Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano


Siracusa, una coppia di turisti trentenni, ubriachi, ha fatto il bagno nella fontana di Diana, danneggiandola: spezzato un dito di una delle figure.

Costerà cara la vacanza (e la sbronza) in Italia a una coppia di turisti inglesi trentenni che ieri sera, alla loro ultima notte di soggiorno a Siracusa, hanno avuto la bella idea di fare il bagno nella fontana di Diana, opera monumentale realizzata tra il 1906 e il 1907 su progetto del marchigiano (ma catanese d’adozione) Giulio Moschetti, allievo di Tadolini e Podesti. I due giovani, vistosamente ubriachi, hanno deciso di rinfrescarsi nelle acque della fontana di piazza Archimede, incuranti dei passanti... e anche delle forze dell’ordine.

Dal posto transitava infatti una pattuglia dei carabinieri che ha tratto fuori i due turisti dall’acqua, constatando però che, durante il bagno, i due trentenni avevano danneggiato la scultura, in particolare l’alluce destro della statua della ninfa Aretusa, spezzandolo. I due giovani (l’uomo di professione insegnante, la donna infermiera, residenti a Londra) sono stati subito denunciati per danneggiamento aggravato (rischiano una reclusione da sei mesi a tre anni). I militari hanno poi recuperato il dito spezzato, che era caduto sul fondo della fontana: sarà ora affidato ai restauratori.

Nella foto: la fontana di Diana. Ph. Credit Maurizio Formati

Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano
Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma