Biblioteca Nazionale Napoli, restaurati tre importanti codici dell'epoca di Dante


Restaurati tre importanti codici della Biblioteca Nazionale di Napoli che circolavano ai tempi di Dante e che hanno probabilmente influito sulla sua formazione culturale.

Tre importanti codici trecenteschi della Biblioteca Nazionale di Napoli sono stati restaurati: questi probabilmente hanno influito sulla formazione culturale di Dante: l’Etica di Aristotele, le lettere a Lucilio e il Tresor di Brunetto Latini. Testi fondamentali per la comprensione delle fonti dantesche; inoltre i manoscritti, che circolavano all’epoca di Dante, rivestono anche un significativo interesse bibliografico. 

L’intervento conservativo è stato compiuto presso la Biblioteca Nazionale di Napoli, grazie alle risorse messe a disposizione dell’Accademia Nazionale dei Lincei, che ha voluto garantire la presenza dei codici nella mostra in corso fino al 16 gennaio 2022 a Palazzo Corsini di Roma, dedicata a “La Biblioteca di Dante”. La mostra indaga le conoscenze culturali del Sommo Poeta ai tempi in cui si appresta alla composizione della Divina Commedia e presenta per la prima volta tutte le opere citate da Dante nei suoi scritti, grazie all’Accademia Nazionale dei Lincei e alla sua collaborazione con le biblioteche italiane. La mostra, a cura di Roberto Antonelli, Ebe Antetomaso, Marco Guardo, Lorenzo Mainini, ospita oltre settanta codici, provenienti dalle maggiori collezioni italiane e internazionali: tra questi i tre codici napoletani, che il pubblico potrà ammirare restaurati. 

L’Etica di Aristotele è un’opera fondamentale per comprendere la concezione filosofica e morale di Dante. Il manoscritto è da considerare un classico esempio di codice di studio, riccamente postillato da studiosi letterati e riporta la traduzione in latino, compiuta direttamente dal greco da Roberto Gossatesta, vescovo di Lincoln, tra il 1240 e il 1249. Il codice potrebbe essere stato in origine di proprietà di Fra Mariano da Firenze (1477-1523), dotto frate francescano; il convento a cui si fa riferimento potrebbe essere Santa Maria degli Angeli di Firenze.

Il Tresor di Brunetto Latini è uno dei pochissimi esemplari presenti nelle biblioteche italiane redatti secondo il testo originale, in francese. Brunetto Latini compose l’opera in Francia, durante l’esilio dal 1260 al 1267, in lingua d’oïl, con il titolo Li livres dou Tresor: si tratta di una vera enciclopedia medievale.

Le lettere a Lucilio di Lucio Anneo Seneca sono un volgarizzamento in toscano ricco ed elegante dell’opera morale di Seneca, databile tra il 1320-1340, e si rifà alla prima traduzione in una lingua moderna dal latino francese degli anni 1308-1310 delle lettere di Seneca al suo discepolo. Il codice presenta una miniatura attribuita da studi recenti alla bottega di Pacino di Bonaguida, importante pittore e miniatore italiano, di scuola giottesca, attivo a Firenze a partire dal primo decennio del Trecento.

“Mi preme sottolineare”, commenta Salvatore Buonomo, direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, “il pregevole restauro conservativo di tre nostri manoscritti membranacei effettuato presso il nostro istituto dalla restauratrice Chiara Argentino sotto la supervisione dei nostri funzionari e finanziato dall’Accademia dei Lincei. Attivare collaborazioni, come in questo caso con l’Accademia Dei Lincei, sviluppando nuovi strumenti di condivisione e percorsi comuni, è di supporto per salvaguardare la funzione sociale della cultura, rafforzando l’attività delle biblioteche, quale strumenti di conoscenza e di saperi”. 

Nell’immagine, le lettere a Lucilio.

Biblioteca Nazionale Napoli, restaurati tre importanti codici dell'epoca di Dante
Biblioteca Nazionale Napoli, restaurati tre importanti codici dell'epoca di Dante


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER