Online il portale dedicato agli scritti e alla biblioteca di Alessandro Manzoni


Da oggi è online il nuovo portale dedicato al corpus manzoniano, tra editi e inediti. Bradburne: "Un modello di ciò che dovrebbe fare una biblioteca contemporanea"

È accessibile a tutti da oggi il nuovo portale dedicato ad Alessandro Manzoni, Manzoni Online: uno spazio virtuale che raccoglie il corpus manzoniano di carte, volumi e opere, tra editi e inediti, attualmente suddivisi tra i fondi della Biblioteca Nazionale Braidense, di Casa Manzoni a Milano e di Villa Manzoni a Brusuglio. Il portale è rivolto a studiosi, ricercatori ma anche a lettori, interessati alla presentazione sintetica e alla catalogazione delle opere, dei manoscritti, delle lettere e della biblioteca dello scrittore. Si tratta della riproduzione digitale più ampia possibile dei documenti.

A presentarlo è stato il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne: “Questo è un modello di ciò che dovrebbe fare una biblioteca contemporanea” ha affermato. “Ci auguriamo che possa essere uno stimolo per analoghe attività di digitalizzazione e valorizzazione di altri archivi letterari” ha aggiunto la direttrice della Biblioteca Nazionale Braidense, Maria Goffredo

Il portale è in corso di allestimento e consente per ora un accesso parziale alle risorse, che verranno via via rese pubbliche una volta completate.
La bibliografia è in continua crescita e prevede il recupero dell’intera critica storica.

Il progetto Manzoni Online risponde a esigenze rigorosamente scientifiche, ma anche alla necessità di tutelare e conservare per via digitale il grande patrimonio cartaceo delle biblioteche italiane. La piattaforma consentirà di accedere a catalogazioni esaustive del corpus manoscritto e librario appartenuto all’autore, permettendo agli studiosi italiani e stranieri un accesso diretto ai materiali manzoniani.

Il portale nasce da un progetto di collaborazione tra studiosi delle Università di Parma, Milano, Pavia, Losanna, Bologna e Roma con la Biblioteca Nazionale Braidense (BNB) e il Centro Nazionale di Studi Manzoniani (CNSM). Finanziato dal Ministero della ricerca e dal Ministero dei Beni culturali per quanto riguarda la digitalizzazione dei manoscritti e dei libri del Fondo manzoniano della Biblioteca Braidense, il progetto si è avvalso della collaborazione di studiosi impegnati da anni nel campo degli studi manzoniani e di numerosi studenti delle Università coinvolte: un sistema di sinergie tra enti di conservazione e di ricerca che costituisce uno dei punti di forza di quest’iniziativa.

Immagine: Francesco Hayez, Ritratto di Alessandro Manzoni (1841; olio su tela, 120 x 92,5 cm; Milano, Pinacoteca di Brera)

Online il portale dedicato agli scritti e alla biblioteca di Alessandro Manzoni
Online il portale dedicato agli scritti e alla biblioteca di Alessandro Manzoni


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Firenze, un nuovo museo accoglierà l'intero Archivio Alinari
Firenze, un nuovo museo accoglierà l'intero Archivio Alinari
Il British Museum con TEFAF restaurerà reperti danneggiati dall'esplosione del porto di Beirut
Il British Museum con TEFAF restaurerà reperti danneggiati dall'esplosione del porto di Beirut
Arrestati i ladri sospettati del furto alla mostra veneziana dei tesori dei Moghul e dei Maharaja
Arrestati i ladri sospettati del furto alla mostra veneziana dei tesori dei Moghul e dei Maharaja
Il Metropolitan Museum di New York pensa di vendere opere per coprire il buco nel bilancio
Il Metropolitan Museum di New York pensa di vendere opere per coprire il buco nel bilancio
Furto di Klimt a Piacenza, confessano due 66enni del luogo. “L'abbiamo rubato noi, restituito per fare un regalo alla città”
Furto di Klimt a Piacenza, confessano due 66enni del luogo. “L'abbiamo rubato noi, restituito per fare un regalo alla città”
È ADALI la prima associazione degli agenti letterari italiani
È ADALI la prima associazione degli agenti letterari italiani