Restaurato e accessibile il Complesso monumentale di Sant’Ippolito all’Isola Sacra a Fiumicino


Sono stati presentati oggi i recenti interventi di restauro al Complesso monumentale di Sant’Ippolito all’Isola Sacra a Fiumicino. Il complesso fa parte del Parco Archeologico di Ostia Antica. 

Presentati oggi a Fiumicino presso il Complesso monumentale di Sant’Ippolito all’Isola Sacra i recenti interventi di restauro del Conventino di Sant’Ippolito, in particolare la torre campanaria romanica e l’affresco nella cappella del Conventino raffigurante il martirio di Ippolito, santo patrono della città. Il Parco archeologico di Ostia Antica restituisce con questo intervento un monumento identitario mediante la risoluzione dei fenomeni di degrado e l’eliminazione dei precedenti interventi conservativi che, per tipologia di materiali o per scelte metodologiche, ne avevano alterato l’aspetto. Il progetto è stato supportato da una serie di indagini scientifiche e approfondimenti diagnostici. Il complesso archeologico di Sant’Ippolito è costituito da una basilica paleocristiana, da un sistema di cisterne romane sotterranee e dal Conventino medievale, su cui svetta il campanile romanico, ben visibile anche dalla viabilità principale che scorre verso l’Aeroporto di Fiumicino.

Sono stati compiuti interventi di consolidamento della torre campanaria e di adeguamento dell’impiantistica dell’intero complesso. Questo intervento ha richiesto la ricucitura delle lesioni presenti nella muratura dalla cortina in laterizi e ha previsto il posizionamento di catene e tiranti e di un cerchiaggio metallico posizionato a livello della torre.

L’affresco all’interno della cappella del Conventino era ormai illeggibile per l’impiego di uno spesso strato di protettivo riconoscibile sia per l’effetto lucido che per gli sbiancamenti diffusi su tutta la superficie. Il restauro ha permesso di riportare alle antiche tonalità di colori e di sfumature la scena che rappresenta drammaticamente il martirio di Ippolito: secondo la tradizione, il santo venne infatti gettato in un pozzo, con una pietra al collo.

Gli elementi lapidei dell’altare sottostante apparivano fortemente lacunosi, frammentati o distaccati, testimonianza di un processo di deterioramento protratto nel tempo. Su tutte le superfici si osservavano, in maniera diffusa, forti sbiancamenti e una patina biologica di colore verde.

Alla cerimonia di presentazione sono intervenuti il sindaco di Fiumicino Mario Baccini, il direttore del Parco archeologico di Ostia antica Alessandro D’Alessio, il vescovo di Porto-Santa Rufina S.E. Mons. Gianrico Ruzza, il direttore generale Musei Massimo Osanna e il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano.

“Questo è un luogo straordinario in cui si può percepire l’eco di una storia millenaria ben visibile in ogni sua pietra e che racconta, ancora oggi, le sedimentazioni di epoche, culture, religioni che da qui sono passate”, ha dichiarato il ministro. “Il prezioso lavoro di restauro, da poco terminato, restituisce a questa comunità uno spazio identitario forte, la Basilica paleocristiana che ha ospitato i resti mortali di Sant’Ippolito martire, patrono di Fiumicino. Un sito di immenso valore e di devozione cristiana posto all’interno di quell’area che per tanti secoli è stata la porta di acceso e di comunicazione tra Roma e l’Impero, che ne ha vissuto i fasti e, anche, la decadenza. Una struttura, quella del Complesso di Sant’Ippolito, posta nel Parco Archeologico di Ostia Antica e in una zona di grande sviluppo”.

“Uno dei caratteri più significativi dell’antica città di Ostia e del gigantesco hub che essa venne a costituire con i vicini porti di Claudio e Traiano, il più grande scalo marittimo del mondo antico, porto e porta di Roma sullo sconfinato territorio dell’Impero, è certamente quello di aver costruito una società a tutti gli effetti multiculturale e multireligiosa”, ha affermato il direttore D’Alessio. “In questo quadro, accanto ai luoghi di culto ’classici’ del pantheon greco-romano, come a quelli riservati alle cosiddette divinità orientali (Cibele, Mitra, Serapide), e ancora alla più antica sinagoga nota del Mediterraneo occidentale, c’è una vera e propria ’geografia cristiana’ che gradualmente vi si affermò: dall’oratorio di Sant’Aurea e San Ciriaco posto presso il teatro, alla Basilica di Pianabella lungo la via Ostiense, dalla grande Basilica Costantiniana a quella di Portus (Fiumicino). A questo ricco palinsesto paleocristiano che così palesemente tratteggia le radici cristiane della nostra civiltà, si aggiunge il complesso della Basilica e del Conventino del martire S. Ippolito, situato nel territorio di Fiumicino e che è figura fortemente identitaria e molto sentita dalla comunità locale. A conclusione di un complicato intervento di messa in sicurezza e restauro del monumento, il Parco lo restituisce oggi alla pubblica fruizione e alle istanze del culto, seppur con tempi e modalità che andranno di volta in volta stabiliti in base alla necessità imprescindibile di garantirne la tutela e la miglior conservazione”.

“L’arte è sicuramente il veicolo più inteso ed efficace di educazione, integrazione e socializzazione che possiamo utilizzare. Restituire al territorio e ai cittadini di Fiumicino un’opera così importante come quella che celebra il patrono della città, sant’Ippolito, è sicuramente un gesto di grande altruismo e di grande interesse per questo Comune e i suoi cittadini. Per questo ringraziamo il direttore del Parco archeologico che ha sovrinteso a tutti i lavori, tutti i colori i quali si sono impegnati e soprattutto il Ministro Sangiuliano che oggi ha voluto essere qui presente a inaugurare questo restauro a pochi giorni dalla festa patronale”, ha aggiunto il sindaco di Fiumicino.

Il 5 ottobre, giorno in cui Fiumicino celebra sant’Ippolito, il complesso sarà aperto al pubblico dalle ore 11 alle 18.15, a seguire sarà aperto nei weekend, il sabato e la domenica, dal 7 ottobre al 10 dicembre, dalle ore 11 alle 14.30.

Complesso monumentale Sant'Ippolito all'Isola Sacra
Complesso monumentale Sant’Ippolito all’Isola Sacra
Torre campanaria
Torre campanaria
Affresco con il martirio di sant'Ippolito
Affresco con il martirio di sant’Ippolito

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020