Spagna, mozione in Senato per dichiarare la cultura bene essenziale, come la salute


In Spagna il Senato ha approvato all’unanimità una mozione per dichiarare la cultura bene essenziale, come la salute e l’istruzione. Ora tocca al governo.

La cultura dev’essere dichiarata bene essenziale, come la salute o come l’istruzione: è questo il contenuto della mozione presentata oggi al Senato della Spagna dal senatore basco Koldo Martínez Urionabarrenetxea, della coalizione di centro-sinistra Geroa Bai. Il documento, che ha ricevuto l’adesione di tutti i partiti del Senato (è la prima volta che accade in questa legislatura), come riferisce il quotidiano La Vanguardia, è stato approvato poco fa dal Senato all’unanimità e viene dunque trasmesso al governo che dovrà approvarlo a sua volta per rendere effettiva la dichiarazione.

Durante la lettura del testo, la vicepresidente del Senato spagnolo, Cristina Narbona, ha sottolineato il valore della mozione perché si tratta della prima volta, nella legislatura cominciata lo scorso dicembre, che un testo proposto da un senatore viene approvato come dichiarazione istituzionale. È dunque un caso “inedito”, ha dichiarato Narbona, auspicando che la stessa unità d’intenti possa prevalere anche in futuro.

Il senatore Martínez Urionabarrenetxea ha elaborato il testo assieme a esponenti del mondo della cultura e ai rappresentanti dell’Unione delle Associazioni di Settore dell’Industria Culturale Spagnola, della Federazione della Musica di Spagna, dell’Associazione degli Attori Lirici e dell’Unione degli Attori e delle Attrici, e ha spesso rimarcato l’importanza di questa misura in un momento come quello che stiamo attraversando: in Spagna, ha ricordato il senatore basco, ci sono 700mila famiglie che lavorano nella cultura e dunque vivono di cultura (e in questo momento vedono a serio rischio la loro sopravvivenza), e che al di là di ciò sono evidenti i benefici prodotti sul corpo e sulla mente dalle arti.

“Da Geroa Bai”, ha detto Martínez Urionabarrenetxea, “ci facciamo carico di una petizione di diversi sodalizi culturali e artistici, che hanno sollecitato al governo la dichiarazione della Cultura come Bene Essenziale. Il settore della cultura ha dimostrato, durante questa crisi, la capacità di adattarsi alla cosiddetta nuova normalità avviando misure di sicurezza e di igiene che hanno evitato la diffusione del contagio negli spettacoli e nelle altre manifestazioni artistiche. Di conseguenzza ci è sembrato necessario affermare il carattere essenziale di quelle attività che, come segnalano gli esperti degli organismi internazionali, producono grandi benefici per il nostro corpo e le nostre emozioni”. Secondo Martínez, la cultura, in quanto “risposta que la società dà ai problemi che affronta in ogni momento, contribuisce al nostro benessere e si è dimostrata un elemento essenziale per rendere più sopportabile il confinamento. A tutti noi tornano alla mente le immagini dei cantanti e dei musicisti che dai balconi ravvivavano il nostro confinamento. Dunque riteniamo che, con le adeguate misure di controllo, la Cultura, in tutte le sue manifestazioni, sia e debba essere presente tra tutte e tutti noi, soprattutto in situazioni come quella che abbiamo vissuto, durante la quale, per difendere la nostra salute, abbiamo visto limitare la nostra libertà di movimento”.

Di seguito il testo completo della mozione: “Il Senato dichiara conveniente che il Consiglio dei Ministri approvi, come già avvenuto in altri paesi, la dichiarazione della Cultura come Bene Essenziale, paragonando così un’attività che è tanto necessario per il rafforzamento e la coesione della societa, ad altre attività che sono state protette dallo Stato in fasi distinte delle misure adottate dalle autorità statali, regionali e locali durante la crisi del Covid-19”.

Spagna, mozione in Senato per dichiarare la cultura bene essenziale, come la salute
Spagna, mozione in Senato per dichiarare la cultura bene essenziale, come la salute


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER