“Lookdown”, l'opera di Jago a Napoli: “vi invito a guardare ai problemi della società”


Nella notte del 5 novembre è apparsa a Napoli un'opera in marmo dello scultore Jago, intitolata “Lookdown”. Raffigura un neonato incatenato e vuole essere un invito a riflettere sui problemi della società.

Nella notte del 5 novembre, è stata collocata a Napoli, più precisamente a Piazza del Pebliscito, una scultura raffigurante un neonato rannicchiato e inchiodato a terra da una catena. L’opera è dello scultore Jago e si intitola Lookdown.

Il nome della scultura assomiglia a “lockdown”, la parola più utilizzata in questo storico periodo di pandemia, quindi è un gioco di parole. “Il significato della mia opera? Andatelo a chiedere a tutti quelli che, in questo momento, sono stati lasciati incatenati nella loro condizione”, ha dichiarato l’artista Jago. Lookdown, afferma, è "un invito a ’guardare in basso’ ai problemi che affliggono la società e alla paura di una situazione di povertà diffusa che si prospetta essere molto preoccupante, soprattutto per i più fragili.

Jacopo Cardillo, questo il suo vero nome, è un artista di 33 anni originario di Frosinone. In passato aveva “offerto” a Napoli un’altra sua opera, dal titolo Figlio velato, scultura che richiama nel nome e nella realizzazione il capolavoro di Giuseppe Sammartino, il Cristo Velato, custodito nella Cappella San Severo, nel cuore della città. È solito realizzare le sue opere scolpendo il marmo a mano: il materiale con cui ha realizzato Lockdown è marmo Danby proveniente dalle cave statunitensi del Vermont.

“Lookdown”, l'opera di Jago a Napoli: “vi invito a guardare ai problemi della società”
“Lookdown”, l'opera di Jago a Napoli: “vi invito a guardare ai problemi della società”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma