La prima personale milanese di Alis/Filliol alla Fondazione Pomodoro


È in corso alla Fondazione Pomodoro la prima personale milanese del duo Alis/Filliol, tra i più apprezzati della scena contemporanea italiana.

È uno dei progetti artistici italiani più apprezzati di oggi: il duo Alis/Filliol, formato da Davide Gennarino (Pinerolo, 1979) e Andrea Respino (Mondovì, 1976) arriva a Milano con la prima personale in città, che si tiene presso la Fondazione Arnaldo Pomodoro e che s’intitola eud - Project Room #5.

Curata da Simone Menegoi la mostra presenta al pubblico una grande opera inedita, creata apposta per il luogo che la ospita, e che come da tipica cifra stilistica dei due artisti piemontesi rivista in modo innovativo l’arte della scultura, con rilettura contemporanea delle tecniche tradizionali. L’opera, che s’intitola eud, è un’opera dal sapore quasi mitologico, presentata avvolta da una nebbia che rilegge in chiave del tutto inattesa il concetto di “non finito”. “Quello di Alis/Filliol”, si legge nella presentazione del curatore, “non è solo un lavoro di scultura, ma anche un lavoro sulla scultura: sulla sua storia, sui suoi generi, sulle sue tecniche tradizionali”.

La mostra termina il 27 ottobre ed è visitabile dal martedì al venerdì, dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 19. Ingresso libero. Informazioni sul sito della Fondazione Arnaldo Pomodoro.

Immagine: Alis/Filliol, eud (2017; poliuretano, 180 x 90 x 60 cm e 200 x 140 x 70 cm). Ph. Credit Carlos Tettamanzi.

La prima personale milanese di Alis/Filliol alla Fondazione Pomodoro
La prima personale milanese di Alis/Filliol alla Fondazione Pomodoro


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER