La pittura macchiaiola ha ispirato il nuovo Pinocchio di Garrone


Il nuovo film Pinocchio di Matteo Garrone è stato ispirata dalla luce e dai colori della pittura macchiaiola, in particolare da Vincenzo Cabianca

Il dipinto L’addio del volontario realizzato nel 1858 dal pittore ottocentesco Vincenzo Cabianca (Verona, 1827 – Roma, 1902) e custodito al museo “Giovanni Fattori” di Livorno ha ispirato il regista Matteo Garrone per il suo nuovo film Pinocchio in uscita in questi giorni nelle sale cinematografiche. A interpretare Geppetto nel film è Roberto Benigni.

Il regista è stato ispirato infatti dall’opera di Cabianca e da altri dipinti di Giovanni Fattori, massimi rappresentanti della pittura macchiaiola, per la loro semplicità cromatica. Garrone stesso ha dichiarato che nel girare il film ha messo nella fotografia e nel paesaggio la pittura macchiaola: "I luoghi di Pinocchio sono stati scelti perché facessero pensare ai quadri macchiaioli, riflettendo quelle luci e quei colori che fossero in grado di raccontare l’anima dei personaggi".

Appartenente alla collezione civica livornese, il dipinto riflette pienamente questo concetto per l’ambientazione intima e quotidiana attenta alla minuta descrizione del reale e al significativo ruolo della luce e del colore.

L’addio del volontario affronta da un punto di vista intimo un tema patriottico: un giovane in divisa saluta la giovane moglie e l’anziano padre prima di partire per la prima guerra d’indipendenza. L’uso della luce in quest’opera sottolinea la drammaticità del momento, illuminando nel buio i volti delle persone raffigurate.
Il quadro si basa su una pittura di ambientazione quotidiana con forti toni sentimentali. 

Immagine: Vincenzo Cabianca, L’addio del volontario (1858; olio su tela, 77,8 x 92 cm; Livorno, Museo Giovanni Fattori)

La pittura macchiaiola ha ispirato il nuovo Pinocchio di Garrone
La pittura macchiaiola ha ispirato il nuovo Pinocchio di Garrone


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma