“La ricerca della bellezza”: ad Ascoli in mostra la Collezione Cavallini Sgarbi


Fino al 30 settembre, il Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno ospita una selezione della Collezione Cavallini Sgarbi: la mostra s’intitola ’La ricerca della bellezza’.

“Una collezione d’arte privata è la fondazione di un sistema simbolico, la creazione di una palestra per l’anima, un luogo dove si materializzano scelte intime, meditate e, talvolta, sofferte. Sovente si dimentica che la sua più alta vocazione sia quella di accogliere il pubblico, di offrirsi agli sguardi, di raccontare la propria storia”: recita così la presentazione della mostra che porta fino al 30 settembre, al Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno, una selezione della Collezione Cavallini Sgarbi, la raccolta dello storico dell’arte Vittorio Sgarbi e di sua madre Rina Cavallini

Intitolata La ricerca della bellezza, la mostra propone un percorso lungo quattro secoli che, dalla seconda metà del Quattrocento, radunerà le principali opere della celebre collezione. La ricerca della bellezza è un progetto reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Carisap e gode inoltre del contributo di Regione Marche e del Comune di Ascoli Piceno, oltre che della Camera di Commercio delle Marche e di Bim Tronto. La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Cavallini Sgarbi, la Fondazione Elisabetta Sgarbi e l’Associazione Culturalmente Insieme, è prodotta da Contemplazioni, la quale ne segue anche  la direzione artistica.

All’interno della mostra si respirerà l’atmosfera intima propria di una collezione privata, frutto dell’appassionata “caccia” quarantennale di Vittorio Sgarbi, svolta in tandem con la madre Rina Cavallini, la quale ha acquistato le opere in numerose aste in ogni angolo del mondo. Il suo “miglior uomo”, ricordata dal critico con queste parole: “si fece prolungamento del mio pensiero e della mia vita. Io indicavo il nome di un artista, il luogo, la casa d’aste. E lei puntuale prendeva la mira e colpiva”.

A Palazzo dei Capitani arriva dunque un’antologia che intende illustrare l’identità di una collezione vasta e aperta: in mostra il pubblico vedrà esposte le terrecotte di Matteo Civitali e Agostino de Fundulis, e una raccolta di dipinti perlopiù su tavola, eseguiti tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento: ai pittori nati o attivi a Ferrara (Boccaccio Boccaccino, Francesco Zaganelli, Giovanni Battista Benvenuti detto l’Ortolano, Nicolò Pisano, Benvenuto Tisi detto il Garofalo) si affiancano autori rari come Liberale da Verona, Jacopo da Valenza, Antonio da Crevalcore, Giovanni Agostino da Lodi, Johannes Hispanus, Bartolomeo di David, Lambert Sustris. Il focus sulla “scuola ferrarese” prosegue agli inizi del XVII secolo con i dipinti di Sebastiano Filippi detto il Bastianino, Ippolito Scarsella detto lo Scarsellino, Giuseppe Caletti e Carlo Bononi. Contestualmente si potranno ammirare riconosciuti capolavori della pittura italiana del Seicento, tra i quali conviene citare almeno la Maddalena scortata dagli angeli di Pier Francesco Mazzucchelli detto Morazzone, l’Allegoria del tempo (La vita umana) di Guido Cagnacci, il San Girolamo di Jusepe Ribera, e il Ritratto di Francesco Righetti di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino. Quest’ultimo dipinto, “rientrato a casa” nel 2004 dopo essere stato esposto per anni al Kimbell Art Museum di Fort Worth, in Texas, si pone al vertice di una straordinaria galleria di ritratti che compendia lo sviluppo del genere dall’inizio del Cinquecento alla fine dell’Ottocento, tra pittura e scultura, da Lorenzo Lotto a Francesco Hayez, con specialisti quali Bartolomeo Passerotti, Nicolas Régnier, Philippe de Champaigne, Giovan Battista Gaulli detto il Baciccio, Enrico Merengo. Altrettanto avvincente è il percorso tra dipinti “da stanza” di tema sacro, allegorico e mitologico del Sei e del Settecento: una selezione di sorprendente varietà, e di alta qualità, che riflette gli interessi sconfinati e la frenesia di ricerca del collezionista, con maestri della scuola veneta (Marcantonio Bassetti, Antonio e Bartolomeo Vivarini, Johann Carl Loth, Sebastiano Mazzoni, Giovanni Antonio Fumiani), emiliana (Simone Cantarini, Matteo Loves, Pietro Faccini, Marcantonio Franceschini, Ignaz Stern detto Ignazio Stella), romana (Giuseppe Cesari detto il Cavalier d’Arpino, Gian Domenico Cerrini, Angelo Caroselli, Pseudo Caroselli, Giusto Fiammingo, Alessandro Turchi detto l’Orbetto, Antonio Cavallucci), toscana (Giacinto Gimignani, Livio Mehus, Francesco Conti, Leonardo Grazia detto Leonardo da Pistoia, Alessandro Rosi, Pietro Paolini) e marchigiana ( Nicola Filotesio detto Cola dell’Amatrice, Giovanni Francesco Guerrieri). Chiude il percorso, con un salto temporale che arriva fino al nostro secolo, un pittore del Novecento che per molti versi dialoga con gli antichi: Giorgio Morandi la cui opera racchiude il mondo, sebbene trascorse un’esistenza in una sorta di reclusione domestica.

“Mia madre, complice mio fratello prima, me stessa poi”, dice invece Elisabetta Sgarbi, “ha reso la casa di Ro Ferrarese – paese remoto sotto l’argine del Po – il centro di un mondo complesso e variegato, via vai di una teoria di personalità che ha segnato la cultura italiana e non solo dagli anni settanta sino ai giorni nostri. E questi quarant’anni di collezionismo vorace, rappresentati in queste ottanta opere in mostra, sono l’anima della nostra casa di Ro, anima che varca le mura fisiche della casa, per tornare alla sua vera casa che è il mondo”.

“Siamo lieti di collaborare con la Fondazione Cavallini Sgarbi e di poter donare una mostra straordinaria, un evento unico alla nostra comunità che la Fondazione Carisap sempre stima, incoraggia e sostiene nel suo operare”, afferma Angelo Davide Galeati, presidente di Fondazione Carisap. “L’augurio è che la mostra sia, per il nostro territorio, anche un simbolo di ripartenza e di rinnovata fiducia verso la realtà”.

“Vittorio Sgarbi è un testimonial delle bellezze di Ascoli che sempre esalta appena se ne offre l’occasione, appoggiando presso le sedi istituzionali le iniziative culturali della città e del territorio”, sottolinea il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti. “È in questo quadro che si iscrive la scelta di eleggere la città delle Cento Torri quale sede per una lunga esposizione delle opere appartenenti alla Fondazione Cavallini Sgarbi, che riunisce nel nome dello storico dell’arte e della madre Rina Cavallini i frutti delle loro appassionate ricerche nel mercato antiquario internazionale. Grazie alla loro complicità, infatti, hanno dato vita a una straordinaria raccolta, spesso riportando nel nostro paese quanto era andato disperso”.

Costo del biglietto: intero 10 €, ridotto 8 € (under 18, over 65, studenti universitari), ridotto scuole 5 €

La biglietteria si trova presso Palazzo dei Capitani del Popolo, a Piazza del Popolo

Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 380 3784163 oppure mandare una mail a biglietteria@contemplazioni.it.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLa ricerca della bellezza. Collezione Cavallini Sgarbi
CittàAscoli Piceno
SedePalazzo dei Capitani
DateDal 12/06/2021 al 30/09/2021
TemiAscoli Piceno, Palazzo dei Capitani, Collezione Cavallini Sgarbi

“La ricerca della bellezza”: ad Ascoli in mostra la Collezione Cavallini Sgarbi
“La ricerca della bellezza”: ad Ascoli in mostra la Collezione Cavallini Sgarbi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma