Anthropocene al MAST di Bologna chiude con 155mila visitatori


La mostra multimediale Anthropocene al MAST di Bologna si è conclusa registrando un totale di 155mila visitatori.

Si è conclusa con un totale di 155mila visitatori la mostra Anthropocene allestita al MAST di Bologna dal 16 maggio 2019 al 5 gennaio 2020. 

L’esposizione multimediale è nata dalla collaborazione quadriennale tra il fotografo Edward Burtynsky e i registi Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier e il progetto intendeva documentare i cambiamenti che l’uomo ha impresso sulla terra e i suoi effetti sui processi naturali attraverso la combinazione di arte, cinema, realtà aumentata e ricerca scientifica. Un progetto basato sulla ricerca del gruppo internazionale di scienziati Anthropocene Working Group che ha raccolto prove del passaggio dall’attuale epoca geologica , l’Olocene, all’Antropocene

Parte integrante della mostra è stato il pluri-premiato film Anthropocene: the Human Epoch, codiretto dai tre artisti e narrato dal premio Oscar Alicia Vikander. Terzo capitolo di una trilogia che include Manufactured Landscapes (2009) e Watermark (2013), il film testimonia un momento critico nella storia geologica del pianeta, proponendo una provocatoria e indimenticabile esperienza dell’impatto e della portata della nostra specie.

Nel corso della mostra sono stati organizzati talk, incontri e proiezioni, nonché visite guidate curate dai mediatori culturali della Fondazione MAST; è stata inoltre meta di 15500 studenti. 

"Anthropocene era stata pianificata per 4 mesi ed è durata 8 mesi, senza mai registrare un calo del numero di visitatori. Le code per visitarla si sono allungate sempre di più nelle ultime settimane e negli ultimi giorni. Stupefacente, sorprendente e inaspettato. Un anno fa immaginavamo che il tema del clima sarebbe diventato sempre più dominante, ma in pochi mesi tutto è cambiato: è arrivata Greta, sono iniziate le manifestazioni Friday for Future e nell’opinione pubblica è cresciuta la consapevolezza sui temi legati all’ambiente al cambiamento climatico, che sono al centro della mostra e del film” ha commentato Urs Stahel, uno dei curatori della mostra. 

Immagine: Edward Burtynsky, Dandora Landfill #3, Plastics Recycling (Nairobi, Kenya 2016)
Ph. Credit Edward Burtynsky, Courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

Anthropocene al MAST di Bologna chiude con 155mila visitatori
Anthropocene al MAST di Bologna chiude con 155mila visitatori


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER