Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano


Siracusa, una coppia di turisti trentenni, ubriachi, ha fatto il bagno nella fontana di Diana, danneggiandola: spezzato un dito di una delle figure.

Costerà cara la vacanza (e la sbronza) in Italia a una coppia di turisti inglesi trentenni che ieri sera, alla loro ultima notte di soggiorno a Siracusa, hanno avuto la bella idea di fare il bagno nella fontana di Diana, opera monumentale realizzata tra il 1906 e il 1907 su progetto del marchigiano (ma catanese d’adozione) Giulio Moschetti, allievo di Tadolini e Podesti. I due giovani, vistosamente ubriachi, hanno deciso di rinfrescarsi nelle acque della fontana di piazza Archimede, incuranti dei passanti... e anche delle forze dell’ordine.

Dal posto transitava infatti una pattuglia dei carabinieri che ha tratto fuori i due turisti dall’acqua, constatando però che, durante il bagno, i due trentenni avevano danneggiato la scultura, in particolare l’alluce destro della statua della ninfa Aretusa, spezzandolo. I due giovani (l’uomo di professione insegnante, la donna infermiera, residenti a Londra) sono stati subito denunciati per danneggiamento aggravato (rischiano una reclusione da sei mesi a tre anni). I militari hanno poi recuperato il dito spezzato, che era caduto sul fondo della fontana: sarà ora affidato ai restauratori.

Nella foto: la fontana di Diana. Ph. Credit Maurizio Formati

Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano
Siracusa, turisti sbronzi fanno il bagno nella fontana di Diana e la danneggiano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER