Jacopo Tissi lascia il Bolshoi di Mosca. “Nessuna guerra può essere giustificata”


Il giovane ballerino pavese Jacopo Tissi lascia il Bolshoi di Mosca, di cui era diventato étoile a gennaio. “Nessuna guerra può essere giustificata”, ha spiegato su Instagram.

È durata poco più di un mese l’avventura di Jacopo Tissi al Bolshoi di Mosca. Il giovane ballerino pavese, nato a Landriano nel 1995, ha infatti lasciato il teatro russo, di cui eradiventato étoile a metà gennaio, ed era stato il primo italiano a riuscire nell’impresa. La scelta di lasciare il Bolshoi deriva dalla situazione legata alla guerra in Ucraina.

“È difficile trovare le parole in questi giorni, tutti i momenti che ho vissuto fino ad ora e i tanti pensieri che mi girano per la testa”, ha esordito Tissi scrivendo un post su Instagram. “Sono scioccato da questa situazione che ci ha colpito da un giorno all’altro e, onestamente, per il momento, mi ritrovo impossibilitato a continuare la mia carriera a Mosca. Non riesco a descrivere quanto sia stato triste per me lasciare i miei insegnanti, i miei colleghi e amici; persone speciali che mi hanno fatto crescere come artista e come persona a cui sono e sarò sempre grato. Come essere umano provo empatia verso tutte le persone e le loro famiglie che stanno soffrendo. Nessuna guerra può essere giustificata. Mai. E io sarò sempre contro ogni tipo di violenza. Non possiamo lasciare che l’odio si diffonda, anzi, il nostro mondo dovrebbe essere pieno di armonia, pace, comprensione e rispetto. Spero davvero e prego che tutte le guerre e sofferenze cessino al più presto”.

Solo ieri il Bolshoi aveva perso un altro pezzo importante, il direttore Tugan Sokhiev, che aveva rassegnato le proprie dimissioni, anche lui sconvolto per ciò che sta accadendo.

Nella foto, Jacopo Tissi

Jacopo Tissi lascia il Bolshoi di Mosca. “Nessuna guerra può essere giustificata”
Jacopo Tissi lascia il Bolshoi di Mosca. “Nessuna guerra può essere giustificata”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Musei, le prenotazioni diventano obbligatorie ma vengono fatte pagare: la base denuncia la situazione
Musei, le prenotazioni diventano obbligatorie ma vengono fatte pagare: la base denuncia la situazione
Volti sfregiati alle donne più famose dell'arte: la campagna antiviolenza di Gazzo
Volti sfregiati alle donne più famose dell'arte: la campagna antiviolenza di Gazzo
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
Caos Super Green Pass, il MiC chiarisce: per musei e biblioteche non serve. Cosa dice il DL
Caos Super Green Pass, il MiC chiarisce: per musei e biblioteche non serve. Cosa dice il DL
Hermès avvia un progetto di restauro che vedrà coinvolte molte città italiane. Si parte da Padova
Hermès avvia un progetto di restauro che vedrà coinvolte molte città italiane. Si parte da Padova
Francesca Velani: “per far ripartire la cultura dobbiamo lavorare insieme”
Francesca Velani: “per far ripartire la cultura dobbiamo lavorare insieme”