Ufficiale, si farà il concerto dei Kiss all'Arena di Verona. Poi stop ai fuochi nell'anfiteatro


Si farà questa sera il concerto dei Kiss all’Arena di Verona: il soprintendente Vincenzo Tinè ha dato il suo benestare. Lo spettacolo del gruppo americano sarà però l'ultimo con fuochi d’artificio dentro all'anfiteatro scaligero: in seguito il regolamento cambierà.

Com’era prevedibile, alla fine la Soprintendenza di Verona ha dato il via libera al concerto dei Kiss questa sera all’Arena di Verona: inizialmente sembrava che l’ente fosse propenso a dare parere negativo a causa dell’utilizzo di fuochi d’artificio durante lo spettacolo da parte del gruppo statunitense, ma a seguito di colloqui con l’azienda Live Nation (gli organizzatori dell’evento) e con il sindaco Damiano Tommasi, il soprintendente Vincenzo Tinè ha dato il suo benestare, quindi il concerto si farà regolarmente. L’appuntamento per la seconda e per ora ultima data italiana di The End of the Road World Tour, il tour d’addio alle scene musicali del gruppo di Paul Stanley, Gene Simmons, Eric Singer e Tommy Thayer, è rimasto dunque per questa sera alle 21:15.

La soprintendenza veronese ha preso atto “dell’impegno assunto dal sindaco a condividere le ragioni circa la scelta di non consentire elementi scenici che possano generare un rischio per l’integrità del monumento”, inoltre la nuova amministrazione ha manifestato la volontà di rimettere sotto esame tutti gli aspetti critici dei giochi pirotecnici all’Arena: in sostanza, in futuro occorrerà aspettarsi un nuovo regolamento che rivedrà modalità e tempi dell’organizzazione degli eventi nell’anfiteatro scaligero.

“La soluzione trovata con la Soprintendenza rispetto al concerto dei Kiss va nell’ottica di condividere il percorso di valorizzazione e tutela del monumento Arena”, ha dichiarato il sindaco Tommasi. “Credo sia un buon inizio di collaborazione rispetto alla gestione futura di questi eventi, perché hanno bisogno di programmazione e di condivisione, soprattutto per ciò che riguarda le modalità di organizzazione e gestione degli stessi all’interno dell’anfiteatro”.

Il soprintendente Tinè, dal suo canto, ha ringraziato il sindaco per l’opera di mediazione, ma ha anche precisato che il concerto dei Kiss di questa sera sarà l’ultima deroga per giochi pirotecnici dentro all’Arena di Verona: in futuro saranno presi in considerazione solo se strettamente necessari per la rappresentazione scenica, oppure se prodotti attraverso nuove tecnologie in grado di simularli.

Nella foto: il concerto dei Kiss all’Arena di Verona nel 2015

Ufficiale, si farà il concerto dei Kiss all'Arena di Verona. Poi stop ai fuochi nell'anfiteatro
Ufficiale, si farà il concerto dei Kiss all'Arena di Verona. Poi stop ai fuochi nell'anfiteatro


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Singolare azione di sensibilizzazione sulla lettura: i traduttori regalano libri ai politici
Singolare azione di sensibilizzazione sulla lettura: i traduttori regalano libri ai politici
Riapertura a più fasi per la Sagrada Familia: operatori sanitari e residenti per primi
Riapertura a più fasi per la Sagrada Familia: operatori sanitari e residenti per primi
Banksy vende suo stencil per salvare la prigione di Reading dove fu incarcerato Oscar Wilde
Banksy vende suo stencil per salvare la prigione di Reading dove fu incarcerato Oscar Wilde
La pittura macchiaiola ha ispirato il nuovo Pinocchio di Garrone
La pittura macchiaiola ha ispirato il nuovo Pinocchio di Garrone
Del Corno scrive a Draghi: “come primo provvedimento riapra tutti i luoghi della cultura”
Del Corno scrive a Draghi: “come primo provvedimento riapra tutti i luoghi della cultura”
A chi appartiene l'oro della Scizia? Un museo olandese al centro di un caso internazionale
A chi appartiene l'oro della Scizia? Un museo olandese al centro di un caso internazionale