Palermo, è polemica per le foto di Letizia Battaglia che ritraggono bambine con la Lamborghini


A Palermo si scatena la polemica per le fotografie di Letizia Battaglia per la Lamborghini, che ritraggono alcune bambine assieme a un'auto di lusso sullo sfondo del capoluogo siciliano.

È polemica per le fotografie che la fotoreporter di fama mondiale Letizia Battaglia ha realizzato per la Lamborghini, la nota casa produttrice di automobili di lusso. Letizia Battaglia ha affiancato la Lamborghini per il progetto With Italy, For Italy – 21 views for a new drive, un’iniziativa della casa automobilistica per celebrare la bellezza dell’Italia unendola alle sue vetture. La Lamborghini ha dunque scelto di incaricare venti fotografi per raccontare le venti regioni italiane, con in più, come ospite speciale, proprio Letizia Battaglia, ventunesima fotografa a cui la casa ha affidato il compito di “ritrarre” la sua città, Palermo. “Valorizzare gli angoli di una città meravigliosa, una città che è come una bambina piena di sogni e speranze”, ha commentato l’azienda per presentare le foto. “Letizia Battaglia ha ritratto la sua Palermo assieme alla nostra Aventador SVJ. E lo ha fatto in una maniera meravigliosa”.

Le fotografie, a colori (quindi una scelta insolita per Letizia Battaglia, che utilizza sempre il bianco e nero), ritraggono alcune bambine che posano vicino all’auto della Lamborghini per le strade del capoluogo della Sicilia. “Abbiamo fortemente voluto Letizia Battaglia nel team dei 21 fotografi italiani perché condividiamo i suoi valori e il senso di responsabilità che ha da sempre espresso nelle sue opere”, ha spiegato la Lamborghini in una nota. “Quando abbiamo deciso di coinvolgerla eravamo consapevoli della forza e della potenza delle sue immagini, lei che, nella sua lunga carriera come fotografa, ha trattato temi di attualità e sempre molto delicati. Ma, per chi la conosce, è ben rinomato che la sua arte ed i suoi soggetti sono fortemente incentrati sui ritratti di giovani figure femminili, che per lei rappresentano una visione di sogno e di speranza. Alla stessa maniera, e seguendo il percorso del progetto fotografico, ha deciso di interpretare la sua amata Palermo insieme a una Lamborghini. Auto che, in questa campagna, diventa un oggetto accessorio e non la protagonista, elemento importante ma pur sempre di supporto, a conferma dell’eccellenza e della bellezza dell’Italia, elementi immortalati dai fotografi coinvolti. Ed è proprio questo che la Battaglia ed i suoi 20 colleghi hanno fatto nei loro molteplici scatti: inserire una vettura, simbolo di eccellenza del nostro Paese, come elemento italiano nello scenario di contesti straordinari”. Chiari dunque i perché della scelta delle fotografie.

Tuttavia le immagini hanno scatenato una ridda di commenti negativi sui social. Il motivo? Non è stato gradito l’accostamento delle automobili superlusso alle bambine. “Foto banali”, “Emozioni zero”, “Pessima pubblicità”. Sotto le foto, pubblicate nella pagina social della Lamborghini, gli utenti si sono scatenati. “Non trasmettono nulla del messaggio riportato nel post, bensì qualcosa di più oscuro e osceno”, scrive un’utente palermitana. “Spiace che Letizia Battaglia si sia prestata a questo marketing così basso”. “Terribile, sotto tutti i punti di vista”, le fa eco un utente di Caltanissetta. “Non so cosa mi dia più fastidio tra le bruciature in alto, le bambine ammiccanti con auto di lusso, la sedia da 12 euro in piazza, il soggetto fuso con la macchina in fondo”. “Ci sono altri modi per valorizzare la bellissima Palermo”, taglia corto un’altra utente di Facebook. “Certamente non l’accostamento tra le bambine e l’auto di lusso, che trovo di cattivo gusto”. Altri invece criticano le fotografie perché non trasmetterebbero “bellezza”. C’è chi parla di sensualità “lolitesca” delle bambine e quindi di “uso strumentale dell’identità femminile”. Un’utente di Palermo si chiede addirittura se l’azienda stia “pubblicizzando l’auto o l’invito alla pedopornografia”. E un’altra utente rivolge parole dure nei riguardi di Lezitia Battaglia scrivendo “con i soldi che avete investite almeno in un fotografo decente”. I commenti sono nell’ordine delle centinaia.

C’è comunque anche chi difende l’operato della Lamborghini e di Letizia Battaglia, riconoscendo l’intento dell’operazione, quello di identificare, nelle bambine, le speranze di rinascita. C’è chi giustamente spiega che Letizia Battaglia da sempre fotografa bambine e ragazzine, che sono un elemento distintivo della sua arte, al cui centro c’è sempre la donna indipendentemente dalla sua età. Altri puntualizzano il fatto che le foto non hanno niente di volgare o ammiccante. E c’è poi chi sottolinea che comunque stanno facendo parlare dell’azienda. L’obiettivo di raggiungere il pubblico, insomma, è stato raggiunto.

L’azienda ha già fornito la propria replica alle critiche: l’iniziativa di With Italy, for Italy, spiega la Lamborghini in una nota, “nasce come atto di amore di Lamborghini per il suo Paese, per sostenerne il rilancio in un momento di grandi sfide come quello attuale”. Di qui anche la scelta di Letizia Battaglia: “perché condividiamo i suoi valori e il senso di responsabilità che ha da sempre espresso nelle sue opere”, afferma la Lamborghini. “Quando abbiamo deciso di coinvolgerla eravamo consapevoli della forza e della potenza delle sue immagini; lei che, nella sua lunga carriera come fotografa, ha trattato temi di attualità e sempre molto delicati. Ma, per chi la conosce, è ben rinomato che la sua arte ed i suoi soggetti sono fortemente incentrati sui ritratti di giovani figure femminili, che per lei rappresentano una visione di sogno e di speranza. Alla stessa maniera, e seguendo il percorso del progetto fotografico, ha deciso di interpretare la sua amata Palermo insieme a una Lamborghini. Auto che, in questa campagna, diventa un oggetto accessorio e non la protagonista, elemento importante ma pur sempre di supporto, a conferma dell’eccellenza e della bellezza dell’Italia, elementi immortalati dai fotografi coinvolti. Ed è proprio questo che la Battaglia ed i suoi venti colleghi hanno fatto nei loro molteplici scatti: inserire una vettura, simbolo di eccellenza del nostro Paese, come elemento italiano nello scenario di contesti straordinari. Anche per Palermo è stato così: riprendere, in alcune istantanee, le bellezze di una città unica nel suo genere. Palermo per Letizia Battaglia è vista come le bambine dei suoi scatti nella speranza di rinascita e dell’avvento di un mondo nuovo”.

Di seguito alcune foto scattate per la campagna e, nell’ultima immagine, Letizia Battaglia sulla Lamborghini.








Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER