Siena, di nuovo visibili tre vetrate della bottega del Ghirlandaio nella Cripta del Duomo


A partire dal 21 di aprile saranno di nuovo visibili in modo permanente tre vetrate della bottega del Ghirlandaio nel Duomo di Siena.

Le tre vetrate in vetro soffiato e dipinte “a grisaglia”, che furono realizzate da maestri della bottega del Ghirlandaio alla fine del XV, sono oggi di nuovo visibili al pubblico. Recuperate grazie all’Opera della Metropolitana di Siena, dopo un’opera di restauro realizzata in più tempi da Camillo Tarozzi e più recentemente da Angela Nenci e Caterina Pavolini, titolari della Vetreria La Diana con la collaborazione di Cesare Valenti della MetalProject, si trovano nella Cripta del Duomo di Siena.

Le tre opere policrome in vetro soffiato furono realizzate per la chiesa di San Francesco a Colle val d’Elsa per essere poi cedute all’Opera della Cattedrale. A Siena arrivarono nel XIX secolo. Furono montate nel transetto destro, a lato dell’altare del Santissimo Sacramento e in quello sinistro accanto all’altare di Sant’ Ansano dopo un adattamento alle dimensioni delle monofore mediante un coronamento in vetro colorato.  Nel 1998 venne smontata dal telaio ottocentesco quella posta nel transetto destro e il restauro affidato nel 2001 a Camillo Tarozzi per poi rimanere conservata in speciali casse fino al 2019 quando fu deciso dall’Opera del Duomo di restaurare anche quella posta sul transetto sinistro affidando il lavoro ad Angela Nenci e Caterina Pavolini, in collaborazione con Cesare Valenti.

Il restauro completo è stato compiuto utilizzando un laboratorio temporaneo, allestito negli spazi dell’Oratorio di San Giovannino e S. Gennaro dove le restauratrici ed il fabbro hanno portato a termine il delicatissimo lavoro sotto il controllo dell’allora Soprintendente Andrea Muzzi coadiuvato dalla funzionaria Letizia Nesi. Terminati i restauri è stato deciso di musealizzare le opere all’interno della Cripta del Duomo con il progetto di allestimento affidato dall’Opera della Metropolitana all’arch. Piero Castri di Opera Laboratori che ha concordato con l’Ufficio Tecnico della Fabbriceria la realizzazione di grandi telai metallici atti a modificare la parte sommitale, mediante calandratura del telaio maestro, al fine di sottolineare la proporzione armoniosa dell’ogiva medievale.

Le vetrate del Ghirlandaio saranno visibili permanentemente all’interno della cripta dal 21 aprile 2022.

L’evento di presentazione e inaugurazione a cui parteciperanno l’Arcivescovo Metropolita di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino Augusto Paolo Card. Lojudice, il Rettore dell’Opera della Metropolitana Guido Pratesi, il Direttore Ufficio Beni Cultuerali Ecclesiastici di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino Enrico Grassini, le restauratrici Angela Nenci e Caterina Pavolini e il responsabile di Opera Laboratori per il nuovo allestimento espositivo delle vetrate Piero Castri verrà trasmesso in diretta sulle reti televisive locali a partire dalle ore 17:00 di mercoledì 20 aprile.

“L’ingegnoso sistema concepito da tutte le maestranze dell’Opera del Duomo e di Opera Laboratori” dice il Rettore dell’Opera della Metropolitana Guido Pratesi “e l’altissima precisione dei telai e controtelai metallici consentiranno l’esecuzione, in totale sicurezza, di futuri interventi di manutenzione sia delle vetrate policrome sia dell’impianto di retroilluminazione, elemento quest’ultimo, in grado di valorizzare il colori dei vetri in modo del tutto naturale”.

Siena, di nuovo visibili tre vetrate della bottega del Ghirlandaio nella Cripta del Duomo
Siena, di nuovo visibili tre vetrate della bottega del Ghirlandaio nella Cripta del Duomo


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Coronavirus, in Austria i musei potrebbero riaprire da metà maggio
Coronavirus, in Austria i musei potrebbero riaprire da metà maggio
Addio a Frank Horvat, uno dei grandi nomi della fotografia del XX secolo
Addio a Frank Horvat, uno dei grandi nomi della fotografia del XX secolo
Nasce a Brera il Centro Internazionale della cultura dell'infanzia
Nasce a Brera il Centro Internazionale della cultura dell'infanzia
Lockdown totale in Austria, chiude di nuovo tutta la cultura. “È devastante”
Lockdown totale in Austria, chiude di nuovo tutta la cultura. “È devastante”
Savona, annuncio di vendita per una casa indipendente, ma in realtà è un teatro
Savona, annuncio di vendita per una casa indipendente, ma in realtà è un teatro
Apre al pubblico la casa-studio della surrealista Leonora Carrington a Città del Messico
Apre al pubblico la casa-studio della surrealista Leonora Carrington a Città del Messico