto lo stile, ma anche concetti religiosi profondissimi con le sue iconografie dipinte”.

Le restauratrici Gioia Germani, Cristiana Conti e Alessandra Popple, titolari della ditta SAR snc, hanno invece spiegato: “E’ stato un lavoro particolarmente lungo e meticoloso che ha assorbito la maggior parte del nostro intervento. Il restauro del Chiostrino dei Voti ha occupato in modo quasi continuativo quattro anni della nostra attività lavorativa. Riteniamo che sia stato uno degli interventi più impegnativi e nello stesso tempo gratificanti di tutta la nostra esperienza nel campo del restauro delle pitture murali.”

Il Chiostrino è un luogo ricco di storia: realizzato su disegno di Michelozzo a partire dal 1447, è considerato la culla della maniera fiorentina. Il ciclo pittorico, è costituito da dodici lunette affrescate realizzate da alcuni dei più importanti artisti attivi a Firenze fra Quattro e Cinquecento: vi lavorarono alcuni tra i più grandi maestri del Rinascimento maturo e del primo Manierismo. In particolare, oltre ad Alesso Baldovinetti e Cosimo Rosselli (i primi a realizzare le scene degli affreschi, rispettivamente con l’Adorazione dei Pastori del 1460-1462 circa e con la Vocazione di san Filippo Benizi del 1475-1476 circa), vi lavorarono il Pontormo, il Rosso Fiorentino, il loro maestro Andrea del Sarto e il Franciabigio. Il nome deriva dagli ex-voto alla Vergine Annunziata che un tempo erano donati ed esposti proprio qui.

Photo credit Wikimedia Commons

Firenze: terminato il restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata
Firenze: terminato il restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER