Eco e Narciso, a Palazzo Barberini una grande mostra da Raffaello a Shirin Neshat per festeggiare la riapertura di 11 sale


La Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini di Roma è protagonista di una grande mostra in programma dal 18 maggio al 28 ottobre 2018: intitolata Eco e Narciso. Ritratto e autoritratto nelle collezioni del MAXXI e delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini, è una rassegna di ritrattistica, che inaugura le undici nuove sale di Palazzo Barberini. Gli ambienti che la ospitano sono stati infatti restituiti al pubblico tra il 2015 e il 2017: un totale di 750 metri quadri di percorso espositivo, affiacciato sui giardini del palazzo. Si tratta dell’ala dell’Appartamento Nuovo, dove un tempo dimoravano i cardinali della famiglia Barberini. Aperte al pubblico nuovamente anche la Sala Ovale, voluta da Bernini e di forma ellittica, e la Sala dei Paesaggi con le deocrazioni di Filippo Cretoni. Sarà inoltre fruibile anche la scala elicoidale di Francesco Borromini. Dopo la mostra, le sale saranno integrate nel percorso di visita della Galleria e accoglieranno opere del Sei e Settecento delle collezioni permanenti, compresi i dipinti della donazione Lemme.

Le nuove sale adesso, invece, accolgono temporaneamente 37 opere di 25 artisti dalle collezioni delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini e del MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XII secolo. Un dialogo lungo secoli che coinvolge artisti come Raffaello, Bernini, Giulio Paolini, Richard Serra, Guido Reni, Piero di Cosimo, Stefano Arienti, Maria Lai, Shirin Neshat. La mostra, curata dai direttori delle Gallerie Nazionali di Roma e del MAXXI, ovvero Flaminia Gennari Santori e Bartolomeo Pietromarchi, nel titolo fa riferimento al mito di Eco e Narciso raccontato nelle Metamorfosi di Ovidio: viene evocata, si legge nella presentazione, “la figura dell’artista, allo stesso tempo Narciso ed Eco, condannato a inseguire un’immagine, un riflesso, un’illusione, metafora che ben si evince nella tematica del ritratto e autoritratto, declinata nelle sue innumerevoli sfumature: dal potere all’erotismo, dall’intimo all’esotico, dalla temporalità alla spiritualità, dal concettuale al grottesco”.

Il percorso inizia dal Salone del Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona e prosegue poi nel Salone Ovale, dove si trova il Narciso ritenuto di Caravaggio ma più verosibilmente attribuibile allo Spadarino, messo a confronto con l’Eco nel vuoto, opera site specific di Giulio Paolini che sottolinea l’aspetto dell’assenza e della solitudine del mito di Eco e Narciso. E ancora, Markus Schinwald a confronto con Luca Giordano, i ritratti astratti di Richard Serra in dialogo con l’Enrico VIII di Hans Holbein e lo Stefano IV Colonna del Bronzino, le opere di Kiki Smith abbinate a quelle di Rosalba Carriera e Benedetto Luti, il Nudo femminile di schiena di Pierre Subleyras (uno dei primi dipinti di donna nuda ritratta dal vivo) a confronto con l’intimità delle coppie gay di Stefano Arienti. Nella camera da letto d’inverno e in quella successiva i visitatori troveranno poi la Maddalena di Piero di Cosimo e la Fornarina di Raffaello assieme a un’opera di Monica Bonvicini, e la rassegna si conclude nella Sala dei marmi con il ritratto di Urbano VIII di Gian Lorenzo Bernini esposto a fianco dei monumentali ritratti di Giovanni Paolo II eseguiti da Yan Pei-Ming.

La rassegna è visitabile negli orari d’apertura di Palazzo Barberini: dal martedì alla domenica dalle 8:30 alle 19 (la biglietteria chiude un’ora prima). Chiuso il lunedì. Biglietti (validi anche per la Galleria Corsini): intero 12 euro, ridotto 6, ridotto speciale per possessori del biglietto del MAXXI 8 euro. Gratis per minori di 18 anni, scolaresche e insegnanti accompagnatori dell’Unione Europea (previa prenotazione), studenti e docenti di Architettura, Lettere (indirizzo archeologico o storico-artistico), Conservazione dei Beni Culturali e Scienze della Formazione, Accademie di Belle Arti, dipendenti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, membri ICOM, guide ed interpreti turistici in servizio, giornalisti con tesserino dell’ordine, portatori di handicap con accompagnatore, personale docente della scuola, di ruolo o con contratto a termine, dietro esibizione di idonea attestazione sul modello predisposto dal Miur. Col biglietto delle Gallerie Barberini e Corsini e inoltre possibile visitare il MAXXI al prezzo ridotto di 8 euro. Info su www.barberinicorsini.org . La mostra è accompagnata da un catalogo, in uscita a giugno, edito da Electa, con una conversazione tra Flaminia Gennari Santori e Bartolomeo Pietromarchi, schede illustrate delle opere di Michele Di Monte ed Eleonora Farina e con fotografie di allestimento di Agostino Osio. Hashtag: #EcoeNarcisoExhibit.

Nell’immagine, il Narciso attribuito allo Spadarino.

Eco e Narciso, a Palazzo Barberini una grande mostra da Raffaello a Shirin Neshat per festeggiare la riapertura di 11 sale
Eco e Narciso, a Palazzo Barberini una grande mostra da Raffaello a Shirin Neshat per festeggiare la riapertura di 11 sale

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili