Teatri chiusi? A Milano, un attore racconta storie ai bambini nei cortili e nei giardini


Le storie per i bambini sono un genere di prima necessità: così, con scuole, biblioteche e teatri chiusi, un attore gira per Milano raccontando storie per giardini, cortili, terrazzi.

Come ovviare al fatto che l’emergenza ha chiuso spazi vitali per i bambini, come scuole, biblioteche, ludoteche, teatri dove si fa programmazione per ragazzi? Una risposta arriva da Milano, dove l’attore Carlo Ottolini, specializzato nel teatro per ragazzi, ha lanciato il progetto Storie a domicilio: si tratta di un’iniziativa nata a dicembre del 2020, ispirata al “Barbonaggio Teatrale – Delivery” di Ippolito Chiarello, e che ha creato la rete nazionale delle USCA - Unita Speciali di Continuità Artistica, per tener vivo il rapporto tra chi ha voglia di raccontare storie e chi ha voglia di ascoltarle.

Questo scambio, che prima avveniva in teatro, nelle biblioteche, nelle scuole, ha dovuto trovare dei luoghi alternativi dove incontrarsi in sicurezza. Così, nel più rigoroso rispetto delle prescrizioni sanitarie (distanziamento, mascherina e quant’altro), Carlo Ottolini si è messo alla ricerca di nuovi luoghi in cui raccontare storie a bambini: cortili, giardini, parchi, terrazzi, ma anche stanze sufficientemente grandi. In fondo, secondo Carlo Ottolini, può bastare anche solo uno spettatore per dar vita allo spettacolo (anzi: la condivisione delle storie in questo caso è più intima, ha meno forzature perché più diretta e sincera, e il racconto acquista leggerezza). E si reca casa per casa, giardino per giardino, a raccontare storie, al prezzo di una donazione che parte da un minimo di 20 euro.

Così, l’attore sale in sella alla sua bicicletta e consegna le storie a domicilio come un genere di prima necessità. Chi le ha chieste è affamato, lo rivelano gli occhi“, dice Carlo Ottolini. ”L’applauso dirà poi se ha mangiato bene. Tutto infatti inizia sfogliando un menù: Pinocchio, Odissea, Fiabe, Miti e stelle, Letture... di quel che c’è, non manca niente!. Una volta fatta l’ordinazione ci si accorda sul giorno e sull’orario. Poi si aspetta e... voilà! Compare la bici, compare l’attore e lo spettacolo ha inizio, come in un piccolo, piccolissimo teatro. Il finale è un po’ diverso: dopo l’applauso c’è il tempo, se si ha voglia, per parlare e incontrarsi. Prima di iniziare un nuovo viaggio".

Carlo Ottolini si è diplomato attore nel 1992 alla Scuola Civica d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Nel 2004 è menzionato, in occasione del premio Stregagatto, dall’Ente Teatrale Italiano come migliore attore del teatro ragazzi. Come attore ha lavorato più volte sotto la direzione di Maurizio Schmidt, Marco Baliani, Maria Maglietta, Bruno Stori e Gabriele Vacis. Ha lavorato inoltre con Giorgio Strehler, Cesare Lievi e Daniele Finzi Pasca. Come regista ha scritto e diretto numerosi spettacoli tra i quali Beata Gioventù, dedicato ai diritti dei bambini. Conduce da anni laboratori teatrali per tutte le età. E adesso viaggia in bicicletta, con un bagaglio di storie. Per chiunque volesse informazioni basta contattare l’indirizzo mail rag.carletti@gmail.com o il numero di telefono 3479544973, oppure recarsi sulla pagina Facebook di Carlo Ottolini.

Nella foto: Carlo Ottolini

Teatri chiusi? A Milano, un attore racconta storie ai bambini nei cortili e nei giardini
Teatri chiusi? A Milano, un attore racconta storie ai bambini nei cortili e nei giardini


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma