Arte Fiera 2018, ecco tutti i vincitori dei premi messi in palio a Bologna


Ecco tutte le opere vincitrici dei premi messi in palio all’edizione 2018 di Arte Fiera a Bologna, con tutte le immagini dei lavori che hanno ottenuto i riconoscimenti.

Sono stati sei i premi messi in palio quest’anno alla quarantaduesima edizione di Arte Fiera, la grande mostra mercato di Bologna. Ecco, premio per premio, chi sono stati gli artisti vincitori.

1. Premio Euromobil
La dodicesima edizione del Premio Gruppo Euromobil, riservato ad artisti under 30, è andato ex aequo a Barbara De Vivi (Venezia, 1991) e a Matthew Attard (Malta, 1987). La prima ha presentato un Notturno (2017; olio su tela, 140 x 200 cm) con la Galleria Marcolini, mentre è del secondo l’opera Untitled (You are a poser!) (2014; filo di alluminio e muro, 200 x 180 cm), presentata dalla Galleria Michela Rizzo. Le motivazioni della giuria: “Il dipinto della De Vivi è un grande olio su tela da cui emergono figure, animali, tracce di natura: un mondo denso e ricco di citazioni colte e richiami all’arte del passato ma anche estremamente contemporaneo nel suo mistero, nel suo svelarsi a poco a poco, nel suo silenzio riservato. Le sculture di Matthew Attard, realizzate con fili di alluminio - attraversano la linea sottile che divide astrazione e figurazione ricomponendo immagini riconoscibili e addirittura, trattandosi di figure femminili, estremamente seducenti”.

Barbara De Vivi, Notturno (2017)
Barbara De Vivi, Notturno (2017)



Matthew Attard, Untitled (You are a poser!) (2014)
Matthew Attard, Untitled (You are a poser!) (2014)

2. Premio ANGAMC
Il premio alla carriera assegnato dall’Associazione Nazionale delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, giunto alla seconda edizione, è stato assegnato quest’anno al gallerista milanese Giorgio Marconi, attivo da oltre cinquant’anni. Così ha commentato Mauro Stefanini, presidente di ANGAMC: “con il suo lavoro, Giorgio Marconi ha nobilitato il ruolo del gallerista, non solo come mercante d’arte quanto come vero operatore culturale che ha contribuito a trasmettere e a divulgare le istanze più profonde e innovative dell’arte del XX secolo”.

3. Premio #ContemporaryYoung
Il premio, assegnato dal gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia, è andato a Rodrigo Hernández (Città del Messico, 1983), autore dell’opera Small Spaceman (2016), presentata dalla galleria P420 e vincitrice su un lotto di trenta candidate di artisti under 40 che si sono confrontati sul tema “L’arte è lavoro - il lavoro è arte?”. Questa la motivazione: “La giuria di quest’anno ha selezionato una galleria giovane, un giovane e promettente artista, ma anche un’opera evocativa. L’immagine dell’astronauta, dell’uomo che si proietta oltre i confini del conosciuto, pronto ad esplorare, a scoprire, a farsi pioniere e precursore, è quanto mai vicina a quella dell’uomo imprenditore, ed è per noi metafora di un percorso quotidiano che si compie, anche, guardando lontano”.

Rodrigo Hernández, Small spaceman (2016)
Rodrigo Hernández, Small spaceman (2016)

4. Premio Centro Porsche Bologna
Il premio promosso dal Centro Porsche di Bologna e volto a premiare il connubio tra arte e meccanica, è stato assegnato a Martino Genchi (Milano, 1982) e alla sua opera Linger (2016), presentata dalla Galleria Michela Rizzo. La motivazione: “un’opera che interagisce con lo spazio circostante creando in una forma materica eccellente un fascio luminoso, sfiorando il campo del design”.

Martino Genchi, Linger (2016)
Martino Genchi, Linger (2016)

5. Premio Rotary
Il riconoscimento promosso dal Rotary Bologna Valle del Samoggia è andato alla galleria Matèria di Roma. La motivazione della giuria: “Tenuto conto dei principi del Rotary, in particolare favorire la diffusione della cultura dell’arte tra la gioventù e divulgare i principi di amicizia e fratellanza fra le genti, la giuria all’unanimità individua nella galleria Materia l’impegno, la coerenza e la capacità di operare in un contesto commerciale non tralasciando, bensì valorizzando l’elemento sperimentale delle nuove proposte artistiche italiane”. Il premio Rotaract Bologna è stato invece assegnato a Giulia Marchi (Conegliano, 1983) e alla sua Camera anecoica (2018), mentre il Premio Speciale Andrea Sapone è andato a Giuseppe De Mattia (Bari, 1980) per l’opera Salta pesce (2017).

Giulia Marchi, Camera anecoica (2018)
Giulia Marchi, Camera anecoica (2018)



Giuseppe De Mattia, Salta pesce (2017)
Giuseppe De Mattia, Salta pesce (2017)

6. Premio Consultinvest
Va al fotografo cinese Liu Bolin (Shandong, 1973) il Premio Consultinvest, riservato agli artisti emergenti: premiata l’opera Sala del trono (2018; stampa a getto d’inchiostro, 68 x 90 cm), presentata da Boxart.

Liu Bolin, Sala del trono (2018)
Liu Bolin, Sala del trono (2018)

Arte Fiera 2018, ecco tutti i vincitori dei premi messi in palio a Bologna
Arte Fiera 2018, ecco tutti i vincitori dei premi messi in palio a Bologna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER